I bebè a due mesi “prevedono” le intenzioni della mamma

I bebè a due mesi “prevedono” le intenzioni della mamma

Uno studio dell'Università di Portsmouth rivela: i bebè fin dai due mesi capiscono se la mamma sta per prenderli in braccio. E reagiscono facilitandole il gesto

-
16/07/2013

Molte mamme forse già l’avevano capito o almeno lo sospettavano. E adesso ecco i risultati di una ricerca condotta da un team dell’Università di Portsmouth: già a partire dai due mesi di vita in avanti i bebè sono in grado di riconoscere l’intenzione della mamma che si avvicina e sta per prenderli in braccio.

Infatti si preparano a farsi sollevare. Come? Aprendo le braccine e irrigidendo le gambe, così da rendere alla mamma di turno l’operazione più facile.

[dup_immagine align=”alignright” id=”30932″]La notizia, che deriva da uno studio dell’università inglese condotto sotto la guida di Vasudevi Reddy, docente di Psicologia dello sviluppo ora pubblicato sull’importante rivista Plos One, non solo è un interessante e dolcissimo contributo che descrive in parte quella magia che esiste nel rapporto tutto speciale tra bambino e mamma, ma potrebbe permettere importanti sviluppi in campo medico.

Suggerendo test davvero precocissimi per diagnosticare il rischio che il bambino soffra di autismo in mancanza di queste reazioni agli arti superiori e inferiori da parte dei bebè – ossia in mancanza di questa capacità di prevedere, o meglio, riconoscere, le intenzioni materne.


Leggi anche: La gravidanza mese per mese

  • Scrittore e Blogger