Bellezza

Come rinforzare le unghie dopo una ricostruzione

Le mani protagoniste ed al centro dell’attenzione devono essere sempre curate e dall’aspetto sano..soprattutto dopo una ricostruzione!

Moltissime donne decidono di ricostruire le unghie spesso per motivi pratici, estetici o per lo più per seguire i trend in materia di nail art. Quando l’unghia naturale non è molto robusta e presenta qualche imperfezione si ricorre alla ricostruzione, che prevede anche una parte prettamente estetica e creativa realizzata con gli smalti, che permette di ottenere risultati soddisfacenti nel lungo termine.
La ricostruzione delle unghie non deve mai esser fatta da persone poco esperte e non competenti, infatti si tratta di un’operazione complessa che va affidata solo ad un esperto onicotecnico il quale conosce benissimo la struttura dell’unghia e sa come intervenire anche nei casi più problematici.

E’ vero che la ricostruzione indebolisce le unghie naturali?

E’ un quesito che si pongono tante donne che decidono di fare questo passo. Diciamo che nel caso di ricostruzione ci si trova dinnanzi ad un processo lungo e delicato che prevede la copertura dell’unghia naturale con materiali sintetici come il gel, ad esempio. Le unghie ricostruite appaiono dunque molto naturali ed al tempo stesso perfettamente in ordine per molto tempo (anche fino a 4 settimane).

Per applicare il gel, l’unghia viene sottoposta ad una limatura per pulire la superficie che diventa così porosa ed in grado di far penetrare il gel meglio che si fissa infine sotto la lampada UV. In questo modo il gel fa da copertura ed al tempo stesso soffoca l’unghia che così si indebolisce.

La causa dell’indebolimento delle unghie ricostruite quindi è data dal gel e dalla sua applicazione ma anche come quest’ultimo dopo viene rimosso. Se viene fatto da un professionista con i mezzi adatti  i “danni” sono limitati, ma se si procede da sole si rischia di eliminare anche la parte naturale dell’unghia causandone la fragilità.
Altro fattore che può determinare la fragilità è sicuramente la qualità dei prodotti che vengono usati..più è alta la qualità e meno sono i rischi che si incontrano nel corso del tempo!

Cosa fare dopo la ricostruzione

Comunque sia, una volta che si decide di eliminare il gel della ricostruzione l’unghia risulta “provata” e va trattata adeguatamente per sanarla. L’unghia naturale torna a respirare e va nutrita e rinvigorita con elementi naturali come l’olio di mandorle dolci e l’olio di oliva che vanno messi su ogni singola unghia con un massaggio almeno 3 volte alla settimana per 15/20 giorni.
E’ importante in questo periodo di “cura” non usare smalti e solventi ma fare degli scrub naturali che possano aiutare a nutrire l’unghia in maniera delicata. Uno scrub perfetto è a base di olio evo, zucchero, latte e succo di limone, tutti elementi lenitivi e nutrienti…ad eccezione del limone che invece serve per sbiancare l’unghia riportandola al uso aspetto naturale.



Rifarsi il seno prima e dopo gli step da seguire
Bellezza

Rifarsi il seno prima e dopo: gli step da seguire

Come sbiancare i denti in modo naturale
Bellezza fai da te

Come sbiancare i denti in modo naturale

Quanto costa rifarsi il sedere
Bellezza

Quanto costa rifarsi il sedere

Maschera per capelli fai da te con miele
Hairstyle

Maschera per capelli fai da te con miele

Crema solare protezione 50 cosa significa
Skincare

Crema solare protezione 50: cosa significa

Ringiovanire senza bisturi come funziona il manual lifting
Skincare

Ringiovanire senza bisturi: come funziona il manual lifting

Bubble Nails, nuova tendenza del 2020
Manicure

Bubble nails, nuova tendenza del 2020

Quanto costa rifarsi il naso
Bellezza

Quanto costa rifarsi il naso

Bubble Nails, nuova tendenza del 2020
Manicure

Bubble nails, nuova tendenza del 2020

L’ultima tendenza in fatto di unghie? Le bubble nails!

Leggi di più