concentrazione
Consigli per mamme

Bambini e concentrazione: un connubio non impossibile

Quante volte abbiamo passato pomeriggi interi spingendo i nostri figli a finire i compiti senza distrarsi? Tante volte. Ma il livello di concentrazione e di interesse da parte dei bambini può essere migliorato?

Quale miglior dote, se non la “concentrazione”, possiamo volere per i nostri figli? La capacità di prestare attenzione ad un compito, un dovere, una lettura, una passione, è sicuramente uno dei pregi migliori che possiamo augurare loro.

Purtroppo però i ritmi di vita incessanti, le troppe ore di televisione che offriamo ai nostri bambini, i giochi alla console, l’attrattiva Internet e la poca, se non nulla, pratica della buona lettura, li spinge a non riuscire a concentrarsi nello svolgimento di un compito.

concentrazione e compiti

Ma i bambini crescono, le abitudini si modificano e con un po’ di lavoro noi genitori possiamo migliorare il loro livello di concentrazione.

Per i bambini molto piccoli (0-3 anni), la situazione è un po’ diversa, perché la concentrazione aumenta diventando più grandi. Se avete bambini molto piccoli, avrete notato che non riescono a stare applicati in un gioco, per più di 10 minuti, passando rapidamente da un’attività ad un’altra.

Sebbene debbano ancora imparare a concentrarsi, ciò non significa che, sin da piccoli, non debbano in qualche modo essere indirizzati nella giusta via. Abituarli a riporre il gioco nelle scaffalature, non appena si finisce di utilizzarli, e solo dopo riprenderne un altro è, ad esempio, un ottimo esercizio che li abitua ad organizzare le azioni in modo lineare. Molto spesso è addirittura consigliabile proporre pochi giochi per volta (uno o due al massimo).

Anche l’ambiente può essere un toccasana per la buona crescita dei vostri figli: ambienti organizzati, il più possibile in ordine, e con poche fonti di distrazione, saranno utili per la loro routine, aiutandoli a vivere con costanza e organizzazione.

Infine la musica, la danza e vari giochi d’equilibrio aiuteranno vostro figlio a migliorare l’organizzazione mentale.

I bambini più grandi (3-8+ anni) invece, possiedono alte capacità di concentrazione e osservazione, anche se molto spesso, sopratutto in età scolare, questa tende a scomparire.

Come possiamo allora aiutare i nostri figli a concentrarsi? Esistono tanti giochi, facilmente reperibili, che li aiuteranno non solo a concentrarsi, ma sopratutto a rilassarsi prima dei compiti.

–      I mandala, ad esempio, si prestano benissimo a questo compito (proponeteli prima di compiti).

mandala

–      Un altro esercizio da proporre sotto forma di gioco è ad esempio, quello di esortare i bambini a prendere un oggetto, dando loro delle indicazioni su dove si trova (la mamma da un compito al bambino: vai in cucina, nella dispensa, nel terzo ripiano in alto a destra, prendimi la ciotola di vetro blu; il bambino esegue il compito cercando di ricordare i vari passaggi, e quindi esercitando la mente all’ordine spaziale e temporale).

–      La lettura ad alta voce, è una bellissimo esercizio che li aiuterà non solo ad aumentare il  livello di attenzione, ma anche ad affinare i sensi come l’udito, e migliorare l’immaginazione.

Infine, ma non per questo meno importante, c’è una scuola di pensiero, che afferma che i bambini riescono a concentrarsi solo se traggono piacere nello svolgimento dei compiti. E come dargli torto!

Ma come fare, dunque, a fargli piacere i compiti per casa? Sembra un’utopia, ma in realtà non lo è, basta semplicemente crescere i bambini, educando i loro sensi.

torre rosa montessori

Giochi che stimolano l’udito, la vista (ad esempio i giochi di memoria), l’olfatto, il gusto o il tatto aiuteranno i nostri bambini ad essere più consapevoli, sia dell’ambiente che li circonda, sia di loro stessi e delle loro esigenze, riscoprendo dunque nello studio una fonte di piacere alla quale non potranno più fare a meno.

Credits: medusa…carlo.gubitosaMattBronsil.



A che età lasciare i bambini a casa da soli
Consigli per mamme

A che età lasciare i bambini a casa da soli      

Come insegnare ai bambini ad andare in bicicletta senza rotelle
Consigli per mamme

Come insegnare ai bambini ad andare in bicicletta senza rotelle

Rapporto madre figlia: 5 film e 3 serie tv da guardare insieme
Consigli per mamme

Rapporto madre figlia: 5 film e 3 serie tv da guardare insieme

Consulente del sonno infantile, chi è e come lavora
Consigli per mamme

Consulente del sonno infantile, chi è e come lavora

Come insegnare ai bambini ad allacciarsi le scarpe          
Consigli per mamme

Come insegnare ai bambini ad allacciarsi le scarpe          

Mio figlio non sa perdere, come aiutarlo?
Consigli per mamme

Mio figlio non sa perdere, come aiutarlo?

Insegnare ai bambini a mangiare da soli
Consigli per mamme

Insegnare ai bambini a mangiare da soli, come fare?

Attività all'aperto per bambini e ragazzi: ecco le più divertenti
Consigli per mamme

Attività all’aperto per bambini e ragazzi: ecco le più divertenti

Come insegnare ai bambini ad andare in bicicletta senza rotelle
Consigli per mamme

Come insegnare ai bambini ad andare in bicicletta senza rotelle

Imparare ad andare in bicicletta senza rotelle è un traguardo importantissimo per i bambini: ecco alcuni suggerimenti per insegnargli questa nuova abilità

Leggi di più