test di coombs gravidanza

Test di Coombs in gravidanza

L’importanza del test di Coombs in gravidanza, in cosa consiste e quando sarebbe bene farlo per monitorare lo stato di salute del feto e l’eventualità di una malattia emolitica.

L’incompatibilità materno-fetale riguarda la differenza di gruppo sanguigno, con particolare attenzione per il fattore Rh di mamma e bimbo. Il test di Coombs contrasta un’eventuale malattia emolitica o anemia del feto, che nei casi più rari e gravi potrebbe portare alla morte intrauterina. In cosa consiste il test di Coombs e quando farlo ve lo spiegheremo più avanti.

Qualche dettaglio in più

Come anticipato, l’incompatibilità di gruppo sanguigno tra mamma e feto acquisisce toni più severi in presenza di una differenza di fattore RH tra i due futuri genitori, precisamente quando una madre con gruppo sanguigno RH negativo concepisce un figlio RH positivo come il padre. Esistono altri casi in cui l’incompatibilità materno-fetale non è determinata dal fattore RH, e si parla di incompatibilità AB0.
Ogni gruppo presenta anticorpi contro gli altri gruppi sanguigni:
– il gruppo A contiene anticorpi anti-B e reagisce contro i gruppi B e AB;
– il gruppo B contiene anticorpi anti-A reagendo contro i gruppi A e AB;
– il gruppo 0 contiene anticorpi anti-A e anti-B, contro i gruppi A, B e AB
Questo tipo di incompatibilità tra gruppi sanguigni ha conseguenze generalmente meno gravi. Prima che la medicina introducesse la profilassi, tale incompatibilità del fattore Rh riguardava un bambino su 100, oggi i casi sono molto meno frequenti.

Come comportarsi, i passi da fare


test di Coombs gravidanza
Se mamma e papà hanno gruppo sanguigno diverso, e in particolare nel caso di fattore Rh negativo per la madre, bisognerà effettuare il test di Coombs a partire dalla 28esima settimana.
All’inizio della gravidanza si effettuerà un primo esame per verificare il gruppo sanguigno e valutare la possibilità che il feto erediti il gruppo sanguigno del padre quando questo sia differente da quello della madre. L’organismo materno potrebbe identificare come estranei e, quindi, distruggere i globuli rossi del feto attraverso la produzione di appositi anticorpi detti anticorpi anti-D.
Dopo una prima verifica, si procederà con il test di Coombs indiretto che consiste in un semplice esame del sangue, passato dal Sistema Sanitario Nazionale e quindi gratuito, da effettuare entro il primo trimestre di gravidanza e ripetere alla ventottesima settimana di gestazione.
Il test serve per verificare se vi sia stato un contatto fra il sangue materno e quello fetale. In genere, non ci sono mai problemi alla prima gravidanza, maggiori criticità possono insorgere nelle successive gravidanza.

La profilassi, cos’è

Quando una donna con fattore RH negativo è in stato interessante, le verrà prescritta un’immunoprofilassi che, come detto, dovrà essere eseguita tra le 28 e le 30 settimane di gravidanza, per contrastare l’eventuale insorgenza degli anticorpi anti-D. Consiste in un’iniezione praticata sulla spalla. Se tutto va bene, il Test di Coombs indiretto è negativo: ciò vuol dire che non c’è stato contatto tra sangue materno e fetale.

Vediamo più dettagliatamente i casi che potrebbero verificarsi se la mamma ha un gruppo sanguigno diverso:

1. se la mamma ha un fattore RH positivo sono meno frequenti i problemi di incompatibilità. Il test sarà ripetuto, per maggiore sicurezza, alla ventottesima settimana di gravidanza;
2. se la mamma ha un fattore RH negativo, il padre ha un gruppo sanguigno negativo e il Test di Coombs indiretto risulta negativo. In questo caso, l’esame sarà ripetuto per sicurezza alla ventottesima settimana di gravidanza, ma si presume che non ci siano problemi di incompatibilità fra i gruppi sanguigni materno e fetale;
3. se la mamma ha un fattore RH negativo, il gruppo sanguigno del padre è RH positivo e il Test di Coombs indiretto risulta negativo: in questo caso l’esame viene ripetuto ogni mese per monitorare che l’esito sia sempre negativo.
4. se la mamma ha un fattore RH negativo, il gruppo sanguigno del padre è RH positivo e anche il Test di Coombs risulta positivo.

Se l’esito fosse positivo, sarà necessario rivolgersi a un centro di secondo livello e monitorare il feto attraverso delle ecografie, per valutarne le condizioni. La madre dovrà sottoporsi a costanti prelievi per vedere quanto è severa la sua risposta e capire come progredirà la gravidanza.
Nel caso di positività del test di Coombs indiretto, lo spettro delle possibilità è piuttosto ampio: potrebbero esserci ripercussioni di ridotta importanza oppure altri più gravi con l’insorgenza di una “malattia emolitica” con il rischio grave di morte perinatale o eventuali danni cerebrali per il bambino appena nato.

Va però fatto un quadro generale sui rischi e questi sono piuttosto rassicuranti: si stima che l’1,2% delle donne gravide avrà anticorpi anti-D e di queste solo lo 0,4% avranno problemi per il feto. Tutto cambia da gravidanza a gravidanza, ovviamente.

Si consiglia sempre di consultare il proprio medico curante.


Vedi Anche


Ti potrebbe interessare anche

Gravidanza

Perdite in gravidanza, quando c’è da preoccuparsi?

Gravidanza

5 consigli per una gravidanza in estate

Gravidanza
Gravidanza

Perché in gravidanza non si deve mangiare per due

Frutta secca
Gravidanza

Frutta secca in gravidanza, quale preferire?

Baby shower
Gravidanza

Baby shower: idee per regali originali

La dieta in gravidanza
Gravidanza

I 5 alimenti indispensabili in gravidanza

Restrizione della crescita intrauterina: che cos'è e quali sono le cause
Gravidanza

Restrizione della crescita intrauterina: che cos’è e quali sono le cause

Gravidanza multipla: quale dieta alimentare seguire?
Gravidanza

Gravidanza multipla: quale dieta alimentare ?

Piedino
Consigli per mamme

Perché i bambini dovrebbero camminare scalzi

Lo hanno detto anche i medici ed è stato comprovato da una ricerca: camminare scalzi aiuta lo sviluppo dei bambini.

Leggi di più