Alberta Ferretti: la collezione S/S 2015 alla Milano Fashion Week

Tessuti leggeri, colori romantici, sensuali trasparenze in un gioco delicato di fiori e pizzi: la collezione primavera/estate 2015 Alberta Ferretti tra l’etereo e il boho-chic.

Eleganza e delicatezza, sono queste le due parole d’ordine che riecheggiano durante la sfilata di Alberta Ferretti per la collezione primavera/estate 2015. E del resto come può deludere la stilista italiana che da sempre si fa portavoce dell’espressione più alta della femminilità, attraverso linee dai tessuti leggeri ed eterei, per una bellezza composta, autentica, appena sussurrata.

Atmosfere bucoliche

L’atmosfera iniziale è quella di un vero e proprio paesaggio bucolico, con eteree Ninfe dei Boschi che avanzano con passo leggero e delicato, sfoggiando un look nude, che è il primo dei leit motif dell’intera sfilata. Vestiti lunghissimi, in tessuti diafani dalle sensuali trasparenze avvolgono infatti la donna Ferretti, tuniche con appena un accenno di ricamo floreale si alternano ad abiti in stile sottoveste e a top con pantaloni oversize. La palette dei colori neutri acquista vivacità e ben si bilancia alle prime tonalità pastello, come quella nella sfumatura verde-menta di un abito in stile impero con corpetto e spalline drappeggiato, da vera divinità mitologica. La primavera invece sboccia su abiti di seta la cui fantasia non è altro che un mix di geometrie e disegni floreali nei toni del lavanda, del rosa acceso, dell’azzurro. I sandali non possono che rievocare le divinità greche e romane, con allacciature alla schiava che arrivano fino ad altezza ginocchio. Una moderna Primavera del Botticelli non avrebbe potuto chiedere di più.

Lo stile Boho-chic

Un altro elemento che fa la sua comparsa nel corso della sfilata, secondo leit motif della collezione, è la frangia: declinata in tutti i colori e tonalità, dal lavanda al rosa acceso al pervinca, adorna i bordi di top e abiti velati, trasformando l’atmosfera bucolica in un mood anni Settanta, una rivisitazione dello stile hippie in chiave più elegante, una specie di boho-chic dai contorni romantici ma decisi. Bellissimo l’abbinamento di abiti lunghi in organza bianchi, riccamente ornati e dai dettagli preziosi, con gilet in camoscio color cuoio o terra bruciata, che danno ancor più fluidità al tutto grazie all’aggiunta di una cascata di frange.


Anche gli accessori sembrano seguire la stessa linea: le tracolle in camoscio sono portate morbide sulla spalla e mostrano bordi sfrangiati, così pure i mini-secchielli da portare a mano. I sandali allacciati alla schiava acquistano una nota seventies se arricchiti di sottili strisce in camoscio. Leggerezza e fluidità anche negli elementi più casual: lo chambray nei toni del blu prende il posto del denim su vestiti e pantaloni da portare morbidi, che si dissolvono ad altezza del ginocchio in pannelli nude dalle velate trasparenze.



Milano Fashion Week 2019: eventi gratuiti aperti al pubblico
Fashion Weeks

Milano Fashion Week 2019: eventi gratuiti aperti al pubblico

Milano Fashion Week 2019: le tendenze
Fashion Weeks

Milano Fashion Week 2019: le tendenze da aspettarsi

Parigi Fashion Week Primavera/Estate 2019
Fashion Weeks

Gli accessori più di tendenza della Paris Fashion Week P/E 2019

Il look beauty della Paris Fashion Week P/E 2019.
Fashion Weeks

Paris Fashion Week: beauté

Il look beauty della Paris Fashion Week P/E 2019. In foto Guy Laroche e Chloé.
Fashion Weeks

Paris Fashion Week: la bellezza parla francese

Milano Fashion Week SS 2019
Fashion Weeks

Milano Fashion Week P/E 2019: gli accessori da non perdere

Il look beauty della Milano Fashion Week P/E 2019. In foto Dolce&Gabbana e Giorgio Armani.
Fashion Weeks

Il lato beauty della Milano Fashion Week

Il look beauty della Milano Fashion Week P/E 2019.
Fashion Weeks

Milano Fashion Week: a proposito di beauty

Abbigliamento

Quali colori indosseremo nell’autunno inverno 2019/2020?

Quali colori indosseremo nell’autunno inverno 2019/2020? Dal rosso Cranberry al Galaxy Blue, scopri la palette di tendenza!

Leggi di più