Ricette Dolci e Dessert

Fave dei morti, la ricetta dei biscotti di Ognissanti

Le fave dei morti o fave dolci o ossa dei morti sono dei deliziosi biscottini che vengono preparati per celebrare i defunti e la festa di Ognissanti.

Nonostante si pensi che l’origine delle fave dei morti sia umbra o laziale o comunque del Centro Italia, questi biscottini a base di mandorle si consumano un po’ in tutto il nostro Paese durante questo periodo dell’anno.

La ricetta delle fave dei morti

La ricetta per preparare in casa le fave dei morti è davvero facilissima e veloce e richiede pochi e semplici ingredienti. Vediamo insieme come si preparano questi biscotti croccanti fuori e morbidi dentro. Nonostante la preparazione delle fave dolci varia da regione a regione, da Nord a Sud, le mandorle rimangono comunque l’ingrediente principale.

Consigli e varianti

Le fave dei morti si conservano in una scatola di latta o sotto una campana di vetro per circa 4-5 giorni. Per velocizzare la preparazione, potete adoperare direttamente la farina di mandorle al posto delle mandorle intere, così eviterete di doverle tritate voi. Il sapore però risulterà meno intenso. Al posto del limone, potete aromatizzare le fave aggiungendo all’impasto un estratto di fiori d’arancio o della grappa. Potete aggiungere dei coloranti alimentari all’impasto per ottenere delle fave dei morti variopinte. Sono ottime da consumare da sole, ma molti amano provare le fave dei morti con il vin santo o il vino cotto.

Perché si chiamano “fave dei morti”?

La leggenda vuole che a cavallo tra l’1 e il 2 novembre i defunti vengano a visitare il mondo dei vivi. Per accoglierli vengono preparati questi biscottini e lasciati sulle tavole, proprio come omaggio ai cari defunti.

  • Preparazione: 20 minuti
  • Cottura: 15 minuti

Ingredienti

  • 250 g mandorle sbucciate
  • 150 g farina 00
  • 250 g zucchero semolato
  • 30 g burro
  • 2 uova intere
  • 1 pizzico cannella in polvere
  • 1 scorza di limone biologico

Preparazione

  1. Iniziate la preparazione delle fave dolci tostando le mandorle spellate in un tegame. Quando si saranno raffreddate, tritatele finemente con il mixer fino a farle diventare una granella farinosa
  2. Poi su una spianatoia mettete la farina, lo zucchero semolato, un pizzico di cannella in polvere e le mandorle tritate.
  3. Aggiungete il burro ammorbidito, l’uovo sbattuto e la scorza grattugiata di un limone non trattato.
  4. A questo punto amalgamate con le mani tutti gli ingredienti fino a realizzare un impasto omogeneo e compatto.
  5. Tagliate un pezzo di impasto alla volta e ricavate un salsicciotto del diametro di 1 cm, quindi dividetelo in pezzetti larghi anch’essi 1 cm. Ora modellate i pezzetti di impasto schiacciandoli e praticando un incavo al centro che ricorda proprio la forma di una fava.
  6. Disponete i biscotti ottenuti su una leccarda rivestita di carta forno e metteteli a cuocere nel forno caldo a 180°C per una quindicina di minuti. Le fave dovranno assumere un colorito leggermente dorato in superficie.
  7. Infine sfornate i biscottini, fateli raffreddare e poi serviteli.


Cornetti fatti in casa
Ricette Dolci e Dessert

Cornetti fatti in casa: ricetta facile e buona come al bar

Turon ricetta degli involtini di banana
Ricette Dolci e Dessert

Turon, la ricetta degli involtini di banana

Budino al cioccolato bianco senza colla di pesce
Ricette Dolci e Dessert

Budino al cioccolato bianco senza colla di pesce

Crostata ricotta e cioccolato
Ricette Dolci e Dessert

Crostata ricotta e cioccolato

Biscotti cioccolato e sale
Ricette Dolci e Dessert

Biscotti cioccolato e sale

Ricetta torta per colazione senza burro
Ricette Dolci e Dessert

Ricetta torta per colazione senza burro

Berlingozzo di carnevale, la ricetta
Dolci di Carnevale

Berlingozzo di carnevale, la ricetta

Come cucinare i pop corn ricette sfiziose
Ricette Dolci e Dessert

Come cucinare i pop corn: ricette sfiziose

Torrone sardo con il bimby
Ricette con il Bimby

Torrone sardo con il Bimby

E’ tempo di festività natalizie e quindi di torrone, nelle sue diverse varianti regionali. Unico nel suo genere il torrone sardo, privo di zucchero nell’impasto.

Leggi di più