Christian Dior: la collezione primavera estate 2015

Christian Dior: la collezione primavera estate 2015

Raf Simons presenta la primavera-estate 2015 di Dior: una collezione che attraversa il tempo, tra passato, presente e futuro.

-
28/09/2014

Grande attesa per la sfilata Dior alla Parigi Fashion Week e grande parata di star nel front row: in prima fila ad aspettare la collezione Primavera-Estate 2015 c’erano l’ex premier dame di Francia Carla Bruni, le attrici Olivia Palermo, Marion Cotillard e Dakota Fanning, le supermodelle Coco Rocha, Aymeline Valade e Natalia Vodianova, e blogger trendsetter come Miroslova Duma e Hanneli Mustaparta.
E Raf Simons, stilista della maison Dior, non si è fatto pregare e ha presentato una collezione ready-to-wear che strizza l’occhio alla haute couture dalla quale traspaiono ispirazioni eterogenee ed eclettiche.

Un passo nel diciottesimo secolo

Una vera e propria rivisitazione, quella della maison Dior, di fogge di abiti di un altro secolo: c’è un po’ dell’educanda francese, della sottoveste inglese ricamata, dell’abito talare francescano, delle giubbe eleganti dei nobili spagnoli.
A guardarla bene, più che una sfilata è una mostra d’arte: c’è un po’ del Velàsquez, di Léfevre, di Reynolds e dei quadri di Alma Tadema, in un bianco puro e carico, di quelli che sono le nostre nonne sapevano ottenere.
Eppure non c’è niente di datato: Raf Simons traghetta il passato nel presente e sicuramente anche nel futuro, grazie ai colori saturi, i tessuti tecnici, in certi tagli del tessuto e gli accessori futurustici.


Leggi anche: Per la primavera-estate 2014 Christian Dior fa sfilare il romanticismo lirico

Passato, presente e futuro

La capacità dello stilista della maison Dior di includere in una sola collezione così tanti riferimenti è sicuramente impressionante: si tratta di un viaggio emozionale fatto di tessuti, tagli e volumi che riescono ad evocare contemporaneamente un’idea di purezza e determinazione. Piccole pennellate di anni ’90 nei completi dalle giacche lunghe e dalle spalline ampie.
Spesso presenti le stampe, ma piccole quasi impercettibili, non danno nell’occhio eppure rendono particolare anche l’outfit più semplice. Grande protagonista il capospalla, dai tagli originali e distintivi.
A rendere moderno il passato ci pensano gli accessori, gli occhiali da sole a specchio con barra centrale, le borse squadratissime le calzature aderenti come stivali e décolleté.

Marianna Peracchi
  • Scrittore e Blogger