NYFW day 3 sfilate

NYFW FW 2016 day 3: ribellione vs bon ton

Continua anche il terzo giorno la ricerca di un minimo comun denominatore tra generi e stili opposti che fa da fil rouge alla New York Fashion Week FW 2016-2017 e prende forma in collezioni che oscillano tra ribellione e bon ton.

Fin dal day one, la New York Fashion Week FW 2016-2017 si muove lungo due strade che procedono nella stessa direzione, avvicinandosi, incrociandosi e allontanandosi: tradizione e innovazione. Un tema doppio e speculare, esplorato il terzo giorno con una serie di collezioni che contrappongono a uno stile elegante, misurato e bon ton uno punk, unconventional e ribelle.

Rebel & unconventional style

Il punk è morto. Lunga vita al punk. Max Azria reinterpreta lo stile seducente di Hervé Léger attingendo alle radici del movimento culturale e stilistico di rottura per eccellenza sulle orme delle grande e inimitabile Vivienne Westwood, ma con un tocco unico e personalissimo. Il risultato è una collezione autunno-inverno 2016-2017 in cui assoluti protagonisti sono gli abiti, realizzati in maglia, jacquard e tartan, con inserti in materiali tecnici e pelle, borchie, catene, frange e spille di sicurezza, occhielli e tagli sbiechi. Uno stile misuratamente irriverente, che trova il prioprio completamente in capispalla in materiali preziosi e dal mood sofisticato, come il maxi bomber a cardigan (simile a quello visto nella collezione Fenty x Puma disegnata da Rihanna).

L’altra faccia della ribellione stilistica è rappresentata dalla proposta di Alexander Wang. Il talentuoso creativo americano manda in passerella una serie di capi che mescolano elementi erothic e punk, bon ton e classici, all’insegna di quella contaminazione di generi e mood che è il marchio di fabbrica dello stilista. Tra lingerie a vista, abiti che sembrano sottovesti, maglioni oversize, completi in tweed e accessori stravaganti ma non troppo, il risultato è una collezione che sembra mancare un po’ di originalità, indulgendo nel gioco della provocazione a tutti i costi. Insomma: bravo, ma basta.

Unconventional e divertenti sono invece le creazioni di Felipe Oliveira Baptista per Lacoste FW 2016-2017. Tra suggestioni seventies e sportive, lo stilista portoghese dà forma a una serie di look originali, sperimentali ma portabili e contemporanei, giocosi ma rigorosi. Le salopette aderenti indossate con maglioni asciutti, gli abiti in maglia con zip e/o ricami di sciatori, il maxi montone con tagli geometrici concorrono a creare un senso di “futuro” che attinge a piene mani dal passato – in particolare quello legato alla tradizione dello scii – che è molto più che mero esercizio di stile e omaggio all’heritage del brand, ma vera e propria costruzione di un nuovo trend.

Elegance & bon ton

Francia, mon amour. E’ la terra d’Oltralpe il punto di riferimento e l’ispirazione per Michael Anderson di Banana Republic. Il vice presidente senior del design del marchio ha infatti portato in tour tra Parigi, Lione e la Provenza la propria squadra di creativi per realizzare una collezione capace di raccontare lo stile unformal-chic dei francesi. Il risultato è una collezione moderna con tocchi vintage, elegantemente casual e bon ton, caratterizzata da colori vibranti e da piccoli dettagli, tanto ricercati quanto apparentemente easy.

Sensuale e raffinata è invece la proposta di Mara Hoffman, ispirata a un’immaginaria cena con tre icone come Cher, Grace Jones e Jerry Hall. Tra stampe animalier, maxi dress, pantaloni a zampa, pizzo, tulle e velluto, la stilista compie un viaggio tra anni venti e settanta, oriente e occidente, garbo e sfacciatezza, giungendo in un luogo dove l’eleganza va a braccetto con la provocazione.

Ispirata alle atmosfere e all’estetica di Solo gli amanti sopravvivono, film del 2013 di Jim Jarmusch con Tom Hiddleston, Tilda Swinton e Mia Wasikowska, la collezione di Joseph Altuzarra è probabilmente quella che più di tutte nel terzo giorno riesce nell’obiettivo di mescolare stili e generi diversi fino a ottenere un insieme armonioso, chic e sofisticato. Paisley, motivi floreali, patchwork, velluto, pelle, lana, seta si fondono a comporre una vera e propria sinfonia di eleganza raffinata, che stupisce e seduce senza essere pretenziosa.



Milano Fashion Week 2019: eventi gratuiti aperti al pubblico
Fashion Weeks

Milano Fashion Week 2019: eventi gratuiti aperti al pubblico

Milano Fashion Week 2019: le tendenze
Fashion Weeks

Milano Fashion Week 2019: le tendenze da aspettarsi

Parigi Fashion Week Primavera/Estate 2019
Fashion Weeks

Gli accessori più di tendenza della Paris Fashion Week P/E 2019

Il look beauty della Paris Fashion Week P/E 2019.
Fashion Weeks

Paris Fashion Week: beauté

Il look beauty della Paris Fashion Week P/E 2019. In foto Guy Laroche e Chloé.
Fashion Weeks

Paris Fashion Week: la bellezza parla francese

Milano Fashion Week SS 2019
Fashion Weeks

Milano Fashion Week P/E 2019: gli accessori da non perdere

Il look beauty della Milano Fashion Week P/E 2019. In foto Dolce&Gabbana e Giorgio Armani.
Fashion Weeks

Il lato beauty della Milano Fashion Week

Il look beauty della Milano Fashion Week P/E 2019.
Fashion Weeks

Milano Fashion Week: a proposito di beauty

Le borse più belle da sfoggiare nel 2020
Borse

Le borse più belle da sfoggiare nel 2020

Curiose di sapere quali saranno le borse più belle da sfoggiare nel 2020? Sobrietà nella forma e nei colori regaleranno un’eleganza priva di eccessi e frivolezze.

Leggi di più