London Fashion Week FW 2016 day 3: dallo street style al sogno

Dallo street style a suggestioni immaginifiche e oniriche, il terzo giorno della London Fashion Week FW 2016-2017 propone un excursus tra stili, generi e modi di fare moda molto diversi tra loro, ma tutti emozionanti.

E' un viaggio tra street style, pionerismo, arte, psichedelia e sogno il day 3 della London Fashion Week FW 2016-2017.
E' un viaggio tra street style, pionerismo, arte, psichedelia e sogno il day 3 della London Fashion Week FW 2016-2017.
  • E' un viaggio tra street style, pionerismo, arte, psichedelia e sogno il day 3 della London Fashion Week FW 2016-2017.
  • Cappotti di stile militaresco dal mood iperfemminile sono il pezzo forte della collezione Mulberry FW 2016-2017. Photo credits: Mulberry on Facebook
  • Gli inserti metallici sono un leit motiv di Mulberry FW 2016-2017. Photo credits: Mulberry on Facebook
  • Mulberry FW 2016-2017 interpreta la leggerezza con corti abiti dalla gonna a ruota in tessuto impalpabile. Photo credits: Mulberry on Facebook
  • Il colore protagonista da Mulberry FW 2016-2017. Photo credits: Mulberry on Facebook
  • Giacche dal mood militaresco e street style caratterizzano la collezione Topshop Unique FW 2016-2017. Photo credits: Topshop Unique on Facebook
  • Eleganza e sensualità da Topshop Unique FW 2016-2017. Photo credits: Topshop Unique on Facebook
  • Il daywear secondo Topshop Unique FW 2016-2017. Photo credits: Topshop Unique on Facebook
  • Motociclismo e pionerismo sono il fil rouge della collezione Belstaff FW 2016-2017. Photo credits: Belstaff on Facebook
  • Uno dei bellissimi capispalla proposti da Belstaff FW 2016-2017. Photo credits: Belstaff on Facebook
  • Due look della collezione Belstaff FW 2016-2017. Photo credits: Belstaff on Facebook
  • Il dandy mood pervade la collezione Paul Smith FW 2016-2017. Photo credits: Paul Smith on Instagram
  • E' una psichedelia dicreta ed elegante quella della collezione Paul Smith FW 2016-2017. Photo credits: Paul Smith on Instagram
  • Dettaglio dalla sfilata Paul Smith FW 2016-2017. Photo credits: Paul Smith on Instagram
  • Rinascimento e punk si incontrano nella collezione Vivienne Westwood Red Label FW 2016-2017. Photo credits: Vivienne Westwood Red Label on Facebook
  • Capospalla Vivienne Westwood Red Label FW 2016-2017. Photo credits: Vivienne Westwood Red Label on Facebook
  • Un look della collezione Vivienne Westwood Red Label FW 2016-2017. Photo credits: Vivienne Westwood Red Label on Facebook
  • Sogno, surrealismo e immaginazione sono il leit motiv della collezione Alexander McQueen FW 2016-2017. Photo credits: Alexander McQueen on Facebook
  • Un minidress etereo e sognante Alexander McQueen FW 2016-2017. Photo credits: Alexander McQueen on Facebook
  • Completo androgino Alexander McQueen FW 2016-2017. Photo credits: Alexander McQueen on Facebook

Con il terzo giorno di sfilate la London Fashion Week FW 2016-2017 entra nel vivo, proponendo una serie di collezioni che esplorano diversi generi e modi di fare moda.

L’ispirazione è composita e spazia dallo street style al mood pionieristico della prima donna a recarsi con una spedizione in Antartide, dal dandy mood in chiave femminile all’arte di Donatello ed El Greco in salsa punk, fino al sogno e all’immaginato.

Street and pioneer style

Si ispira dichiaratamente allo street style la proposta autunno-inverno 2016-2017 di Johnny Coca per Mulberry. Partendo dall’assunto che “è di grande importanza essere molto specifico e unico e mantenere un carattere forte ed eccentrico“, lo stilista spagnolo alla guida del brand dalla fine del 2014 propone giacche e cappotti di ispirazione militaresca ma dal mood iperfemminile, abiti lunghi fascianti in maglia e minidress svolazzanti e impalpabili che comunicano forza e grazia. Una collezione che lascia ben sperare per il futuro della maison, in cui il pezzo forte sono le borse, vero e proprio marchio di fabbrica di Coca.

Contemporanea ed easy to wear è anche la proposta per la prossima stagione di Topshop Unique, che attinge alle stesse suggestioni militaresche di Mulberry per i capispalla, ma arricchendole con influenze Seventies, e mescola elementi sexy e bon ton, maschili e femminili, con minidress stretch e lunghi vestiti in velluto e voile, pantaloni skinny (anche in pelle) e modelli fluidi e a palazzo.

Da street a pioneer style, la collezione FW 2016-2017 di Belstaff attinge invece dall’heritage motociclistica della maison e la rivede ispirandosi alla giornalista Edith “Jackie” Ronne, prima donna a compiere una spedizione in Antartide nel 1947. Il risultato è un mix di cappotti, giacche, giacconi e mantelle lussuosi, caldi e avvolgenti, indossati con pantaloni skinny in pelle che ricordano quelli degli Inuit.

Dandy mood e Rinascimento in salsa punk

L’attività di riorganizzazione messa in atto da Paul Smith per il proprio brand si traduce in un grande fermento artistico e creativo che prende forma in una collezione autunno-inverno 2016-2017 dallo stile dandy e in parte psichedelico. Nessun eccesso, ma un’eleganza leggera, divertente e divertita, fatta di linee pulite, forme essenziali e colori caldi e avvolgenti.

E’ invece il Rinascimento di Donatello ed El Greco l’ispirazione di Vivienne Westwood, che per la collezione AI 2016-2017 Red Label mescola arte classica e suggestioni punk per creare morbidi pantaloni che si stringono sulle caviglie, long skirt con maxi spacco che ne nascondono altre corte, giacche fluide dalle spalle accentuate e cappotti oversize, multistrato, con pannelli sovrapposti e tagli sbiechi.

Night & dreams

“E’ tutta una questione di notte e di sogni” la proposta per l’autunno-inverno 2016-2017 di Alexander McQueen. La stilista Sarah Burton costruisce infatti uno stile onirico e immaginifico con fiori e farfalle dipinti a mano, piume, talismani, simboli surreali ispirati a Dalì e un uso dei materiali che mescola peso e consistenza differenti.

Il clou sono i vestiti impalpabili ed eterei, dove la leggerezza del tulle e dello chiffon si mescola alla sensualità concreta della pelle e linee classiche e rassicuranti acquisiscono un carattere provocante con aperture inaspettate, tagli e inserti.


Vedi altri articoli su: London Fashion Week |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *