Incinta a 40 anni

Incinta a 40 anni: come vivere al meglio la gravidanza e affrontarne i rischi

Un passo importante nella vita di una donna, da affrontare con maggiori cautele e massimo relax.

Mamma a 40 anni? Sì, è possibile (e a 50?). In gran parte dei casi le gravidanze affrontate in età più matura non comportano nessun tipo di problema, ma serve solo un po’ più di attenzione e controllo durante la gravidanza.

Quali sono i rischi e le complicazioni alle quali si può andare incontro?

Come prima cosa dobbiamo tener presente che più aumenta l’età femminile più diminuisce la fertilità e di conseguenza le probabilità di restare incinta. Questo accade perché c’è una riduzione progressiva degli ovociti disponibili e della loro qualità.

Attenzione: lo stesso discorso vale anche per gli uomini, dopo i 30 anni la fertilità inizia a diminuire.

Un altro aspetto da tenere in considerazione quando una donna di 40 anni decide di avere un bambino è l’aborto spontaneo. La possibilità nelle prime settimane di gravidanza di avere un aborto spontaneo, aumenta in modo significativo via via che gli anni passano. Un altro rischio è quello legato alla comparsa di anomalie cromosomiche, in questo caso è possibile effettuare un test di screening, come il bi-test o l’analisi del DNA fetale da sangue materno oppure effettuare un’amniocentesi e villocentesi, che comportano però dei rischi essendo degli esami invasivi sul feto.

Le precauzioni da prendere e come affrontarle al meglio

Conoscere i rischi ai quali si potrebbe andare incontro durante una gravidanza in età avanzata è molto importante.

Come prima cosa, è necessario affidarsi ad un medico ed eseguire tutti gli esami necessari. Inoltre, la futura mamma deve porre attenzione all’alimentazione, in modo da evitare aumenti eccessivi di peso ed il presentarsi di malattie come il diabete.

Molto importante è poi  dedicare più tempo al riposo ed effettuare attività fisica. Tutto questo porta ad un miglioramento psico-fisico necessario per affrontare al meglio una gravidanza in età avanzata.

La gravidanza a 40 anni, legata oggi soprattutto ad un cambiamento della vita, non presenta solo rischi, ma anche molti vantaggi. Diventare mamme in età più matura ha infatti anche molti lati positivi.

Tramite ricerche effettuate presso la Keck School of Medicine dell’Università della California del Sud, le donne che diventano mamme tra i 30 e i 40 anni e oltre, vedono ridursi il rischio di ammalarsi di tumore all’endometrio in percentuali che vanno dal 17% al 44%, rispetto alle mamme più giovani.

In conclusione, una donna può affrontare una gravidanza a qualsiasi età, l’importante è la consapevolezza dei rischi ai quali si potrebbe andare incontro e, cosa importante, effettuare tutti i controlli necessari affinché sia il bambino, che la futura mamma possano vivere questo meraviglioso momento in serenità e senza problemi.



Servizio fotografico gravidanza, cos'è e quanto costa
Gravidanza

Servizio fotografico in gravidanza, cos’è e quanto costa

A quante settimane si può partorire senza rischi
Gravidanza

Pre-termine, a quante settimane si può partorire senza rischi

Contrazioni, come riconoscerle e durata
Gravidanza

Contrazioni, come riconoscerle e durata   

Disegni pancia gravidanza maschietto
Gravidanza

Disegni pancia gravidanza: bimba, maschio e fai da te     

False mestruazioni in gravidanza, cosa sono e come comportarsi
Gravidanza

False mestruazioni in gravidanza, cosa sono e come comportarsi

Gravidanza e Covid, come affrontare al meglio questo periodo
Gravidanza

Gravidanza e Covid, come affrontare al meglio questo periodo

Connettivite indifferenziata e gravidanza, sintomi e cura
Gravidanza

Connettivite indifferenziata e gravidanza, sintomi e cura

Regola di Naegele come calcolare la data del parto e differenza con il metodo classico
Gravidanza

Regola di Naegele: come calcolare la data del parto e differenza con il metodo classico