Sai come capire quando sei più fertile?

Muco cervicale: tutto ciò che devi sapere

Conoscere il proprio ciclo mestruale e, in particolare, il muco cervicale per individuare i giorni fertili.

Il muco cervicale ha un ruolo importante nel processo di concepimento, per questo è utile che ogni donna acquisisca una certa familiarità con il proprio muco cervicale così da programmare i rapporti sessuali a scopo concezionale.

Cerchiamo di vedere insieme tutte le variazioni che interessano il fluido secreto dalla cervice, in base alla cui quantità e qualità sarà più facile individuare i giorni fertili.

Muco cervicale: come conoscerlo meglio

La produzione del muco cervicale è stimolata dagli ormoni estrogeni e subisce delle variazioni in termini di copiosità e qualità. Man mano che ci si avvicina all’ovulazione, i livelli estrogeni aumentano causando una maggiore secrezione di muco fertile.

Che sembianze ha il muco cervicale? È albuminoso, cioè ha una consistenza molto simile a quella dell’albume d’uovo; è chiaro, filante ed è il perfetto mezzo di protezione per lo sperma in termini di consistenza e di Ph; per la sua composizione e consistenza, il muco agevola il viaggio dello sperma e degli spermatozoi verso l’ovulo da fecondare. Avere abbastanza muco cervicale albuminoso, quindi, aumenterà le probabilità di concepimento.

È utile sapere che:

dopo la mestruazione, la produzione di muco cervicale è al minimo, durante i giorni successivi la quantità del muco aumenterà;

verso il giorno dell’ovulazione, il muco cervicale potrebbe avere un aspetto cremoso.

durante l’ovulazione, la produzione di muco sarà al massimo e la consistenza ed il colore saranno simili a quelli dell’albume d’uovo. Questi sono i giorni più fertili.

dopo l’ovulazione, la quantità di muco tende a diminuire e assume una consistenza più solida.

Muco cervicale, breve quadro sulla qualità

Dopo aver fatto un quadro generale sui cambiamenti del muco e aver capito come monitorarlo in base alle fasi, la donna potrebbe scoprire di non produrre molto muco fertile in prossimità dell’ovulazione oppure rendersi conto che il muco cervicale prodotto è “ostile”, ciò vuol dire che ha una consistenza spessa e appiccicosa e non fluida e filante. Queste caratteristiche potrebbero vanificare gli sforzi di concepimento ostacolando, appunto, il viaggio dello sperma lungo la tuba di Falloppio per incontrare l’ovulo e fecondarlo.

Una produzione insufficiente di muco cervicale o la sua consistenza “ostile” possono essere causate da diete, stress, problemi ormonali o specifici medicinali assunti.
Se la produzione di muco non fosse sufficiente, ecco alcuni accorgimenti utili a migliorare il muco:

idratazione, assicurarsi di bere a sufficienza. Se non ci si idrata abbastanza, le membrane mucose non saranno sufficientemente umide;

• integratore alimentare di acido folico, è molto utile assumerlo;

• alcuni dicono che gli integratori di vitamina E possano migliorare la qualità del muco cervicale. Tuttavia, se si stanno assumendo anticoagulanti (compresa l’aspirina in dose ridotta) non è consigliato assumere anche la vitamina E;

• si pensa che anche l’aminoacido L-arginina possa aiutare ad aumentare il muco cervicale, aumentando il flusso sanguigno e la circolazione attorno agli organi riproduttivi.



Quale carne posso mangiare in gravidanza
Gravidanza

Quale carne posso mangiare in gravidanza

Sesso del bambino 10 modi simpatici per annunciarlo
Gravidanza

Sesso del bambino: 10 modi simpatici per annunciarlo       

Gravidanza si può prendere il sole
Gravidanza

Gravidanza: si può prendere il sole?  

Voglie in gravidanza, verità o leggenda
Gravidanza

Voglie in gravidanza, verità o leggenda?

Quale pesce posso mangiare in gravidanza
Gravidanza

Quale pesce posso mangiare in gravidanza

Integratori in gravidanza, quali assumere
Gravidanza

Integratori in gravidanza, quali assumere

Quale carne posso mangiare in gravidanza
Gravidanza

Quale carne posso mangiare in gravidanza

Quale crema solare usare in gravidanza
Gravidanza

Quale crema solare usare in gravidanza

Quando torna il ciclo dopo il parto
Parto

Quando torna il ciclo dopo il parto      

Il capoparto è tecnicamente il ritorno del ciclo dopo il parto e coincide con la fine della fase del puerperio. Varia da donna a donna a seconda che si allatti al seno o meno. Come si manifesta? Come si distingue dalle lochiazioni? Quando occorre consultare un medico?

Leggi di più