Torta tenerina al cioccolato

Poco importa che la chiamiate torta tenerina, montenegrina o torta taclenta. Resterà sempre un goloso dolce dal cuore morbido e la crosticina croccante.

17/04/2021

Sommario

Poco importa che la chiamiate torta tenerina, montenegrina o torta taclenta. Resterà sempre un goloso dolce dal cuore morbido e la crosticina croccante.

Tempo di preparazione:
20 minuti
Tempo di cottura:
20 minuti
Quantità:
4 porzioni

Ingredienti Ricetta

  • Cioccolato fondente 150 g
  • Burro 75 g
  • Zucchero 40 g
  • Zucchero a velo 40 g
  • Miele 1 cucchiaio
  • Fecola di patate 25 g
  • Uova 2
  • Pizzico di sale 1

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 1
  • Calorie 500 kcal
  • Grassi 33 g
  • Carboidrati 41 g
  • Zuccheri 36 g
  • Fibre 5 g
  • Proteine 7 g
  • Colesterolo 150 mg

Una torta al cioccolato, perfetta per chi ama i dolci umidi all’interno ma con una crosticina croccante all’esterno. Un risultato garantito da un impasto con tanto cioccolato fondente, poca farina, niente lievito e albumi montati. Tutto questo, da solo, non è però garanzia di una torta tenerina di nome e di fatto.

La cottura

Si, perchè è essenziale anche il momento della cottura: se troppo lunga, finirete per estrarre dal forno un dolce asciutto, tipo pan di spagna, se troppo breve la consistenza della torta risulterà eccessivamente morbida. In linea di massima, conviene cuocerla ad una temperatura non troppo alta, intorno ai 170 gradi per 15 – 20 minuti, ma potrebbe volerci anche qualche minuto in più. Come sempre, dipende in larga parte dal vostro forno e potreste dover fare qualche tentativo prima di poter sfornare una perfetta torta tenerina!

La torta taclenta

La torta tenerina è un dolce tipico di Ferrara, anche se in breve tempo si è diffusa in tutta la regione. Se vi ritroverete in Emilia Romagna potrete, infatti, essere certi di trovarla sul menù di qualunque locale, non importa che siate a Modena, Bologna o Ravenna, sicuramente ve la proporranno tra i dolci a fine pasto! Viene anche chiamata in dialetto “torta taclenta”, cioè torta appiccicosa, un indubbio riferimento alla sua consistenza interna particolarmente umida.


Leggi anche: Torta tenerina tipica ferrarese

La storia della torta tenerina

Ma qual è la storia della torta tenerina? È una storia che ha a che fare con due innamorati, un matrimonio felice e una donna dal cuore tenero, Elena del Montenegro. O meglio, la regina Elena, moglie del re Vittorio Emanuele III di Savoia, colui che non fece intervenire l’esercito quando Mussolini marciò su Roma. La torta, anche detta montenegrina, con il suo cuore morbido e la crosticina croccante fu, infatti, espressamente dedicata ad Elena, dolce ma nello stesso tempo dal carattere forte.

Lei e il marito si conobbero al Teatro La Fenice di Venezia per caso, un caso in realtà pilotato da Margherita, madre del futuro re. Elena e Vittorio Emanuele entrarono subito in sintonia e poco dopo si sposarono. A differenza di molti altri matrimoni reali, il loro fu un matrimonio d’amore, da cui nacquero cinque figli.

Le varianti della torta tenerina

Come per ogni ricetta tradizionale, anche in questo caso non potevano mancare le varianti. Abbiamo, così, quella al caffè, che si sposa benissimo con il cioccolato, quella al cioccolato bianco, in sostituzione di quello fondente o quella vegana, senza uova né burro. C’è poi quella ideale per i celiaci, preparata con una farina senza glutine, come la farina di riso o, addirittura, la torta tenerina senza farina. E con un po’ di fantasia non faticherete, probabilmente, a trovarne altre!

Preparazione

  1. Fate fondere in microonde il cioccolato spezzettato insieme al burro. Amalgamate e lasciate da parte.
  2. Unite insieme i due zuccheri, incorporatene una metà ai tuorli e mescolate bene.
  3. Aggiungete, poi, al composto di tuorli e zucchero, il cioccolato fuso, la fecola, il miele e il pizzico di sale. E, di nuovo, mescolate.
  4. Non vi resterà ora che montare i due albumi con il restante zucchero e incorporarli al composto, facendo attenzione a non smontarli.
  5. Versate tutto in una tortiera di 18 cm foderata con carta forno e infornate a 170° per circa 20 minuti. Poi controllate. L’interno della torta dovrà risultare ancora umido e all’esterno dovrà essersi formata una croccante crosticina.


Potrebbe interessarti: Menù per la prima comunione: consigli e idee