tavola elegante
Consigli per la casa

Bon ton a tavola, il Galateo insegna

La “Bibbia delle buone maniere” detta regole ferree per affrontare un pasto formale. In fondo, in queste occasioni il rispetto dell’etichetta può fare davvero la differenza e regalarvi un naturale charme… anche davanti a un piatto

Tutte noi, o quasi, ci siamo trovate almeno una volta a dover prendere parte a un pranzo o a una cena dai toni formali. E in questi casi tutte o quasi ci siamo chieste almeno una volta “Cosa dice il Galateo? Come dovrei comportarmi?”, mostrandoci – magari davanti a colleghi e capo nostri o del nostro compagno – impacciate e a disagio. Ecco perché forse un ripasso su quali regole sottendono un buon comportamento a tavola non fa male. E per farlo non possiamo che rivolgerci alla “Bibbia delle buone maniere”.

Le regole di comportamento secondo il Galateo

Il Galateo detta regole molto precise rispetto al comportamento che è il caso di adottare a tavola. Al momento di accomodarsi, è importante eseguire un primo semplice gesto: stendere sulle gambe il tovagliolo senza aprirlo completamente. Quando arriva il cestino del pane, non è il caso di avventarvici sopra, almeno fino a che la prima portata non sia stata servita. Attenzione anche agli incidenti: se vi dovesse accidentalmente cadere una posata, il Galateo dice di evitare di fiondarsi sotto al tavolo e di attendere che la padrona di casa o un cameriere del ristorante in cui siete ospiti ve ne fornisca un’altra.

galateo a tavola
Passiamo dunque all’inizio del pasto. Il Galateo, come molti sanno, non prevede la possibilità di augurare “Buon Appetito”, ne di poggiare i gomiti sul tavolo, per cui meglio evitare, come è necessario astenersi dall’appoggiare le mani sulle ginocchia tra una portata e l’altra, proporre o richiedere assaggi, circondare il piatto con il braccio – quasi come per difenderlo da attacchi barbarici -, portare il bicchiere verso la bottiglia quando vi offrono vino o acqua o, peggio ancora, coprire il bicchiere con la mano o sottrarlo se non ne desiderate. Eviteremo, in questa sede, di entrare nel merito di come e quali posate utilizzare (fatto ignaro ai più). Limitiamoci a ricordare che non è il caso di impugnare cucchiaio, forchetta o coltello come pugnali. Privilegiate una presa delicata e composta e sarete già a metà dell’opera!

Per quanto riguarda il tovagliolo, invece, è possibile utilizzarlo solo per pulire le labbra prima di bere e appena dopo, fatto che implica bocconi piccoli e discreti. E ancora: ricordate di non toccare le guarnizioni dei piatti, che hanno funzione prettamente estetica come anche gli stuzzicadenti, che a tavola non è buona norma utilizzare. E non è ancora finita: la scarpetta è assolutamente bandita.

Con la conclusione del pasto, la regola detta di riporre il tovagliolo sul tavolo senza ripiegarlo, in modo casuale.

Queste le principali linee guida per un comportamento impeccabile a tavola. State tranquille che con questi accorgimenti vi mostrerete rispettose delle convenzionali regole del bon ton. Certo è un sacrificio, ma vi donerà un naturale charme… anche se davanti a un piatto.



Come si mettono le posate
Consigli per la casa

Come si mettono le posate: regole galateo a fine pasto

Incentivi condizionatori come funzionano
Consigli per la casa

Incentivi condizionatori: come funzionano?

migliori condizionatori
Consigli per la casa

I 5 migliori condizionatori per rinfrescare la tua casa

Come cucinare con pentole che rispettano l'ambiente
Consigli per la casa

Come cucinare con pentole che rispettano l’ambiente

5 cose da sapere prima di comprare casa
Consigli per la casa

5 cose da sapere prima di comprare casa

Gli aspirapolvere migliori per i peli di animali
Consigli per la casa

Gli aspirapolvere migliori per i peli di animali

Diventa anche tu chef in cucina con i robot tuttofare
Consigli per la casa

Diventa anche tu chef in cucina con i robot tuttofare

Lavano, asciugano e aspirano: i tuttofare della pulizia domestica
Consigli per la casa

Lavano, asciugano e aspirano: i tuttofare della pulizia domestica