Milano Moda Donna FW 2016 day 3: elogio dello stile metropolitano

Il terzo giorno della Milano Fashion Week FW 2016-2017 è dedicato a un'eleganza quotidiana, dal mood metropolitano. L'obiettivo dichiarato è "vestire davvero" le donne, tutte le donne, rendendole più forti, sicure di sè e sensuali.

Uno stile metropolitano femminile e contemporaneo è il fil rouge del terzo giorno di sfilate della Milano Fashion Week FW 2016-2017.
Uno stile metropolitano femminile e contemporaneo è il fil rouge del terzo giorno di sfilate della Milano Fashion Week FW 2016-2017.
  • Uno stile metropolitano femminile e contemporaneo è il fil rouge del terzo giorno di sfilate della Milano Fashion Week FW 2016-2017.
  • La collezione Diesel Black Gold FW 2016-2017 è caratterizzata da uno stile biker chic. Photo credits: Diesel Back Gold on Facebook
  • Biker boots da Diesel Black Gold FW 2016-2017. Photo credits: Diesel Back Gold on Facebook
  • Gran finale da Diesel Black Gold FW 2016-2017. Photo credits: Diesel Back Gold on Facebook
  • Si intitola New Pop la collezione Emporio Armani FW 2016-2017. Photo credits: Emporio Armani on Facebook
  • Forme geometriche fluo sono il leit motiv della collezione Emporio Armani FW 2016-2017. Photo credits: Emporio Armani on Facebook
  • Un look Emporio Armani FW 2016-2017. Photo credits: Emporio Armani on Facebook
  • La pelle è l'elemento caratterizzante della collezione Tod's FW 2016-2017. Photo credits: Tod's on Facebook
  • Maschile e femminile si mescolano da Tod's FW 2016-2017. Photo credits: Tod's on Facebook
  • Un look Tod's FW 2016-2017. Photo credits: Tod's on Facebook
  • Si ispira all'estetica di Superstudio la collezione Iceberg FW 2016-2017. Photo credits: Iceberg on Facebook
  • La proposta Iceberg FW 2016-2017 è giovane e divertente. Photo credits: Iceberg on Facebook
  • La collezione Etro FW 2016-2017 si ispira agli anni '90. Photo credits: Etro on Instagram
  • Il mood chic grunge della collezione Etro FW 2016-2017. Photo credits: Etro on Instagram
  • Un look Etro FW 2016-2017. Photo credits: Etro on Instagram
  • E'
  • Minidress Versace FW 2016-2017. Photo credits: Versace on Instagram
  • Sensualità ed eleganza pop da Versace FW 2016-2017. Photo credits: Versace on Instagram

Da Diesel Black Gold a Versace, il terzo giorno di sfilate della Milano Fashion Week FW 2016-2017 è un elogio dello stile metropolitano. In un susseguirsi di generi e registri differenti, il minimo comun denominatore delle collezioni presentate in passerella è la volontà di vestire davvero le donne nella loro quotidianità: familiare, personale, lavorativa.

Biker mood ed eleganza classica

Ad aprire il day 3 della Settimana della Moda di Milano è Diesel Black Gold. Al debutto sulle passarelle meneghine in seguito alla scelta di abbandonare quelle di New York, Andreas Melbostad opta per un approccio meno “aggressivo” e “sovversivo” del solito e propone una collezione in cui lo spirito ribelle è mitigato da un quid elegante e minimal. Il biker mood permane nelle giacche e negli stivali di foggia maschile e militaresca e nell’uso di borchie, zip e cinture, ma abiti e completi di gusto bon ton, chic e femminili, segnano un cambio di registro. Uno “scarto” che nasce da un cambiamento sostanziale – in tutti i sensi – come spiega lo stesso Melbostad: “Abbiamo preso materiali come il nylon, il denim e la pelle, materiali che sono il cuore del nostro stile, e abbiamo iniettato un grande quantità di nuova ricchezza”.

Resta invece fedele a se stesso Re Giorgio, che per Emporio Armani FW 2016-2017 propone uno stile classico e chic con divagazioni pop, come del resto recita il nome della collezione, ovvero New Pop. Un’idea che prende forma in decori e applicazioni geometriche in tinte fluo su giacche, top, abiti, gonne e pantaloni 100% Armani style, con rimandi agli anni ’80 e un che di futuristico.

Tradizione artigianale e sperimentazione pop

È un omaggio al made in Italy e all’eccellenza artigiana del Belpaese la collezione Tod’s autunno-inverno 2016-2017 di Alessandra Facchinetti. Una scelta che prende forma in look il cui fil rouge è la pelle, declinata in cappotti di taglio maschile di ispirazione seventies, giubbotti da motociclista, pantaloni dal mood rock e gonne al ginnocchio plissé. La stilista la usa in versione lucida e scamosciata, nera, bordeaux, viola, color caramello e anche bronzata e ne smussa la “durezza” con un grande uso di tartan, forme geometriche astratte e nappine, per un risultato femminile e contemporaneo.

L’estetica avveniristica e sperimentale di Superstudio è invece l’ispirazione della proposta per la prossima stagione fredda di Iceberg. Disegnata da Arthur Arbesser, al secondo show per il brand del Gruppo Gilmar, ha un twist giovane, divertente e colorato, che mescola pantaloni a palazzo fluidi e abiti in maglia aderenti, maxi cardigan, pull in stile college, cappotti e giacche oversize, gonne a tubo, tessuti leggeri, pelliccia e lana, in un revival degli anni ’70 fresco, innovativo e convincente.

Chic grunge e “Urban Glam”

Dopo Costume National nel secondo giorno di sfilate, gli anni’90 tornano ancora in passerella alla Settimana della Moda di Milano nella collezione disegnata da Veronica Etro per la maison che porta il suo nome. La stilista attinge infatti al periodo trascorso a Londra nell’ultimo decennio del XX secolo e mescola suggestioni e ricordi con l’heritage del brand per dare forma a una serie di look chic grunge, in cui giubbotti da motociclista e maxi coat si abbinano ad abiti gipsy e giacche di gusto bohèmien con ricchi ricami sono indossate con minidress country, in una continua ricerca di composizione dei contrasti.

Taglia invece tutto il superfluo Donatella Versace, che con la collezione Versace FW 2016-2017 intitolata significativamente Urban Glam propone una nuova epoca per la maison, scegliendo di puntare su una sensualità metropolitana il cui obiettivo ultimo è quello di fare sentire le donne più forti e sicure di sè. Un fine ambizioso, che la stilista raggiunge con un mix di capi incredibilmente comfy, lineari e puliti, caratterizzati da uno stile attuale, grintoso e seducente, proprio come le donne alle quali sono dedicati.


Vedi altri articoli su: Milano Fashion Week |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *