BeA: gioielli per mamma e bebé

Beatrice Mezzanotte lancia una linea di oggetti preziosi, i gioielli di BeA che prendono spunto dal legame indissolubile tra mamma e bebè.

I gioielli di Beatrice Mezzanotte giocano sui pieni e vuoti. Il vuoto del primo oggetto completato dal pieno (sagoma) del secondo oggetto
I gioielli di Beatrice Mezzanotte giocano sui pieni e vuoti. Il vuoto del primo oggetto completato dal pieno (sagoma) del secondo oggetto
  • I gioielli di Beatrice Mezzanotte giocano sui pieni e vuoti. Il vuoto del primo oggetto completato dal pieno (sagoma) del secondo oggetto
  • BeA, legami preziosi. Il gioco dei pieni e dei vuoti
  • I gioielli di BeA, collezione i Doppi. Oggetto grande e piccolo a significare i legami indissolubili come tra madre e figlio/a
  • I gioielli di BeA, due soggetti stilizzati fusi in un abbraccio che forma un cuore
  • Legami che vanno oltre il tempo e lo spazio, i gioielli di BeA mamma/bebè
  • BeA legami preziosi, gioielli creati dalla designer Beatrice Mezzanotte
  • Beatrice Mezzanotte, nelle sue collezioni, impiega materiali giocosi come nastri, cordini, pelle ma anche altri come l’argento e l’oro (totalmente anallergici e nickel free)
  • Walk Together, i gioielli di BeA si possono personalizzare, sono pezzi unici
  • Cornetto porta fortuna per bebè
  • Cornetto porta fortuna rosa
  • Campanelline per bebè. 
Lacci e cordine, material giocosi per le collezioni BeA, legami preziosi

 

Un nuovo e dolce concetto accostato alla parola “gioiello” dove l’oggetto si fa legame, fuori dal tempo e dallo spazio, in un abbraccio che ha una traccia quasi metafisica.

Un gioiello da mamma a bebè, i legami unici

Beatrice Mezzanotte, forte della sua esperienza di designer maturata nel corso di varie collaborazioni con brand d’alta gioielleria, ha deciso, in un momento cruciale della vita di una donna quale la maternità, di imbracciare una sfida creativa. Così sono venuti alla luce il nuovo brand BeA legami preziosi e la collezione dei Doppi. C’è un legame che ingloba in sé maggiore unicità di quello tra mamma e pargolo? Crediamo proprio di no.

L’idea di Beatrice viene anticipata dal logo, dove due volti stilizzati si fondono in un abbraccio che forma un cuore diventando così un’unica cosa. L’unicità di due anime legate un po’ come le note di una melodia (l’una senza l’altra risulterebbero stonate o incomplete) si fa collezione, i Doppi. Due versioni dello stesso gioiello, grande e piccolo, da destinare alla persona più importante della propria vita oppure un gioiello “complementare”, composto di pieni e vuoti, dove l’uno, vuoto, si completa con il dettaglio pieno del secondo, le parti sono due componenti di un unicum.

Dalla creatività al pezzo unico e made in Italy

Puoi personalizzare il tuo gioiello BeA con un particolare, una scritta. Fusi in un abbraccio che li rende parte dell’unicum, ci sono anche creatività e trend: Beatrice, nelle sue collezioni, impiega materiali giocosi come nastri, cordini, pelle ma anche altri come l’argento e l’oro (totalmente anallergici e nickel free).

Ciascun pezzo non ha doppioni: dal disegno su carta l’oggetto viene realizzato in cera con la stampante in 3D, successivamente smussando e snellendo l’idea della designer assume una forma. L’ultimo stadio, ossia la realizzazione finale, avviene presso un laboratorio orafo di Arezzo con cui Beatrice ha costruito una vera e propria partnership. Una piccola grande storia di Made in Italy!


Vedi altri articoli su: Gioielli | Trend |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *