Sta spuntando il primo dentino: SOS genitori
Consigli per mamme

SOS dentizione: ecco cosa fare quando spunta il primo dentino

L’arrivo di uno o più dentini porta nel vostro piccolo un bello sconvolgimento da più punti di vista. Come fare per capire il suo disagio e aiutarlo a trovare un po’ di sollievo alle gengive?

Tutti sanno che avere un figlio è una delle cose più belle e sconvolgenti che possa capitare ad una persona; un alternarsi di emozioni e sensazioni uniche ed irripetibili. Detto ciò, avete presente il famoso cubo di Rubik e la sensazione di non avere la più pallida idea di come fare per far sì che tutte le facce risultino dello stesso colore ? Beh … talvolta avere un figlio fa sentire esattamente così: restate inermi di fronte al vostro cucciolo che piange, è irritabile, ha comportamenti che mai prima aveva avuto prima e non riuscite a capire il perché. Non sempre c’è una risposta ma è possibile affermare con convinzione che l’arrivo di uno o più dentini porta nel vostro piccolo un bello sconvolgimento da più punti di vista. Come fare per capire il suo disagio e aiutarlo a trovare un po’ di sollievo alle gengive?

Sintomi

Parlare dei sintomi legati alla dentizione decidua (così si chiamano i denti da latte destinati a cadere) è come aprire il vaso di Pandora: ce ne sono molti e molto differenti tra loro, oltre al fatto che ogni bambino è un mondo a sé. Se si potessero raggruppare per macrofamiglie in primis troveremmo oltre a gengive più gonfie del normale e sonno irrequieto, una salivazione abbondante. Premesso che ci sono bambini che tendono a sbavare maggiormente di altri, generalmente quando è in arrivo un dente, la salivazione aumenta in modo copioso: qualche volta può causare, in particolare in coloro che usano il ciuccio, l’insorgere di un po’ di arrossamento al di sotto e intorno al labbro inferiore, dove la saliva scende e si espande a causa del succhietto. Un altro sintomo molto comune è la comparsa di febbre e/ o diarrea: alcuni bambini nei giorni precedenti lo spuntare del dentino, possono avere un notevole innalzamento della temperatura corporea e/o un cambio della consistenza delle feci, che possono diventare più molli e “acide”, tanto da causare un arrossamento molto fastidioso sul sederino. Infine, un altro sintomo può essere l’insorgenza di un rush cutaneo non collegabile direttamente a particolari allergie alimentari o a malattie tipiche del primo anno di vita. Questa piccola “hit parade” di sintomi è soltanto indicativa, tanto che in alcun casi non c’è prova della diretta corrispondenza tra dentizione e segnali “premonitori”; è sempre auspicabile dunque contattare il pediatra di riferimento.

Rimedi

I massaggiagengive


Per lenire il dolore della dentizione ci sono varie cose che potete fare per i vostri bambini, che spesso piangono proprio perché non capiscono che cosa stia accadendo loro. Per quanto riguarda le gengive gonfie ed arrossate un rimedio efficace sono i vari giochi massaggiagengive da mettere in frigo. Questi giochi colorati, oltre ad essere innocui in quanto non hanno niente a che fare con le medicine,  una volta raffreddati a dovere sono molto piacevoli da “masticare”  per la loro consistenza gommosa e per la loro freschezza. Chicco, così come Philips Avent ed altre marche, ha fatto una linea di massaggiagengive coloratissimi dotati di una comoda “maniglia” che serve al bambino per afferrare bene il gioco e riuscire così a ciucciarne meglio il lato gommoso. Chi ama acquistare per il proprio figlio solo prodotti naturali al 100% e biodegradabili , resterà soddisfatto dal pluripremiato massaggiagengive della Hevea a forma di Panda, anch’esso dotato come gli altri di una comoda maniglia per permettere al neonato di tenere saldamente in mano il gioco.

I gel gengivali

Un altro rimedio abbastanza efficace per alcuni neonati e meno efficace per altri, sono i gel gengivali. Generalmente il gel deve essere applicato sulle gengive con un lieve massaggio, anche se non sempre sarà facile riuscire a farlo dato che sentendo dolore il vostro bambino tenderà a chiudere le labbra. Ci sono molti gel in commercio: se preferite scegliere un prodotto al 100% naturale potete optare per Dentinale Natura, che “riveste” le gengive di una sottile pellicola proteggendole da ulteriore irritazioni e il cui sapore di miele risulta particolarmente gradito ai bambini; in alternativa ricorrete al gel Citroganix della Nuby, che garantisce un’azione efficace per quattro ore dall’applicazione. È bene ricordare che sono pomate anestetiche, la cui durata più o meno estesa nel tempo è comunque limitata e dunque ci sarà bisogno di più applicazioni, seguendo sempre la posologia raccomandata.

Infine, come dimenticare la collana d’ambra? I più scettici potrebbero trovare poco interessante questo rimedio del tutto naturale ma è credenza diffusa che l’ambra abbia effetti benefici nel lenire il dolore derivante dalla dentizione. I monili per neonati di Ambra dei Bimbi, per esempio, hanno una struttura speciale per garantire la sicurezza del piccolo e possono quindi essere indossati sia di giorno che di notte. Se può contribuire a restituire all’intera famiglia un sonno tranquillo, perché non provarla?



Bambini e faccende di casa: quando e in cosa coinvolgerli?
Consigli per mamme

Bambini e faccende di casa: quando e in cosa coinvolgerli?

Secondo figlio: come comportarsi con il primo
Consigli per mamme

Secondo figlio: come comportarsi con il primo

Come scegliere le attività extrascolastiche per i figli
Consigli per mamme

Come scegliere le attività extrascolastiche per i figli

Come aiutare i bambini nei compiti
Consigli per mamme

Come aiutare i bambini nei compiti

La parità dei ruoli deve esserci anche in famiglia
Consigli per mamme

La parità dei ruoli deve esserci anche in famiglia

Perché è importante che i bambini vadano a letto presto
Consigli per mamme

Perché è importante che i bambini vadano a letto presto

Consigli per mamme

3 idee per preparare la cameretta del neonato

Bambina in campagna
Consigli per mamme

Crescere circondati dalla natura migliora lo sviluppo del cervello

Bambini e faccende di casa: quando e in cosa coinvolgerli?
Consigli per mamme

Bambini e faccende di casa: quando e in cosa coinvolgerli?

A partire da quale età si può coinvolgere i bambini nelle faccende di casa? Scopriamo insieme come coinvolgerli facendoli sentire importanti e gratificati.

Leggi di più