La scelta del biberon è un passaggio delicato e importante. segui i nostri consigli.
Consigli per mamme

Il biberon: guida all’acquisto

A ogni bebè il suo biberon: ma come fare per scegliere quello giusto? Ecco una pratica guida per non sbagliare.

L’allattamento è l’attività principale che occupa il neonato e la madre nei primi mesi di vita: un momento unico alla base di un rapporto che durerà per sempre. Nonostante la bellezza del contatto tra bebè e seno materno, il biberon è un valido aiuto sia nel caso in cui il bambino abbia bisogno del latte artificiale sia nel caso in cui la mamma abbia necessità di assentarsi e deleghi la nutrizione del proprio figlio a qualcun altro. Come fare per scegliere il biberon più adatto?

Tettarella in caucciù o in silicone?

Una prima differenza tra il caucciù e il silicone risiede nella loro composizione: di origine naturale il primo, sintetico il secondo. Un materiale diverso per ogni fase della vita? Sembra di sì: il silicone è più indicato nei primi mesi del bambino perché più facile da igienizzare mentre il caucciù viene raccomandato verso i 4- 6 mesi, momento nel quale inizia la dentizione. Il bambino trarrà maggiore soddisfazione dal mordicchiare il caucciù, che farà maggiore opposizione ai dentini nuovi di zecca.

Biberon di plastica o di vetro?

Quando si sceglie il biberon occorre prima di tutto tenere presenti le norme emesse in merito dalla Comunità europea, come la disposizione relativa al Bisfenolo A. Questa sostanza è impiegata nella produzione di materie plastiche e può essere nociva se assunta in dosi massicce; su internet potrete trovare una lista dettagliata delle case produttrici di biberon Bisfenolo A free. Fatta questa premessa, i biberon possono essere in vetro o in plastica: a livello di igiene il vetro è più facile da pulire ma la plastica è sicuramente più pratica. È infatti tipico dei lattanti far cadere oggetti sul pavimento o sbatterli da qualche parte per sentirne il rumore: sappiate che anche il biberon subirà questo tipo di trattamento. Meglio acquistarlo in materiale infrangibile, quindi.


Tipologie

Il panorama di modelli disponibili è piuttosto variegato, avrete davvero l’imbarazzo della scelta. Una prima scrematura può essere la quantità dei liquidi contenuti: da 100 a 250 ml. Un biberon da 250 ml durerà più a lungo dato che i neonati intorno ai 12 mesi bevono al massimo quella quantità di latte. Un altro aspetto da considerare è la presenza della maniglia per sorreggere il biberon in autonomia: i bambini intorno all’anno di vita bevono volentieri da soli.
Le marche tra cui scegliere sono molte: da Chicco a Medela, da Avent a Mam, Nuby e tante altre ancora.

Ricordate comunque che anche i bambini hanno i loro gusti e, alla fine, saranno loro a decidere qual è il biberon preferito!



Bambini e faccende di casa: quando e in cosa coinvolgerli?
Consigli per mamme

Bambini e faccende di casa: quando e in cosa coinvolgerli?

Secondo figlio: come comportarsi con il primo
Consigli per mamme

Secondo figlio: come comportarsi con il primo

Come scegliere le attività extrascolastiche per i figli
Consigli per mamme

Come scegliere le attività extrascolastiche per i figli

Come aiutare i bambini nei compiti
Consigli per mamme

Come aiutare i bambini nei compiti

La parità dei ruoli deve esserci anche in famiglia
Consigli per mamme

La parità dei ruoli deve esserci anche in famiglia

Perché è importante che i bambini vadano a letto presto
Consigli per mamme

Perché è importante che i bambini vadano a letto presto

Consigli per mamme

3 idee per preparare la cameretta del neonato

Bambina in campagna
Consigli per mamme

Crescere circondati dalla natura migliora lo sviluppo del cervello

Fecondazione eterologa cos'è
Gravidanza

Fecondazione eterologa cos’è

La fecondazione eterologa dà l’opportunità alle donne che non possono avere figli di realizzare il desiderio di poter metterne al mondo. Ecco come funziona.

Leggi di più