Storie di Natale da raccontare ai bimbi

Suggerimenti per "raccontare" la festa del Natale.

storie di natale

Il Natale è una festa davvero magica per la famiglia, perché oltre ai doni e alle ricorrenze religiose più importanti, c’è effettivamente più tempo per stare insieme. In questi giorni così particolari, quando il tempo sembra anche un po’ rallentare, i bambini amano molto ascoltare i racconti degli adulti. Le storie di Natale amplificano l’atmosfera festosa, soprattutto prima di addormentarsi e nella sera precedente all’arrivo di Babbo Natale.

Storie per spiegare il Natale

Questi giorni sono adatti per raccontare le leggende sulla nascita delle tradizioni natalizie. Il presepe, ad esempio, che ruota attorno alla mangiatoia dove viene deposto il Bambinello, come si legge nel Vangelo di S. Luca. La parola stessa “presepe” sembra proprio indicare il contenitore dove veniva depositato il fieno per gli animali della stalla, intorno al quale comparivano solo Maria e San Giuseppe; solo in seguito vennero aggiunti il bue e l’asinello. La prima vera rappresentazione vivente del presepe è invece attribuita a San Francesco, che lo utilizzò come mezzo di devozione dei fedeli per la nascita di Gesù. Le tradizioni più laiche ci riservano mille varianti della storia di Babbo Natale, che parla di luoghi fatati, renne volanti e magici elfi e piace soprattutto ai bambini più piccoli che aspettano i suoi doni con trepidazione. Si possono inoltre aggiungere particolari fantasiosi che renderanno speciali le nostre fiabe.

La letteratura e i classici natalizi

La letteratura ci viene in aiuto con molti racconti o brani di libri, adatti in genere ai ragazzi più grandi. Il testo più classico, cui si sono ispirati anche molti film recenti, è il Canto di Natale di Dickens (A Christmas Carol) sulla trasformazione del vecchio Ebenezer Scrooge che da arcigno e solitario si trasforma in uomo pieno di amore. Luigi Pirandello con il suo Racconto di Natale descrive un bellissimo sogno in cui Gesù appare in un magico volo e spiega in poche parole il vero significato della sua rinascita: “Cerco un’anima, in cui rivivere. Tu vedi ch’ìo son morto per questo mondo, che pure ha il coraggio di festeggiare ancora la notte della mia nascita. Non sarebbe forse troppo angusta per me l’anima tua, se non fosse ingombra di tante cose, che dovresti buttar via.[…]Cerco un’anima, in cui rivivere: potrebbe esser la tua come quella d’ogn’altro di buona volontà.” La narrazione sarebbe anche una buona opportuntià per spiegare alcuni aspetti più astratti del Natale.

E se ci fidassimo della fantasia?

Lasciando stare le tradizioni e la letteratura possiamo fidarci del nostro istinto con le storie di Natale inventate, che cambiano ad ogni occasione e sono sempre uniche e originali. Le possiamo anche condire con alcuni particolari cari ai bambini, come i loro personaggi preferiti, situazioni belle che hanno vissuto o luoghi conosciuti. Tra queste narrazioni rientrano sicuramente anche i racconti della nostra infanzia, le descrizioni di come gli adulti di oggi ricevevano i regali e festeggiavano con i loro parenti. I piccoli si divertiranno e ricorderanno che  i genitori sono stati bambini e, come loro, trepidavano nell’attesa dei doni, sciogliendosi come neve al sole di fronte al mistero del Natale.


Vedi altri articoli su: Feste e ricorrenze |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *