Lochiazioni

Lochiazioni: quali sono le perdite post parto 

Le lochiazioni sono perdite fisiologiche di sangue dopo il parto. Hanno una funzione importantissima: risanare l’utero e riportarlo alla condizione pre-gravidanza e alla normale funzionalità. Durano circa 40 giorni.

Dopo il parto, ha inizio per la donna un periodo delicato di circa 40 giorni che comporta un notevole stress fisico e un grande cambiamento mentale: è il cosiddetto puerperio. La domanda che tutte si fanno in questa fase delicata è: “tornerò quella di prima”? Tranquille, la risposta è assolutamente sì, parola degli esperti.

Il puerperio coincide con l’avvio dell’allattamento ma è anche quel giusto lasso di tempo in cui il corpo della donna subisce le modificazioni che la riportano gradatamente alle condizioni pre-gravidanza. Sul sito del Ministero della Salute si legge che il puerperio è “il periodo che segue l’espulsione della placenta e termina con il ritorno dell’apparato genitale femminile alle condizioni anatomo-funzionali pregravidiche”. Dura circa sei settimane ed è caratterizzato da perdite ematiche dette lochiazioni.

In questa fase è importante che la neomamma abbia intorno il giusto supporto fisico e psicologico, a livello pratico serve una sana alimentazione e l’osservanza delle corrette norme igieniche.

Le buone norme post parto

Una volta terminato il post partum ovvero il lasso di tempo immediatamente successivo al parto si entra nel cosiddetto puerperio caratterizzato dall’avvio della produzione di latte e dalle perdite ematiche o lochiazioni che dureranno circa sei settimane.

Vi consigliamo in questa fase di seguire semplici regole di igiene e alimentazione per il vostro benessere e di conseguenza quello del vostro bambino.

Le cose da fare

  • Detergere spesso le parti intime con movimenti dalla vulva verso l’ano (idem per l’asciugatura). Per quante hanno fatto il parto naturale le ostetriche consigliano detergenti a base di olio di tea tree con potere antibatterico per prevenire le infezioni;
  • Curare l’alimentazione che deve essere varia ed equilibrata con particolare attenzione a pietanze fresche, cibi di stagione, quantità generose di frutta e verdura;
  • Vietate le sostanze alcoliche, concessi tè, caffè e cioccolato ma in quantità moderate;
  • Attente agli alimenti che possono alterare il gusto del latte (ad esempio aglio, cipolla, asparagi, cavolo, peperoni);
  • Idratarsi adeguatamente, almeno due litri di acqua naturale al giorno e tisane non zuccherate.

Lochiazioni: cosa sono

Le lochiazioni sono sanguinamenti vaginali post partum assolutamente fisiologici. Sono semplicemente frammenti di decidua (la mucosa dell’endometrio) che il corpo espelle gradatamente per ritrovare la forma pregravidica. A seconda della donna, o anche in base al parto effettuato, naturale o cesareo, la durata varia da 3 a 6 settimane (40 giorni circa).

Anche il colore delle lochiazioni cambia col trascorrere dei giorni: nei primi 2-3 giorni hanno colore rosso scuro, simili a flusso mestruale, si parla infatti di lochia rubra. Quest’ultima contiene cellule epiteliali, globuli rossi, globuli bianchi, meconio fetale e vernice caseosa (in più si noteranno piccoli coaguli di sangue pari a 1 cent di euro).

Durante la degenza in ospedale dopo il parto le lochiazioni saranno valutate dalle ostetriche nel colore e nella quantità. Fra il terzo e il decimo giorno, le perdite ematiche diventano sierose e si presentano di colore rosato, da qui il nome lochia sierosa. Queste lochiazioni sono composte da essudato sieroso e residui di decidua, globuli rossi, globuli bianchi, muco cervicale e microrganismi.

Col passare dei giorni alla perdita ematica si sostituisce una perdita cremosa di colore giallastro (una o due settimane ancora). La coda delle lochiazioni prende il nome di lochia alba di colore chiaro, tra il bianco e il trasparente. L’utero espelle cellule epiteliali, grassi, muco cervicale, cristalli di colesterolo e batteri. Gli esperti riferiscono che il volume totale delle perdite di sangue dopo il parto si aggira intorno a 225 ml.

Molte donne notano che le perdite sono più abbondanti al mattino per via della posizione orizzontale durante il riposo notturno, dopo uno sforzo o dopo ogni poppata. Se le lochiazioni superano i 40 giorni oppure non si riducono progressivamente è bene contattare il proprio ginecologo. In caso di seconda o terza gravidanza le lochiazioni risultano più copiose.

In caso di taglio cesareo invece le perdite ematiche sono meno abbondanti poiché il ginecologo avrà già eseguito l’estrazione manuale della placenta e la pulizia delle pareti uterine.

Lochiazioni: quanto durano

Dal momento che le lochiazioni ci accompagnano per ben 40 giorni dopo il parto e col passare dei giorni mutano in consistenza, colore e quantità potrebbe risultare utile un breve riepilogo per quante si accingono al parto e vogliono sentirsi tranquille sulle tempistiche.

  • Tra il primo e il terzo giorno: appaiono rosse, abbondanti, liquide (tipo flusso mestruale)
  • Dal quarto al decimo giorno: marroncine, flusso ridotto di molto
  • Dopo il decimo giorno e per due settimane: gialle, marroni, scarse, cremose; attenzione perché solitamente attorno al decimo giorno si può ripresentare un flusso rosso abbondante (durata minimo di due giorni)
  • 3° settimana: biancastre, scarseggianti, sierose
  • 4°, 5° e 6° settimana: sempre più chiare fino a scomparsa.
     

Quando preoccuparsi?

Fermo restando che la lochiazione è un fenomeno del tutto fisiologico con cui il corpo di una donna si ripulisce e si riassesta dopo il parto e che le perdite ematiche variano in base a diversi fattori: parto naturale o cesareo, prima gravidanza o gravidanze successive, allattamento al seno o meno, vi sono dei campanelli d’allarme che la puerpera non deve sottovalutare.

Ad esempio una forte quantità di grossi coaguli di sangue (come prugne per intenderci) o una perdita di tipo emorragico necessitano di un controllo in pronto soccorso o quanto meno di una chiamata al ginecologo. I coaguli e il sanguinamento abbondante potrebbero essere causati dal rilassamento dell’utero o più di rado da piccole lacerazioni, in questi casi è bene tornare al punto nascita per una visita accurata.

Per quel che riguarda invece l’odore la lochiazione non ha un particolare tanfo, se si avverte olezzo maleodorante di muffa è bene darsi da fare perché evidentemente vi è in corso un’infezione o una micosi.

Lochiazione o capoparto?

La lochiazione è una finta mestruazione e non va assolutamente confusa con il capoparto, ovvero il primo ciclo dopo la gravidanza. Con il capoparto si riattiva il lavoro delle ovaie quindi la donna torna fertile e fecondabile.

Il primo ciclo dopo il parto si presenta in genere dal 25° al 75° giorno dopo la nascita del bambino anche se il dato è molto variabile e influenzato da diversi fattori come lo stress e l’allattamento al seno (quest’ultimo di solito ritarda la prima mestruazione anche fino all’ottavo mese di vita del neonato).



Ventosa parto
Gravidanza

Ventosa parto: cos’è e come funziona il parto con ventosa

Servizio fotografico gravidanza, cos'è e quanto costa
Gravidanza

Servizio fotografico in gravidanza, cos’è e quanto costa

A quante settimane si può partorire senza rischi
Gravidanza

Pre-termine, a quante settimane si può partorire senza rischi

Contrazioni, come riconoscerle e durata
Gravidanza

Contrazioni, come riconoscerle e durata   

Disegni pancia gravidanza maschietto
Gravidanza

Disegni pancia gravidanza: bimba, maschio e fai da te     

False mestruazioni in gravidanza, cosa sono e come comportarsi
Gravidanza

False mestruazioni in gravidanza, cosa sono e come comportarsi

Gravidanza e Covid, come affrontare al meglio questo periodo
Gravidanza

Gravidanza e Covid, come affrontare al meglio questo periodo

Connettivite indifferenziata e gravidanza, sintomi e cura
Gravidanza

Connettivite indifferenziata e gravidanza, sintomi e cura