Come pulire l’ottone

Come pulire l'ottone annerito o arrugginito? C'è chi utilizza il Sidol e chi preferisce miscele fai da te e rimedi naturali. Scopri qualche ricetta per lucidare i tuoi oggetti in ottone.

Come lucidare l'ottone
Sono tanti i rimedi naturali per pulire l'ottone annerito e far tornare lucidi i vostri complementi d'arredo

L’ottone, sebbene a molte ricordi le case di una volta, ancor oggi è spesso presente in maniglie, serrature e diversi complementi d’arredo.È una lega molto diffusa e, grazie alla composizione di rame e zinco, contraddistinta da un’ottima resistenza alla corrosione. Purtroppo però, come già accadeva ai tempi delle nonne, anche l’ottone ha bisogno di manutenzione e pulizia costante, cosa non sempre facile da ottenere. Fra i diversi prodotti chimici presenti in commercio, per pulire l’ottone annerito o arrugginito, il più conosciuto è sicuramente il Sidol.

Pulire l’ottone con Sidol

Chi, almeno una volta nella vita, non ne ha sentito parlare?
Il Sidol, marchio di proprietà della Henkel KgaA, è una crema utile per rimuovere dall’ottone sia l’ossido che lo sporco. Utilizzato con un panno modbido il Sidol non graffia, non lascia aloni o macchie e garantisce in poco tempo un effetto pulito e lucido senza paragoni. Ideale anche su rame, argento, cromo e acciaio. Una vera garanzia!

Pulire l’ottone senza prodotti chimici

Pulire l'ottone
Pulire l'ottone con l'aceto è un rimedio facile e immediato
Per chi non ama i prodotti chimici e preferisce utilizzare rimedi naturali ecco qualche consiglio su come pulire l’ottone con miscele “fai da te”.
Come prima cosa utilizzate sempre prodotti non aggressivi per non rischiare di graffiare la superficie degli oggetti: bandite quindi qualsiasi tipo di spazzole o retine.
Dopo esservi procurate dei panni morbidi e tanta buona volontà potrete pulire l’ottone con aceto e limone, seguendo una vecchia ricetta della nonna!
Questo tipo di miscela è ideale soprattutto per oggetti di piccole dimensioni. Per creare il vostro detersivo naturale aggiungete a qualche cucchiaio di acqua calda e pochissime gocce di detersivo per piatti, la medesima quantità di succo di limone e aceto. In questo modo potrete non solo elimire le macchie dall’ottone, ma anche le incrostazioni.

Un altro rimedio, facile e veloce è il seguente: versate l’aceto in un contenitore e scioglietevi all’interno del sale. Immergete nel composto una spugna morbida e strofinate senza timore i vostri oggetti. Se il composto è troppo liquido potete aggiungere della farina. Il risultato è assicurato!

Se le dimensioni dei vostri oggetti in ottone lo permettono, il modo migliore per pulirli è immergerli per circa 10 minuti in una bacinella con acqua calda e sapone di Marsiglia o, ancor meglio, acqua calda e bicarbonato. Dopo non vi resterà che sciacquare bene e passare alla lucidatura.
Se l’ottone è davvero molto, molto, sporco o ancor perggio ossidato non perdetevi d’animo! Immergete i vostri oggetti in una soluzione di ammoniaca e acqua calda. Basterà aspettare 15 minuti, strofinare delicatamente con uno spazzolino morbido, sciacquare e lucidare per dare, a procedimento terminato, un nuovo aspetto anche agli oggetti più antichi!

 


Vedi altri articoli su: Consigli per la casa | Pulizie di Casa |

Commenti

  • Roberto

    ottimi consigli! Per pulire ottone e rame mia nonna utilizzava dell’aceto e della farina gialla; l’aceto rimuove l’ossido, mentre la farina, strofinata sulla superficie da trattare, aiuta a rimuovere la ruggine più ostinata senza rovinarla.

  • Carmine

    HO COMPRATO,UN MOBILE VINTAGE,IN OTTONE,CON DOPPIO PIANO,DI MARMO.
    IL COLORE,ERA MOLTO BRUNITO,INVECCHIATO,DAL TEMPO,E A DIRE IL VERO,COMUNQUE AVEVA IL SUO FASCINO,PERCHE’ LO RENDEVA ANTICHIZZATO,MA NON APPENA, L’ HO PULITO,CON UNA SPUGNA MORBIDA,ED UN PRODOTTO DOMESTICO,MOLTO NOTO,CHE SI USA PER NUTRIRE IL LEGNO,CIOE’,LA CERA D’ API, L’ OTTONE,E’ DIVENUTO,COME SE LO AVESSI RIVESTITO,A FOGLIA D’ ORO!!!
    SCINTILLANTE.
    PROVATECI!!!
    L’ EFFETTO E’ GIA’ IMMEDIATO,MA SE LO LASCIATE ASCIUGARE,DA SOLO,LASCIANDO AGIRE QUINDI,ANCOR PIU’,IL PRODOTTO,ASSUME DAVVERO,UN GRAN BRILLORE RINNOVATO,QUALSIASI SIA,IL TIPO DI OTTONE,DAL PIU’ CHIARO,AL PIU’ SCURO,E VIA DICENDO.
    VI CONSIGLIO,INIZIALMENTE,DI,PASSARE LA CERA D’ API,GIA’ SCIOLTA IN ACQUA,CON LA SPUGNA,SU OGNI PUNTO,INSISTENDO,SENZA GRAFFIARLO,ED INFINE,SOLO CON ASSOLUTA CERA,RIPETETE IL PROCEDIMENTO,MA SENZ’ ACQUA,QUINDI,E NEPPURE,PROCEDENDO,COL RISCIACQUO.
    VI ACCORGERETE,AVENDO DATO,APPENA QUALCHE ORA,ALL’ AZIONE,CHE IL VOSTRO METALLO,SARA’ RESTAURATO,COME NUOVO,DI ZECCA!!!
    Carmine-Vitulazio (CE).

    ^_^Cordiali saluti.

  • Airas

    Ciao duci di pulire l’ottone con la cera d’api?
    Subito o passare la cera dopo aver pulito l’ottone? Grazie

  • Roberta Barsotti

    Ciao pensando di fare bene ho le maniglie di ottone ossidate nell’aceto con sale e li ho fatti bollire ora sono color rame hai un cinsiglio per farle tornare color ottone?

  • elisabetta

    salve, ho un grosso portavaso in ottone, ho provato a lucidarlo prima con una crema tipo sidol, ma un’altra marca, poichè non è venuto bene ho riprovato con sale grosso e aceto bianco. Tutti i tentativi non hanno funzionato, è molto ossidato, in alcuni punti a tirato fuori un color rame. ho sciacquato il tutto e asciugato, ma ritorna in superficie anche la crema usata opacizzata. c’è qualche professionista dalle mie parti che lo può pulire, poichè è un ricordo? io abito nella provincia di Pisa. (Toscana) grazie

  • Marinella Savoia

    Buongiorno, vorrei sapere come fare per eliminare dal mio letto in ottone dorato delle orribili macchie abbastanza estese di verde rame.
    Ho chiesto informazioni x la lucidatura ma mi hanno chiesto una cifra esorbitante.
    Potreste darmi.un consiglio voi per piacere?
    Grazie.

  • Elena Urgnani

    Anche io ho seguito i consigli del web e ho passato il mio letto di ottone con una miscela di aceto e sale. Risultato: dove l’ho passata è diventato color rame. Mi sono fermata. Ora che faccio?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *