Come pulire l’ottone

Come pulire l'ottone annerito o arrugginito? C'è chi utilizza il Sidol e chi preferisce miscele fai da te e rimedi naturali. Scopri qualche ricetta per lucidare i tuoi oggetti in ottone.

L’ottone, sebbene a molte ricordi le case di una volta, ancor oggi è spesso presente in maniglie, serrature e diversi complementi d’arredo.È una lega molto diffusa e, grazie alla composizione di rame e zinco, contraddistinta da un’ottima resistenza alla corrosione. Purtroppo però, come già accadeva ai tempi delle nonne, anche l’ottone ha bisogno di manutenzione e pulizia costante, cosa non sempre facile da ottenere. Fra i diversi prodotti chimici presenti in commercio, per pulire l’ottone annerito o arrugginito, il più conosciuto è sicuramente il Sidol.

Pulire l’ottone con Sidol

Chi, almeno una volta nella vita, non ne ha sentito parlare?
Il Sidol, marchio di proprietà della Henkel KgaA, è una crema utile per rimuovere dall’ottone sia l’ossido che lo sporco. Utilizzato con un panno modbido il Sidol non graffia, non lascia aloni o macchie e garantisce in poco tempo un effetto pulito e lucido senza paragoni. Ideale anche su rame, argento, cromo e acciaio. Una vera garanzia!

Pulire l’ottone senza prodotti chimici

[dup_immagine align=”alignright” id=”124453″]Per chi non ama i prodotti chimici e preferisce utilizzare rimedi naturali ecco qualche consiglio su come pulire l’ottone con miscele “fai da te”.
Come prima cosa utilizzate sempre prodotti non aggressivi per non rischiare di graffiare la superficie degli oggetti: bandite quindi qualsiasi tipo di spazzole o retine.
Dopo esservi procurate dei panni morbidi e tanta buona volontà potrete pulire l’ottone con aceto e limone, seguendo una vecchia ricetta della nonna!
Questo tipo di miscela è ideale soprattutto per oggetti di piccole dimensioni. Per creare il vostro detersivo naturale aggiungete a qualche cucchiaio di acqua calda e pochissime gocce di detersivo per piatti, la medesima quantità di succo di limone e aceto. In questo modo potrete non solo elimire le macchie dall’ottone, ma anche le incrostazioni.

Un altro rimedio, facile e veloce è il seguente: versate l’aceto in un contenitore e scioglietevi all’interno del sale. Immergete nel composto una spugna morbida e strofinate senza timore i vostri oggetti. Se il composto è troppo liquido potete aggiungere della farina. Il risultato è assicurato!


Leggi anche: Come pulire l’argento con prodotti naturali

Se le dimensioni dei vostri oggetti in ottone lo permettono, il modo migliore per pulirli è immergerli per circa 10 minuti in una bacinella con acqua calda e sapone di Marsiglia o, ancor meglio, acqua calda e bicarbonato. Dopo non vi resterà che sciacquare bene e passare alla lucidatura.
Se l’ottone è davvero molto, molto, sporco o ancor perggio ossidato non perdetevi d’animo! Immergete i vostri oggetti in una soluzione di ammoniaca e acqua calda. Basterà aspettare 15 minuti, strofinare delicatamente con uno spazzolino morbido, sciacquare e lucidare per dare, a procedimento terminato, un nuovo aspetto anche agli oggetti più antichi!