Victoria’s Secret dice addio all’abbigliamento

A partire dall'autunno-inverno 2014-2015, per Victoria's Secret solo lingerie, beachwear, profumi e cosmetici

  • Adriana Lima, Victoria's Secret Fashion Show
  • Izabel Goulart, Victoria's Secret Fashion Show
  • Candice Swanepoel, Victoria's Secret Fashion Show
  • Adriana Lima, Victoria's Secret Fashion Show
  • Behati Prinsloo, Victoria's Secret Fashion Show
  • Cara Delevingne, Victoria's Secret Fashion Show
  • Lindsay Ellingson, Victoria's Secret Fashion Show
  • , Victoria's Secret Fashion Show
  • Jacquelyn Jablonski, Victoria's Secret Fashion Show
  • Lindsay Ellingson, Victoria's Secret Fashion Show
  • Adriana Lima, Victoria's Secret Fashion Show
  • Izabel Goulart, Victoria's Secret Fashion Show
  • Alessandra Ambrosio, Victoria's Secret Fashion Show
  • Martha Hunt, Victoria's Secret Fashion Show
  • Lily Donaldson, Victoria's Secret Fashion Show
  • Alessandra Ambrosio, Victoria's Secret Fashion Show
  • Izabel Goulart, Victoria's Secret Fashion Show
  • Candice Swanepoel, Victoria's Secret Fashion Show
  • Erin Heatherton, Victoria's Secret Fashion Show
  • Lily Aldridge, Victoria's Secret Fashion Show
Il famoso brand di biancheria intima Victoria’s Secret, molto amato dalle donne, sta pensando ad una riduzione per quanto riguarda la collezione dei capi di abbigliamento, in special modo per la maglieria e denim.
Tutto ciò per dedicarsi e implementare la produzione di cui il brand è famoso in tutto il mondo, ossia lingerie, costumi da bagno, homewear, profumi e cosmetici.

La notizia di questo taglio della produzione del settore dell’abbigliamento è stata resa nota nella sede di L Brands, i cuiricavi si avvicinano ad oltre 10,8 miliardi, che controlla il marchio di lingerie (ma anche altri come: Pink, Henri Bendel, Bath & Body Works e La Senza). La riduzione sarà decisiva dal prossimo autunno-inverno.
La produzione di abbigliamento avrebbe portato a Victoria’s Secret una perdita di circa 500-750 milioni di dollari di fatturato.
Non è ancora stabilito, ma questo porterà sicuramente anche a dei licenziamenti o riduzione di produzione.


Vedi altri articoli su: Intimo |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *