Tronchetto di Natale

A ricordare una tradizione antica diffusa in tutta Europa per la Vigilia, quella del ceppo portafortuna di Natale, ecco il buonissimo tronchetto di Natale. Una delizia al cioccolato

tronchetto natale
La ricetta del tronchetto di Natale

Dalle origini francesi, il tronchetto di Natale – o bûche de Noël – è un dolce che si richiama a una delle più antiche tradizioni natalizie. Quella del ceppo di Natale, in voga fin dal XII secolo, per cui in tutta Europa si festeggiava la vigilia con un brindisi di buon auspicio, al termine del quale il capofamiglia gettava nel camino un tronco di legno.

Che veniva lasciato bruciare fino alla notte dell’Epifania, e i cui resti venivano poi conservati perché fossero, con le loro proprietà magiche, portafortuna per tutti i membri della famiglia.

Se ci aggiungiamo che è una delizia al cioccolato, e che, piccoli o grandi, resistere è davvero difficile, anche al termine dei pranzi abbondanti delle feste, la domanda è solo una: perché non portarlo in tavola per questo Natale?

Vero, ci vuole un po’ di attenzione nell’impasto della pasta biscuit, che non è di facilissima esecuzione; e poi nella preparazione della crema ganache, se opteremo per questa farcitura, perché il tronchetto di Natale conosce molte varianti: con marmellata, con Nutella, con crema pasticcera e crema pasticcera al cioccolato.

Noi lo abbiamo previsto come dolce di un menu di Natale di carne. Ma che abbiate preferito un menu vegetariano o a base di pesce, non conta: portarlo in tavola è sempre una gioia. Quel che conta è che sia ricoperto di cioccolato e magari decorato per farlo assomigliare a un vero tronchetto di legno. Il legno più gustoso di sempre.

Ingredienti

  • 8 uova
  • 150 grammi farina
  • 150 grammi zucchero
  • 50 grammi fecola di patate
  • 1 bustina vanillina
  • 250 grammi panna fresca
  • 250 grammi cioccolato fondente
  • 50 grammi burro

Preparazione

  1. Iniziamo preparando la pasta biscuit. Prima di tutto, separiamo i tuorli dagli albumi. Sbattiamo gli albumi con lo zucchero e alla vanillina, fino a ottenere una spumosità simile a quella della meringa.
  2. Uniamo i tuorli: a filo, mescolando e facendo attenzione a non smontare il composto. Uniamo anche la farina e la fecola setacciate, sempre mescolando.
  3. Versiamo l’impasto in una teglia foderata di carta forno: diamogli una forma rettangolare e stendiamolo molto sottile: in cottura lo spessore quasi raddoppierà.
  4. Cuociamo in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 10 minuti, finché la pasta sarà asciutta e appena dorata. Sforniamola su un canovaccio umido, perché mantenga quel minimo d’umidità necessaria ad arrotolarla.
  5. Lasciamo freddare la pasta, e intanto passiamo alla farcitura: crema ganache. In un pentolino mettiamo il burro e la panna, e portiamo quasi a bollore. Appena prima che bolla, togliamo il pentolino dal fuoco.
  6. Aggiungiamo il cioccolato fondente grattugiato e mescoliamo fino a ottenere una crema omogenea. Lasciamo freddare, poi immergiamo a bagnomaria in acqua ghiacciata e montiamo finché la crema sarà ben densa – almeno 10 minuti.
  7. Stendiamo la crema sulla pasta, lasciandone da parte un po’ per la copertura. Arrotoliamo con cautela, per non rompere la pasta biscotto, e ricopriamo di crema rimasta la superficie. Se vogliamo, possiamo usare una forchetta per creare l’effetto corteccia.
  8. Lasciamo riposare in frigorifero almeno un’ora prima di servire. Guarniamo a piacere con zucchero a velo o decorazioni natalizie. E poi… sotto a chi tocca!


Vedi altri articoli su: Ricette di Natale | Ricette Dolci e Dessert |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *