casa sicura bimbi
Consigli per mamme

Casa sicura: come tutelare i più piccoli!

Una casa a prova di bambini è possibile. Basta seguire alcune regole e consigli per allontanare rischi e pericoli.

Pericoli… dietro l’angolo. Quando in casa ci sono dei bambini le precauzioni, lo sanno bene mamme, papà, ma anche nonne e zie che si occupano di accudire i bimbi quando i genitori sono impegnati al lavoro, non sono mai troppe. I rischi crescono insieme al bambino: quando il piccolo di casa inizia a gattonare e in seguito a camminare l’ambiente domestico può diventare addirittura una minaccia per la sua salute. Secondo studi recenti non sono i parchetti, con altalene e scivoli, o i centri commerciali i luoghi più rischiosi per i piccoli, ma proprio la casa. In cucina, nel salotto e in cameretta, infatti, si registrano la maggior parte degli incidenti nei bambini al di sotto dei quattro anni.

Proteggere i più piccoli da inutili rischi

Gli incidenti più comuni sono i traumi e gli avvelenamenti. Cadute dal seggiolone (mai dimenticarsi di allacciare le cinture), ma anche dal divano di casa, dal lettone di mamma e papà, in assenza dell’occhio vigile di un adulto possono infatti essere all’ordine del giorno dopo i 6 mesi del bambino (quando cioè il piccolo inizia a muoversi e ad essere attratto da ciò che lo circonda).

Seguire alcune regole può però aiutare ad evitare incidenti banali, ma spesso pericolosi: chi vive su una casa a più piani deve, prima che il bimbo inizi a voler esplorare il “mondo” domestico a 4 zampe, munirsi di un cancelletto in plastica da posizionare proprio all’ingresso delle scale (si possono acquistare in tutti i negozi specializzati in articoli per bambini e hanno prezzi piuttosto contenuti). Dopo le scale, la cucina è senza dubbio l’ambiente di casa che espone i nostri piccoli a maggiori rischi: è fondamentale spiegare ai bambini che i fornelli sono pericolosi e che è importante restarne alla larga. Verbalizzare, soprattutto quando i bimbi sono molto piccoli, non è però sufficiente, mentre è necessario adottare alcune abitudini. La prima è quella di posizionare pentole nei fuochi più lontani e con i manici rivolti verso il muro; così come non vanno lasciati alla loro portata accendigas e fiammiferi, e neppure detersivi chimici. Il consiglio è di riporre i prodotti per la pulizia della casa su ripiani in alto, e di evitare che il piccolo sia a contatto con elettrodomestici in funzione. Anche le buste della spesa possono essere pericolose (i bimbi tendono a giocarci e metterle in testa), come gli utensili che si utilizzano per cucinare: coltelli, piatti in ceramica, mestoli e fruste elettriche non devono essere riposti in cassetti facilmente apribili dai bimbi.

Porte, finestre, tendi e tappeti a prova di bambini

Arredano senza dubbio la casa, ma sono anche fonte di polvere e di pericolo. Sui tappeti tendono ad annidarsi gli acari e questo potrebbe essere un problema se il vostro bambino soffre di alcune allergie, ed oltre a trattenere lo sporco sono anche un ostacolo per i più piccoli: i bimbi ancora incerti nella deambulazione potrebbero infatti inciampare nel tappeto del salotto o del bagno, oppure essere così attratti dalle tende da volersi arrampicare. Il consiglio, quando è possibile, è quello di eliminare i tappeti, e di “arricciare” le tende, senza farle cadere a terra. Anche i “blocca-porta” sono degli alleati dei bimbi. Applicando delle semplici fascette di gomma che tengono ferma una porta aperta o chiusa, proteggerete il vostro bimbo dal rischio di schiacciarsi le dita fra una porta o una finestra, riducendo anche la possibilità che raggiunga ambienti senza la vostra supervisione.

Allarme… mobili!

Gli spigoli di tavoli, credenze e comodini sono il peggior incubo di tutte le mamme. La soluzione, in questo caso, è quella di acquistare dei proteggi angolo, da applicare proprio sugli spigoli dei mobili, mentre è fondamentale fissare alle pareti specchi e librerie per evitarne la caduta. E per placare la sfrenata curiosità che tutti i bambini sopra i 10 mesi di vita nutrono nei confronti dei cassetti? Il consiglio è sempre quello di acquistare dei blocca-cassetti per evitare che possano raggiungere cose pericolose, come forbici, coltelli, ma anche medicinali e detersivi.



Bomboniere battesimo bimba
Consigli per mamme

Bomboniere battesimo bimba             

Conseguenze del tsh alto in gravidanza
Consigli per mamme

Conseguenze del tsh alto in gravidanza

Perchè gli adolescenti sono così arrabbiati
Consigli per mamme

Perché gli adolescenti sono così arrabbiati?

Ginnastica per bambini da fare a casa
Consigli per mamme

Ginnastica per bambini da fare a casa

Battesimo, informazioni generali e documenti utili
Consigli per mamme

Battesimo, informazioni generali e documenti utili

Bambini indaco, chi sono e come riconoscerli
Consigli per mamme

Bambini indaco: chi sono e come si riconoscono?

Circoncisione bambini cos'è, motivi e significato
Consigli per mamme

Circoncisione bambini: cos’è, motivi e significato

Frasi per una figlia da una mamma
Consigli per mamme

Frasi per una figlia da una mamma            

Capezzolo introflesso dopo l'allattamento
Allattamento

Capezzolo introflesso dopo l’allattamento      

Un problema femminile poco conosciuto, che crea ansia nelle gestanti. Gli esperti spiegano che questa malformazione non impedisce la suzione del neonato, tranne in un caso, ovvero se si sia fatto l’intervento di chirurgia plastica che ha reciso i dotti galattofori. 

Leggi di più