NYFW day 4 sfilate

NYFW FW 2016 day 4: lusso tra romanticismo e rigore

Un romanticismo fiabesco, femminile e allo stesso tempo contemporaneo e un lusso minimalista e “rigoroso” sono gli elementi caratterizzanti del quarto giorno di sfilate della New York Fashion Week FW 2016-2017.

Il gioco degli opposti è il leit motiv della New York Fashion Week FW 2016-2017, che in occasione di San Valentino sceglie come contrapposizione quella tra romanticismo e rigore.

Dopo l’eleganza unconventional del primo giorno, il mix di boho style, casual e lusso del secondo e il rebel mood contrapposto al bon ton del terzo, il day four è un viaggio tra atmosfere sognanti, rarefatte e fiabesche e una realtà minimalista, ma al contempo lussuosa e sofisticata.

Sogno + fiaba= romanticismo

Giocosa, sensuale e a tratti eterea, la proposta autunno-inverno 2016-2017 di Rachel Zoe attinge alla materia di cui sono fatti i sogni per dare forma a look romantici, eleganti e lussuosi. La donna immaginata dalla fashion designer e stylist delle star gioca con elementi maschili e femminili, velluto e tulle, frange (tante frange!) e ricami, trasparenze e pienezza materica, dando vita a una sorta di regina guerriera contemporanea. Tra abiti dalle forme avvolgenti e impalpabili, completi in pelle stile disco, giacche e cappotti maxi, in pelle e pelliccia, lo stile è funzionale alla vestibilità e non viceversa, in una prova creativa convincente e matura.

Prabal Gurung sceglie il dipinto Woman Walking in an Exotic Forest di Henri Rousseau e il poema She Walks in Beauty di Lord Byron come fonte di ispirazione per la sua collezione dedicata alla prossima stagione fredda. Bianco, nero, rosa e azzurro sono i colori principali della palette cromatica adottata dallo stilista, con un’inattesa pennellata di rosso fulvo a creare contrasto. Le linee sono morbide, rilassate e pensate per accompagnare e valorizzare la silhouette, così come i materiali, un armonioso mix di pelliccia, pelle, lana, tulle, pizzo, seta. Il risultato d’insieme è piacevole ed elegante, seppure per certi aspetti poco originale,

Lusso di rigore

Evolvere nel mondo della moda è fondamentale per restare al passo con i tempi e i gusti del pubblico. Un requisito per il successo imprescindibile, che Victoria Beckham dimostra – una volta di più – di possedere nel DNA. L’eclettica e talentuosa stilista e business woman con la collezione autunno-inverno 2016-2017 compie un ulteriore passo avanti nella sua maturazione professionale e stilistica, ripulendo le linee e i volumi e abbandonando il “caposaldo” corsetto. Il risultato è un insieme di capi lussuosamente minimal, declinati in una palette di colori caldi, essenziali e rassicuranti, che valorizzano il collo, le spalle, le braccia e il busto, mascherano maliziosamente e con non poca astuzia i fianchi e slanciano le gambe. Che dire, se non: “Grazie, Victoria”?

Sulla falsariga si colloca la proposta FW 2016-2017 di Derek Lam, che attinge agli anni sessanta e settanta e a un’estetica geometrica per creare una serie di look eleganti, sofisticati e “concettuali”, che omaggiano la femminilità attraverso l’uso di tonalità delicate come il malva, il crema e il greige, forme definite ma non definitive e un generale senso di ordine e “pulizia” che rende tutto piacevolmente perfetto.

Il lusso rigoroso è il leit motiv anche della collezione per la prossima stagione fredda di Brooks Brothers disegnata da Zac Posen. Lo stilista ha attinto al proprio heritage e a inossidabili evergreen della moda come camel cashmere, smoking e maxi cardigan per vestire una donna di classe, vagamente retrò e squisitamente femminile, che fa della ricercatezza e della cura per i dettagli il proprio stile quotidiano.

Bonus track: Moncler Grenoble

Sospesa tra magia, lusso, futuro e tradizione, la collezione Moncler Grenoble rappresenta la “bonus track” del quarto giorno della New York Fashion Week FW 2016-2017.

Proposta elegantissima e high-tech per lo sci e il dopo-sci, resterà scolpita nella memoria degli addetti ai lavori non solo per la ricercatezza sartoriale dei completi sportivi di cui si compone, ma anche – soprattutto – per la scelta del marketing del brand di allestire la sfilata all’aperto, nella notte più fredda dell’anno nella Grande Mela.

Una presentazione memorabile. Senza dubbio.


Vedi Anche


Ti potrebbe interessare anche

Il look beauty della Paris Fashion Week P/E 2019.
Fashion Weeks

Paris Fashion Week: beauté

PFW SS 2018
Fashion Weeks

Parigi Fashion Week SS 2018: il meglio dalle sfilate

Parigi Fashion Week FW 2016-2017 day 9 sfilate
Fashion Weeks

Parigi Fashion Week FW 2016 day 9: la fine del viaggio è il suo inizio

Parigi Fashion Week FW 2016-2017 day 8 sfilate
Fashion Weeks

Parigi Fashion Week FW 2016 day 8: la moda ha i piedi per terra, ma sa sognare

Parigi Fashion Week FW 2016-2017 day 7 sfilate
Fashion Weeks

Parigi Fashion Week FW 2016 day 7: tra party anni ’80 e pragmatismo

Givenchy FW 2016-2017
Fashion Weeks

Givenchy donna autunno-inverno 2016-2017: passione Antico Egitto

Parigi Fashion Week FW 2016-2017 day 6 sfilate
Fashion Weeks

Parigi Fashion Week FW 2016 day 6: in nome dello stile

Parigi Fashion Week FW 2016-2017 day 5 sfilate
Fashion Weeks

Parigi Fashion Week FW 2016 day 5: punk, rock’n’roll e seasonless style

Abbigliamento

Saldi estivi 2019: i fashion must have

Saldi estivi 2019, cosa comprare? Vi suggeriamo 10 fashion must have da acquistare a prezzi scontati per essere sempre alla moda e non perdere le tendenze del momento.

Leggi di più