Hosomaki
Ricette Piatti Unici

Hosomaki: ricette per tutti i gusti, fritto o con avocado

L’Hosomaki è uno dei tipi di sushi più conosciuti ed apprezzati. Realizzarlo a casa propria non è impossibile: scopriamo le ricette.

L’Hosomaki è un tipo di sushi molto diffuso e risulta anche essere apprezzato da tutti gli amanti della cucina giapponese. Si tratta di una delle tipologie più facili da realizzare e proprio per questo si possono cucinare anche a casa. Per i neofiti del sushi homemade risulta quindi essere un ottimo punto di partenza.

Cosa sono gli Hosomaki

Gli Hosomaki sono tipologia di sushi molto conosciuta anche in Italia e si possono trovare in tutti i ristoranti giapponesi. Sono semplici da realizzare e per questo motivo si possono preparare anche a casa senza problemi.

Il termine Hosomaki significa rotolo stretto in quanto le dimensioni di questo sushi sono ridotte. Si tratta infatti di piccoli cilindri di riso avvolti da alga nori e al loro interno ci sono altri ingredienti.

Proprio per via delle dimensioni ridotte, questi sushi si devono mangiare con le bacchette in un solo boccone.

La peculiarità della versione originale di questo sushi è che all’interno deve esserci un solo ingrediente oltre al riso. In realtà però oggi le cose non stanno più in questo modo e infatti ci sono varie rivisitazioni più ricche.

Gli ingredienti che si possono utilizzare per gli Hosomaki sono numerosi. Per quanto riguarda il pesce, di solito si utilizzano tonno, salmone o bastoncini di granchio. Il pesce si usa crudo, marinato oppure scottato a seconda dei gusti.

Esistono anche delle varianti senza pesce che sono ideali per vegani e vegetariani. In questo caso il ripieno si realizza con cetriolo crudo, carote sbollentate oppure avocado.

Quali tipi esistono?

Quando si parla di questa tipologia di sushi in realtà si deve tenere a mente che ne esistono diversi tipi. Questi si differenziano non per via della forma, ma per l’ingrediente utilizzato nel ripieno.

I Kappamaki prevedono un ripieno di cetriolo tagliato e sono ideali per chi vuole un’alternativa vegetariana. Sono diffusi in Giappone e apprezzati per via del sapore fresco.

I Tekkamaki sono realizzati con un ripieno di tonno fresco. In alternativa si possono realizzare anche con salmone crudo oppure con un bastoncino di granchio. Tutte le tipologie sono molte diffuse, ma quella originale prevede appunto il tonno crudo.

I Negitoromaki sono molto meno diffusi e conosciuti delle varianti precedenti. Essi sono realizzati con un ripieno di tonno e scalogno tritato che a volte è sostituito con erba cipollina. Spesso questi si servono con maionese o salsa piccante e per questo sono davvero gustosi.

In realtà comunque gli Hosomaki ormai prevedono al loro interno un gran numero di ingredienti differenti. Spesso quindi quando parliamo di questo sushi intendiamo un prodotto che si discosta dalla tradizione. Indipendentemente da quanto la ricetta sia tradizionale o meno, questo alimento è davvero apprezzato dagli amanti del sushi.

Hosomaki: la ricetta

Le tipologie di sushi esistenti sono davvero numerose e spesso chi non è esperto fa confusione. Uno dei più amati è di certo l’Hosomaki che può essere preparato in tantissime varianti differenti.

Preparare questi sushi a casa è davvero semplice, l’importante è essere in possesso degli ingredienti necessari. Nella ricetta che vogliamo fornirvi utilizzeremo il tonno fresco nel ripieno, ma in realtà lo si può sostituire anche con salmone fresco o con cetriolo.

Ingredienti

  • 500 gr di riso per sushi
  • 550 ml di acqua
  • 100 ml di aceto di riso
  • 2 cucchiai di zucchero
  • ½ cucchiaino di sale fino
  • 200 gr di tonno fresco abbattuto
  • ½ avocado
  • wasabi qb
  • salsa di soia

Preparazione

Risciacquate il riso passandolo più volte sotto acqua corrente fresca. Ripetete questo procedimento fino a quando l’acqua non risulterà completamente limpida.

Cuocete quindi il riso in acqua bollente all’interno di una pentola dal fondo spesso. Iniziate la cottura tenendo la fiamma medio-alta per circa 10 minuti e poi abbassate la fiamma per altri 10 minuti. Ricordate di non sollevare mai il coperchio durante la cottura.

Una volta che la cottura è terminata, lasciate riposare il riso per 10 minuti e versatelo poi in una ciotola larga.

Preparate quindi il condimento mettendo aceto di riso, zucchero e sale in un pentolino a fiamma media. Mescolate gli ingredienti per farli amalgamare completamente.

Unite il condimento al riso facendo attenzione a farlo assorbire completamente. Utilizzate una spatola per sollevare il riso e compiere questa operazione delicata.

Una volta che il riso è freddo, procedete realizzando la forma di questo sushi. Per farlo ponete sopra una stuoia di bambù mezza foglia di alga nori e sopra mettete il riso.

Spalmate sopra del wasabi (se lo gradite) e poi adagiate le striscioline di tonno fresco. Arrotolate bene in modo da ottenere un “tubicino” stretto.

Tagliate quindi il rotolino ottenuto in due parti e poi dividetele entrambe in altre due parti.

Servite questa preparazione con della salsa di soia.

Hosomaki con avocado

L’Hosomaki con avocado è una alternativa vegetariana e vegana della preparazione base che abbiamo descritto poco sopra.

Per realizzare questo tipo di sushi è necessario seguire il medesimo procedimento descritto nella ricetta base. L’unica differenza infatti consiste nel sostituire il tonno fresco con l’avocado.

Un consiglio che vogliamo darvi è quello di scegliere un avocado maturo in modo che abbia sapore e consistenza perfetti. Tagliate il frutto a strisce spesse e utilizzatelo come ripieno di questo sushi delizioso. La cremosità dell’avocado si sposa alla perfezione con il riso e di conseguenza è davvero un connubio perfetto.

Hosomaki fritto

Quando si parla di sushi fritto di solito si pensa al Futomaki e non all’Hosomaki. Il primo infatti spesso si mangia fritto in quanto ha dimensioni maggiori e quindi si sposa bene con questa cottura.

In realtà però è possibile anche realizzare un Hosomaki fritto dal gusto delizioso e goloso. Al contrario del Futomaki, in questo caso non servono ingredienti particolari e nemmeno grandi doti in cucina. La realizzazione della versione fritta di questo piccolo sushi infatti è realizzabile anche a casa senza problemi.

Il procedimento di base è sempre lo stesso, quello che cambia è infatti solamente l’ingrediente utilizzato nel ripieno. In questo caso infatti dovrete riempire il rotolino di riso con un gambero fritto. Per friggere il gambero potete usare il panko e friggerlo oppure realizzare un gambero in tempura. In entrambi i casi il risultato finale sarà eccellente e vi regalerà grandi soddisfazioni.



Frittatine di pasta
Ricette Piatti Unici

Frittatine di pasta: come fare le frittatine napoletane

Frico
Ricette Piatti Unici

Frico: come si fa il frico friulano, ecco la ricetta

Insalata di avocado e gamberi
Ricette Piatti Unici

Insalata di avocado e gamberi

Sartù
Ricette Piatti Unici

Sartù: ecco la ricetta del sartù di riso

Crescione senza strutto, la ricetta
Ricette Piatti Unici

Crescione senza strutto la ricetta

Cous cous alla trapanese
Ricette Piatti Unici

Cous cous alla trapanese

Polpettone di verdure senza patate
Ricette Piatti Unici

Polpettone di verdure senza patate

Tiella barese, la ricetta originale
Ricette Piatti Unici

Tiella barese, la ricetta originale