Riflettori puntati sull’affair John Galliano VS Christian Dior

Il mondo della moda torna a parlare del braccio di ferro tra lo stilista inglese, la Christian Dior Couture SA e la John Galliano SA

  • Rita Ora in John Galliano
  • Rita Ora
  • John Galliano Spring/Summer 2014
Continua il braccio di ferro tra John Galliano, la Christian Dior Couture SA e la John Galliano SA, ex maison-datori di lavoro dello stilista inglese arrestato il 25 febbraio 2011 a Parigi in stato di ebbrezza per comportamento violento e insulti antisemiti. Bravata che a Galliano costò il posto presso la casa di moda da lui fondata oltre alla cessazione della collaborazione con Dior che durava da ben 15 anni. Un comportamento giustificato dallo stilista a causa dell’eccessivo stress che il ruolo di direttore creativo presso la maison parigina gli creava.

Di questi giorni la notizia secondo cui John Galliano riceverà 2.500 euro dalla Christian Dior Couture SA e 2.500 euro dalla John Galliano SA. L’annuncio dopo che la Corte d’Appello di Parigi ha rigettato la richiesta della maison di assegnare la causa al Tribunale del Commercio e non a quello del Lavoro. Ora il brand francese e lo stilista hanno a disposizione due mesi per ricorrere in appello.

Intanto il legale della Christian Dior Couture SA e della John Galliano SA, Jean Néret di Jeantet Associates, ritiene di aver proceduto con una giusta causa. Non solo: l’avvocato ha anche annunciato che lo scorso marzo il Tribunale del Commercio ha stabilito che la Cheyenne Freedom è colpevole di aver danneggiato l’immagine e la reputazione degli assistiti di Monsieur Néret. Così, la realtà fondata da John Galliano avrebbe l’obbligo di versare un compenso pari a 1,17 milioni di euro. Il nodo della questione che resta da chiarire risiede nel cercare di capire se tra Galliano e le due aziende ci fosse solo una collaborazione o un impiego continuativo da dipendente.

Quello che è sicuro è che dopo tre lustri i rapporti tra lo stilista e Dior non erano proprio rose e fiori.


Vedi altri articoli su: Attualità | Trend |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *