Atelier Versace primavera-estate 2014

Atelier Versace collezione primavera-estate 2014

L’alta moda di Donatella Versace tra riferimenti alla cultura popular di Grace Jones e Keith Haring: silhouette esplosive, jersey liquido e importanti stole con inserti in Swarovski sfilano a Parigi

È Grace Mendoza, in arte Grace Jones, con il suo stile sensuale e intrigante e quelle hit che hanno spopolato negli anni Settanta e Ottanta (come non ricordare le sue cover de La vie en rose di Edith Piaf e Libertango di Astor Piazzolla?) a ispirare la collezione primavera-estate 2014 di Atelier Versace.

Se per la linea spring-summer 2014 Donatella Versace aveva proposto uno stile lussuosamente rock, audace e glamour, la donna dell’alta moda si fa più provocante con abiti che fasciano la silhouette, tessuti preziosi, dettagli ricamati che appaiono come tatuaggi, cristalli, drappeggi e pellicce. Quella che sale in passerella è una donna sicura di sé che non nega la propria fragilità, una donna femminile ma decisa. Ecco dunque spiegata la scelta di ispirarsi all’icona anni Ottanta, tra linee esplosive e lussuose, in pieno stile Versace.

Se gli abiti della collezione Atelier Versace di questa primavera-estate 2014 si fanno lunghi e carichi di sensualità, le fantasie sembrano strizzare l’occhio ai capolavori di Keith Haring: il risultato è una collezione popular, o forse sarebbe meglio dire pop. L’arte pop, o se vogliamo dirlo alla Lady Gaga, super ospite e grande amica di Donatella Versace, Artpop, che proprio nell’omonimo disco ha dedicato un brano alla stilista italiana. Attraverso il sapiente lavoro artigianale, possibile grazie a una grande sartorialità Made in Italy, ecco spuntare sui capi tatuaggi e graffiti: il cappuccio in jersey scivolato viene abbinato a completi con pantalone, tubini segnano il sinuoso corpo delle modelle, ricami campeggiano sui long dress, e ancora Swarovski applicati su tessuti dalle tinte forti (arancione e viola soprattutto). Una donna di potere, che ammalia e che come unico accessorio sceglie importanti pellicce e stole con cappuccio in cristalli; a completare il look rigidi maxi bracciali. Ai piedi spuntano slingback a punta e décolleté in argento brillante dai cinturini rock-bondage con inserti in plexiglass.

Quella portata in passerella da Donatella Versace è una donna che ce l’ha fatta, una donna che appare sicura di sé sotto quella corazza di femminilità che in realtà cela una fragilità naturale. È questo il motivo per cui sullo stesso abito vediamo spuntare jersey liquido drappeggiato con inserti di cristalli Swarovski abbinato a corpetti rigidi.

L’ispirazione agli anni Ottanta di Grace Jones e la cultura pop di Keith Haring non potevano essere più attuali, con quelle silhouette che si modernizzano e svecchiano dai soliti canoni imposti dalla moda 80s. Questa la bellezza Haute Couture “ago e filo” di Atelier Versace.


Vedi Anche


Ti potrebbe interessare anche

Il look beauty della Paris Fashion Week P/E 2019.
Fashion Weeks

Paris Fashion Week: beauté

PFW SS 2018
Fashion Weeks

Parigi Fashion Week SS 2018: il meglio dalle sfilate

Parigi Fashion Week FW 2016-2017 day 9 sfilate
Fashion Weeks

Parigi Fashion Week FW 2016 day 9: la fine del viaggio è il suo inizio

Parigi Fashion Week FW 2016-2017 day 8 sfilate
Fashion Weeks

Parigi Fashion Week FW 2016 day 8: la moda ha i piedi per terra, ma sa sognare

Parigi Fashion Week FW 2016-2017 day 7 sfilate
Fashion Weeks

Parigi Fashion Week FW 2016 day 7: tra party anni ’80 e pragmatismo

Givenchy FW 2016-2017
Fashion Weeks

Givenchy donna autunno-inverno 2016-2017: passione Antico Egitto

Parigi Fashion Week FW 2016-2017 day 6 sfilate
Fashion Weeks

Parigi Fashion Week FW 2016 day 6: in nome dello stile

Parigi Fashion Week FW 2016-2017 day 5 sfilate
Fashion Weeks

Parigi Fashion Week FW 2016 day 5: punk, rock’n’roll e seasonless style

La moda minimal: 5 influencer da seguire
Abbigliamento

La moda minimal: 5 influencer da seguire

La moda minimal, contrapposta a quella del gusto eccessivo degli anni ’80 e ’90, oggi rivive e si afferma nella nostra era del” too much”.

Leggi di più