scegliere il fasciatoio
Consigli per mamme

Guida all’acquisto del fasciatoio

Il fasciatoio è uno di quegli accessori a cui nessuna mamma vuol rinunciare perché agevola molto il cambio e la vestizione del proprio bambino

La prima cosa che una neo mamma acquista, insieme ad abitini e carrozzine, è proprio il fasciatoio! Infatti è considerato un mobiletto necessario ed utilissimo perché può essere usato per molto tempo ed inoltre è  versatile perché può essere corredato di cassetti o di comode e sicure vaschette anatomiche per il bagnetto.

Le proposte commerciali in materia di fasciatoio sono innumerevoli e tantissimi sono i modelli e le tipologie che i vari brand realizzano. Scegliere il fasciatoio ideale non è poi così difficile se si hanno le idee chiare su cosa si desidera acquistare, su quale fascia di prezzo si vuol rimanere (dai 60€ ai 200€) e soprattutto se si sa dove sistemare questo accessorio (molto importante è infatti la dimensione del fasciatoio e le varie funzionalità che presenta come la vaschetta del bagnetto ad esempio piuttosto che una comoda cassettiera dove riporre abitini e pannolini).

Caratteristiche del fasciatoio

Il fasciatoio tradizionale si presenta come un vero e proprio ‘mobiletto’ (alto più o meno al livello del bacino della mamma ) dotato di ripiano morbido con bordi laterali alti e sicuri “antiribaltamento” dove si sdraia il bambino nel momento del cambio, della pulizia oppure della vestizione. Si tratta di un accessorio necessario se si vogliono effettuare delle attività delicate ed al tempo stesso rapide con il proprio bambino il tutto in totale sicurezza e tranquillità, ad esempio  come la pulizia del nasino o delle orecchie (momenti delicati in cui è fondamentale la stabilità del bambino e la sveltezza della mamma che deve in pochi secondi liberare un nasino chiuso tra i pianti del piccolo!).

Il fasciatoio va dunque scelto con cura soprattutto considerando il fatto che nei primi mesi di vita del bambino esso viene utilizzato più volte al giorno, deve quindi essere realizzato con ottimi materiali, resistenti e sicuri per il piccolo e per chi se ne prende cura.

Tipologie di fasciatoio

In base alla sua collocazione, il fasciatoio può essere scelto per essere inserito nella cameretta del piccolo o in camera dei genitori e quindi sarà necessario acquistarne uno corredato di cassetti dove riporre il necessario per il cambio e la pulizia. Se invece il fasciatoio è destinato alla zona del bagno diventa indispensabile un modello con vaschetta sottostante il ripiano da appoggio che all’occorrenza “esce” per fare il bagnetto al bambino.
Questa tipologia di fasciatoio va posta solitamente, saldamente fissato, sopra la vasca da bagno. In altri casi però la neo mamma,anche per mancanza di spazio in bagno, opta l’acquisto verso soluzioni più pratiche e meno ingombranti,ad esempio scegliendo un fasciatoio semplice senza vaschetta che può essere collocato sopra un bidet o su un water e richiuso quando non serve. Per il bagnetto si utilizzano comode vaschette da sistemare nella vasca o su un qualsiasi ripiano sicuro e stabile.

Lo stesso modello richiudibile senza accessori può essere tranquillamente collocato anche nella camera del piccolo e per il suo minor ingombro, per la sua leggerezza e flessibilità può essere trasporto ovunque  grazie alle rotelle.

Per le mamme sempre in giro che desiderano avere per il momento del cambio pannolino il proprio ripiano (anche per una questione di igiene), possono optare per l’acquisto di un fasciatoio portatile morbido che resta chiuso in una borsa ma che all’occorrenza si apre e si trasforma in una base morbida e confortevole per il bambino da sistemare su una parte rigida che possa essere un tavolo o il pavimento.

I modelli di fasciatoio più venduti sono quelli accessoriati, con cassetti oppure  con vaschetta da bagno, perché permettono di avere a portata di mano più opzioni di utilizzo in base alle varie esigenze.
Il fasciatoio dotato di vaschetta per il bagno deve avere una forma anatomica che permetta alla mamma di sorreggere meglio il piccolino, deve essere realizzata in materiale plastico atossico e deve presentare, come una vera e propria vasca, un apertura da cui far uscire l’acqua dopo aver terminato il bagnetto. Deve inoltre presentare degli agganci sicuri che permettano di tenerlo stabile sopra la vasca su cui si appoggia. Alcuni modelli di fasciatoio con vaschetta da bagno possono anche non essere collocati in bagno sopra la vasca ma sono perfetti per essere collocati nella camera del bambino, infatti la vaschetta è riposta sotto il piano di appoggio e basta farlo scivolare di lato per farla uscire.
Il fasciatoio senza vaschetta ma con comodi cassetti (quindi fasciatoio e cassettiera insieme) è un’altra alternativa molto apprezzata dai genitori, infatti questo modello permette di posizionare il mobiletto in camera e di riporre nei comodi cassetti tutto il ‘nécessaire de toilette’ del piccolo.
Si tratta di una soluzione che recupera spazio e al tempo stesso ne crea molto di più per conservare abitini e accessori di ogni genere.
In ultimo, per andare incontro alle richieste dei genitori più esigenti, sono stati realizzati anche modelli 3 in 1, ovvero che fungono da fasciatoio e cassettiera ma che presentano anche incorporata una comoda vaschetta per il bagnetto!

Tantissimi sono i marchi in vendita nei negozi specializzati in articoli per l’infanzia e tra questi citiamo quelli più amati dai consumatori: Foppa Pedretti,  Cam, Stokke, Prenatal e Brevi.

Ti potrebbe interessare anche

Mamma single
Consigli per mamme

Mamme single: agevolazioni e diritti

Piedino
Consigli per mamme

Perché i bambini dovrebbero camminare scalzi

Divertirsi e imparare.
Consigli per mamme

Campi estivi per ragazzi: i servizi offerti

7 idee di business redditizio a casa per le mamme
Consigli per mamme

7 idee di business redditizio a casa per le mamme

Parità genitoriale nella riforma Pillon: a che punto siamo
Consigli per mamme

Parità genitoriale nella riforma Pillon: a che punto siamo

Concettualmente la gestione paritaria dei figli, quando c’è in atto una separazione, è cosa buona e giusta. Ma vediamo in cosa consiste la riforma Pillon e perché ha sollevato tante critiche.

Leggi di più