Tè verde giapponese: preparazione e proprietà

Tè verde giapponese: preparazione e proprietà

Quando si parla di tè verde giapponese in realtà si possono intendere varie tipologie di tè. Scopriamo quali sono i principali e vediamo come prepararli.

-
20/10/2021

Il tè verde giapponese è molto apprezzato in tutto il mondo e la sua diffusione sta aumentando sempre di più. La qualità di questo prodotto naturale è incredibile e deriva dal fatto che il Giappone è specializzato proprio nella produzione di questa tipologia di tè. Nella nazione nipponica infatti si produce esclusivamente tè verde e ne deriva quindi un prodotto da degustare in quanto pregiato.

In realtà in non esiste una sola tipologia di tè verde, infatti in Giappone se ne coltivano diversi tipi che hanno caratteristiche differenti. Le foglie delle varie tipologie di tè verde devono essere utilizzate in modo diverso in modo da poter ottenere un risultato perfetto.

Il tè verde giapponese

I tè verdi giapponesi sono conosciuti ed apprezzati in tutto il mondo. In molte zone del Pianeta questa bevanda viene consumata ogni giorno anche al posto dell’acqua. Questo non stupisce dal momento che il tè verde, oltre ad avere un gusto incredibile, è anche uno straordinario alleato per la salute.


Leggi anche: Ricetta gelato al tè matcha: come prepararlo con la gelatiera

Tutte le tipologie di tè si preparano partendo dalle foglie e dai germogli della pianta Camellia Sinensis. Le diverse tipologie di tè hanno caratteristiche differenti che derivano dalle peculiarità nel metodo di essicazione e di lavorazione. La tipologia di tè più consumata al mondo è il tè nero, ma in Giappone il più apprezzato è proprio il tè verde.

Nella nazione nipponica il tè verde si ottiene tramite un processo che scalda le foglie appena colte. Questo impedisce l’ossidazione delle foglie stesse mantenendo così inalterate le sue proprietà nutritive. In Giappone questo processo avviene con la cottura a vapore delle foglie e riesce ad intensificare il gusto del tè.

Tè verdi giapponesi: ecco quali sono

Quando si parla di tè verde giapponese non si intende una sola tipologia di prodotto, infatti ne esistono diverse varietà. Ognuna di queste si presenta con proprietà e caratteristiche uniche. Per tale motivo, se si vuole degustare una bevanda perfetta, è necessario trattare le varie tipologie di foglie in maniera differente.

Tè Matcha: cos’è e proprietà

Il tè Matcha viene venduto sotto forma di polvere dal colore verde brillante e dal profumo molto intenso. Questa tipologia di tè è usata in Giappone nella cerimonia del tè ed è sicuramente la più conosciuta in tutto il mondo.


Potrebbe interessarti: Matcha, le proprietà del thè verde più ricco di antiossidanti

La varietà in questione si ottiene da germogli lasciati maturare lontano dalla luce del sole per circa venti giorni prima della raccolta. Il procedimento è molto importante in quanto è questo che consente di intensificare il gusto della bevanda. Anche il livello di caffeina aumenta grazie al procedimento seguito per ottenere il Matcha.

Successivamente i germogli vengono tostati per alcuni secondi allo scopo di mantenere inalterate le proprietà del prodotto. A questo punto vengono raffreddati, essiccati e macinati per ottenere una polvere molto fine.

Le proprietà nutrizionali del tè Matcha sono numerose. Esso contiene molta caffeina e anche teina che, insieme, risultano energizzanti naturali e che allo stesso tempo stimolano anche il rilassamento. La grande quantità di catechine contenute nel tè permette anche di bruciare grassi e rafforzare i sistema immunitario. Trattandosi di un prodotto ricco di clorofilla, il tè Matcha aiuta a depurare l’organismo.

Preparazione del tè Matcha

Il tè verde giapponese Matcha si prepara sciogliendo le foglie di tè polverizzate direttamente in acqua calda. Per ottenere un risultato perfetto è bene aiutarsi con un frullino di bambù.

Seguendo questo procedimento si ottiene una bevanda densa dal gusto e dal profumo particolarmente intenso.

Tè verde Gyokuro: cos’è e proprietà

Il tè Gyokuro è una varietà molto pregiata che si ottiene da foglie maturate al riparo dalla luce del sole per circa un mese. Questo specifico processo fa in modo che il livello di teina e di caffeina presenti aumentino in modo importante. Questo prodotto quindi è davvero molto energizzante e il suo gusto dolce risulta apprezzato da chiunque.

Il nome di questo tè indica il colore dell’infusione delle sue foglie che risulta essere di un verde pallido.

Preparazione del tè verde Gyokuro

Il tè Gyokuro si prepara in modo davvero semplice, infatti basta semplicemente aggiungere 6 gr di foglie in acqua a 50°C. L’infusione deve essere davvero breve, infatti bastano solo 20 secondi per ottenere la bevanda.

Suggeriamo di fare grande attenzione alla temperatura dell’acqua e al tempo di infusione. Solo se queste sono corrette infatti è possibile ottenere una bevanda dal gusto perfetto.

Tè verde giapponese Sencha: cos’è e proprietà

Il tè Sencha è la varietà di tè verde giapponese più consumato nel Paese asiatico. Questo si ottiene cuocendo le foglie di tè a vapore e successivamente arrotolandole ed essiccandole. La cottura a vapore infatti è in grado di esaltare il retrogusto dolce delle foglie e di renderle ancora più profumate.

Questo tè verde è ricco di caffeina e anche di catechine. Risulta quindi ottimo per aumentare le energie e per velocizzare il metabolismo. Si tratta anche di una bevanda in grado di regolare la pressione del sangue e di abbassare i livelli di colesterolo cattivo.

Dal momento che questa tipologia di tè verde è povera di teina, è possibile berne varie tazze al giorno senza avere alcun tipo di problema.

Preparazione del tè verde giapponese Sencha

Il tè Sencha si prepara mettendo in infusione le foglie per circa un minuto e mezzo. Per una persona basteranno 3 gr di foglie da aggiungere ad acqua calda a temperatura di 70°C.

Fate attenzione alla temperatura dell’acqua in quanto se questa risulta troppo elevata c’è il rischio di alterare il sapore e le proprietà del tè.

Tè Bancha: cos’è e proprietà

Il tè Bancha è un tipo di tè verde che si prepara partendo dalle foglie più mature raccolte nel periodo della tarda estate. Questo prodotto è il meno pregiato tra i tè verdi giapponesi in quanto le foglie utilizzate per la preparazione sono quelle scartate dalla produzione Matcha e Sencha.

La pianta del tè in questo caso non è cotta al vapore, ma viene tostata all’interno di un contenitore di ceramica. Il calore che si forma blocca la fermentazione, ma rende le foglie di un colore dorato ben diverso dalle altre tipologie di tè verde.

Questo tè ha delle qualità nutritive leggermente inferiori alle altre tipologie. Il processo di lavorazione però rende questo tè ricco di ferro, calcio e vitamine. Si tratta poi di una bevanda dalle grandi proprietà digestive e diuretiche, inoltre è in grado di ridurre l’acidità del sangue.

Il tè Bancha è povero di teina e di conseguenza risulta essere una bevanda adatta tutti quanti, per questo può essere gustato anche da bambini e da chi soffre di insonnia.

Preparazione del tè Bancha

Lasciate in infusione le foglie di tè per circa 5 minuti in acqua a 80°C. Per preservarne l’aroma vi suggeriamo di coprire la teiera o il recipiente utilizzato per tutta la durata dell’infusione.

Elisa Cardelli
  • Scrittore e Blogger