Dote scuola: come si può spendere il bonus    
Asilo e Scuola

Dote scuola: come si può spendere il bonus    

Dote scuola è il contributo previsto per sostenere economicamente le famiglie degli studenti da 3 a 21 anni che risiedono in Lombardia. Scopriamo a chi spetta il bonus e come spenderlo.

Qualche mese fa il sito worldpopulationreview.com ha pubblicato una classifica intitolata “I Paesi più intelligenti nel 2021” dove l’Italia ha brillato prima in Europa e settima nel mondo. Con un quoziente intellettivo pari a 102.

La scuola italiana sforna dunque giovani preparati e talentuosi che però spesso, nella maggior parte dei casi, devono far fronte ad una situazione economica difficile che non gli consente di cogliere le migliori opportunità.

La situazione è anche peggiorata negli ultimi due anni a causa del Covid che ha frenato il potere d’acquisto delle famiglie italiane e ha lasciato a casa tanti genitori (specie donne) senza lavoro (si pensi al settore cultura e turismo).

Per superare questo limite e offrire un supporto concreto alle famiglie, da anni Regione Lombardia ha varato un fondo dedicato agli studenti da 3 a 21 anni fornendo contributi per l’acquisto del materiale didattico, per il merito, per le rette scolastiche e infine per il sostegno ai disabili. Vediamo meglio nel dettaglio cos’è la Dote scuola e come richiedere (e spendere) il bonus.

Dote scuola: cosa è e in cosa consiste

Dote Scuola è un provvedimento regionale varato per contrastare l’abbandono scolastico nei giovani e le disparità sociali. In soldoni è un contributo previsto dalla Regione Lombardia per sostenere economicamente le famiglie degli studenti da 3 a 21 anni che risiedono in Lombardia e frequentano scuole statali o paritarie, con sede in Lombardia o in regioni limitrofe, oppure percorsi triennali di formazione professionale presso enti accreditati da Regione Lombardia. Dal lontano 2007 ad oggi sono quattro le aree comprese e i contributi previsti: 

–         materiale didattico

–         merito (ovvero borse di studio)

–         buono scuola

–         sostegno ai disabili.

Le domande possono essere inoltrate in periodi diversi nel corso del 2021 e del 2022. È inoltre possibile fare richiesta per le diverse tipologie di Dote Scuola, ad eccezione di “materiale didattico” e “borse di studio statali” per cui si può riscuotere un solo contributo per studente. Un tempo i contributi dovevano essere richiesti tutti a partire dalla stessa data, invece novità importante varata lo scorso anno è che i singoli contributi escono in momenti differenti nel corso dell’anno solare attraverso differenti bandi della regione.

Occorre consultare sempre il sito ufficiale della regione oppure in alternativa rivolgersi ai centri di assistenza fiscale (Caf e Patronati).

Dote scuola: novità 2021/2022

A maggio la giunta regionale della Regione Lombardia ha stanziato ben 48,4 milioni di euro per la Dote Scuola 2021/2022. Il provvedimento ha avvantaggiato e avvantaggerà 230 mila beneficiari diretti e indiretti tra studenti, scuole pubbliche e scuole paritarie (ossia scuole pubbliche ma con gestione privata). Vediamo nello specifico a quanto ammontano le quote stanziate per i quattro settori:

–         Per il settore “Materiale Didattico e Borse di Studio Statali” sono stati erogati 15,4 milioni di euro, includendo le risorse statali del Fondo unico per il welfare dello studente e per il diritto allo studio. Il bonus può essere adoperato per acquistare di libri di testo, dotazioni tecnologiche e strumenti per la didattica come computer e tablet. La cifra per ogni studente varia da 200 a 500 euro. Veniamo ora a chi lo può richiedere. La domanda può essere presentata da studenti fino a 21 anni non compiuti, residenti in Lombardia, frequentanti scuole secondarie di primo e secondo grado (statali o paritarie) oppure istituzioni formative accreditate, con sede in Lombardia o nelle regioni limitrofe (attenzione a patto che l’alunno rientri ogni giorno alla propria residenza), con attestazione Isee 2021 inferiore o uguale a 15.748,78 euro. Sono considerate valide solo le attestazioni Isee richieste a partire dal primo gennaio 2021.

–         Per “Merito” la giunta ha varato 2 milioni di euro assegnabili in buoni acquisto o a copertura dei costi di iscrizione e frequenza di Istituti di Formazione Tecnica Superiore (IFTS), Istituti Tecnici Superiori (ITS), Università e altre istituzioni di formazione accademica per premiare gli studenti meritevoli. Ogni studente potrà ricevere da 500 a 1.500 euro. Il bonus può essere richiesto da studenti residenti in Lombardia, indipendentemente dal valore Isee della famiglia, purché abbiano conseguito valutazioni meritorie nell’anno scolastico 2020/2021:
media pari o superiore a 9 nelle classi terze e quarte superiori; 100 e lode all’esame di Stato; 100 agli esami di Diploma professionale.

–         Per il “Buono Scuola” sono stati stanziati 24 milioni di euro. Vengono erogati direttamente alle famiglie per il pagamento della retta di una scuola paritaria o pubblica (statale con retta di iscrizione e frequenza per essere più chiari). La somma che percepiscono gli studenti varia in base alla fascia Isee in cui è collocata la famiglia e all’ordine e grado di scuola frequentata. Si può ricevere da un minimo di 300 euro fino ad un massimo di 2 mila euro. Il bonus lo possono richiedere gli studenti di una scuola paritaria o pubblica con retta di iscrizione e frequenza, con Isee 2021 inferiore o uguale a 40mila euro annui.

–         Per il “Sostegno Disabili” la giunta ha varato un esborso pari a 7 milioni di euro che andranno a parziale copertura del costo del personale insegnante, impegnato in attività didattica di sostegno a favore di alunni disabili che frequentano le scuole dell’infanzia autonome o le scuole paritarie (primarie e secondarie di primo e secondo grado). Il contributo per ciascun alunno può andare dai 900 ai 3.000 euro massimo. Ricordiamo che lo stanziamento andrà direttamente alla scuola, pur essendo richiesto dalle famiglie.

Come spendere il bonus scuola

Oltre ai servizi scolastici legati ai Piani dell’Offerta Formativa e ai trasporti, Dote Scuola permette di acquistare libri, materiale didattico ed equipaggiamenti tecnologici. Presso i punti vendita convenzionati potranno essere comperati i seguenti libri di testo (elenco completo negozi, librerie e rivendite su http://network-psp. edenred.it/dotescuola):

–         libri cartacei e/o digitali

–         vocabolari

–         libri di narrativa (anche in lingua straniera) consigliati dalle scuole.

Invece tra le dotazioni scolastiche rientrano:

–         hardware: PC, Tablet o E-book

–         software: programmi e sistemi operativi ad uso scolastico anche per DSA e disabilità

–         chiavette USB, cd, Memory card, hard disk esterni

–          calcolatrici elettroniche

–         materiale per disegno tecnico (compasso, righe e squadre, goniometro)

–         materiale per disegno artistico (pennelli, spatole)

–         strumenti per protezioni individuali ad uso laboratoriale 

–         strumenti musicali richiesti dalle scuole

–         materiale di lavoro per la formazione professionale

Cose che non rientrano nelle dotazioni scolastiche:  

–         prodotti di consumo (penne, matite, pennarelli, quaderni)

–         cellulari, ricariche telefoniche, tv, hi-fi

–         alimentari

Semplificazione nelle pratiche di richiesta del bonus

L’edizione 2021/2022 si presenta con una procedura completamente digitalizzata con accesso esclusivamente tramite SPID o CNS/PIN, con ulteriori passi avanti nella semplificazione delle pratiche. Per la presentazione delle domande non occorre alcun documento aggiuntivo, tutti i requisiti possono essere autocertificati e saranno verificati grazie alla collaborazione tra banche dati.

Inoltre, Regione Lombardia ha avviato un’ulteriore iniziativa di innovazione, siglando con il Ministero dell’Istruzione un protocollo per la verifica da parte della regione dei dati relativi alla frequenza contenuti nell’Anagrafe Nazionale degli studenti. La frequenza scolastica è un criterio imprescindibile per ottenere il bonus scuola (insieme all’Isee e alla residenza).



preparare i bambini al rientro a scuola post Covid
Asilo e Scuola

Come preparare i bambini al rientro a scuola post Covid: 10 consigli

Peer tutoring
Asilo e Scuola

Peer tutoring: metodologia peer to peer nella scuola

Bimbi all'asilo: come gestire il distacco dalla mamma
Asilo e Scuola

Bimbi all’asilo: come gestire il distacco dalla mamma  

Inizio scuola: le date del primo giorno in tutta Italia    
Asilo e Scuola

Inizio scuola: le date del primo giorno in tutta Italia    

Pagelle
Asilo e Scuola

Pagelle in arrivo, come aiutare tuo figlio a recuperare?

Asilo e Scuola

Black Friday: sconti su Skuola.net | Ripetizioni per un aiuto alla pagella di tuo figlio

Ritorno a scuola
Asilo e Scuola

Ritorno a scuola: i figli sono pronti per tornare in classe? I consigli utili per aiutarli

Come aiutare i bambini a tornare a scuola post covid
Asilo e Scuola

Come aiutare i bambini a tornare a scuola post covid