Come pulire il cocco

Se è la prima volta che acquisti una noce di cocco, aprirla potrebbe sembrarti una missione impossibile. Ecco qualche consiglio pratico.

Aprire il cocco
Per rompere la noce di cocco ci si può aiutare con un martello.

Il cocco è uno tra i frutti più apprezzati dell’estate, da mangiare in spiaggia, ma è anche usato d’inverno, per un dessert sano da guastare a casa, o durante le feste, per preparare dolci o arricchire una ricetta.

Si può comprare anche comprare al supermercato, ma a quanti, una volta acquistata la noce intera, sorgerebbe il dubbio di come aprirlo? A prima vista sembrerebbe un lavoro non semplice, ma seguendo questi consigli diventerà un gioco da ragazzi.

Come procedere

Davanti ad una cesta piena di noci di cocco al di là della dimensione potrebbero sembraci tutte uguali. In realtà, la noce che risulterà più pesante sarà la più buona, perché al suo interno avrà una quantità maggiore di acqua, sinonimo anche di freschezza del prodotto.

Una volta acquistata la noce di cocco non ci resta che aprirla. Posizionate la noce su una superficie rigida e piana, un tagliere in legno è una soluzione ideale. Ruotando la noce noterete tre cerchi di colore scuro simili ai tre fori di una palla da bowling uno dei quali avrà una consistenza più morbida rispetto agli altri. Grazie ad un apribottiglie o un cacciavite potrete andare a forarne quello che risulta più morbido e far uscire tutta l’acqua contenuta all’interno.

L’acqua contenuta nella noce, possiamo versarla in una ciotola e berla dopo averla filtrata. Oppure può essere utilizzata per conservare il cocco in frigo.

Tre metodi

A questo punto, per l’apertura abbiamo tre diversi metodi:

  1. Martello. Potete munirvi di martello ed iniziare a dare dei colpi decisi lungo tutta la circonferenza della noce fino a quando noterete una crepa nella parte legnosa la quale inizierà a distaccarsi.
  2. Forno o congelatore. Dopo aver pre-riscaldato il forno a 200 gradi, potete inserire all’interno il cocco e lasciarlo “cuocere” per circa 5 minuti. In questo modo la parte interna non subirà nessun tipo di variazione, ma la noce, si frantumerà facilmente poi con una martellata decisa. In alcuni casi l’apertura avviene già in forno. L’alternativa al forno è il congelatore: si lascia gelare la noce per 15 minuti per poi procedere con l’apertura del guscio.
  3. Mannaia. Il terzo metodo di apertura della noce di cocco è indicato per chi ha già un po’ di esperienza, in questo caso dovrete tenere in mano noce e con un coltello pesante, ad esempio una mannaia, colpirla in modo fermo e deciso, esattamente attorno al suo diametro fino a quando non si aprirà.

Una volta rotta la noce è il momento di separare la polpa dal guscio con l’ausilio di un coltellino. Dopo aver tagliato in piccoli pezzi il cocco, sciacquatelo sotto l’acqua corrente e mettetelo in frigo per gustarlo fresco.

Ora che abbiamo aperto il nostro cocco non ci resta che usarlo per preparare tante gustose ricette, eccone alcune davvero squisite:


Vedi altri articoli su: Consigli di cucina |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *