Allattamento a richiesta o allattamento a tempo?

Allattamento Materno: a tempo o a richiesta

Riuscire a capire e a conoscere le esigenze del proprio piccolino non è sempre facile sopratutto quando si parla di allattamento materno. Ecco i pro e i contro dell’allattamento a richiesta e di quello a tempo

Quando si parla di allattamento si entra in una controversa discussione che riguarda il ruolo della mamma e la sua capacità di interpretare le esigenze del bambino. Si sa che l’allattamento al seno è la prima grande difficoltà di una neo mamma e per assicurarsi serenità e tranquillità nello svolgimento di questa mansione è bene informarsi e chiedere delucidazioni durante il corso pre-parto. L’ ostetrica o la puericultrice di fiducia saprà dare risposte adeguate a tutti i vostri dubbi e potrete così scegliere con consapevolezza la posizione più vicina al vostro “ruolo di mamma”.

Allattamento a richiesta

 

La prima maternità è sempre la più complessa poiché ci si trova per la prima volta a vivere situazioni particolari e non sempre si sa ciò che è giusto fare. Il neonato, nei suoi primi 40 giorni di vita, deve ancora trovare il suo ritmo e capire dove si trova: l’unica sua certezza è l’odore della mamma e la rassicurazione che riesce ad avere con l’allattamento al seno. Coloro che appoggiano la nutrizione a richiesta sostengono che sarà lo stesso bambino a richiedere il latte nel momento in cui ne ha voglia o ne ha bisogno, senza un orario prestabilito o una durata minima. Questo può avere i suoi vantaggi come presentare diverse difficoltà.

I pro riguardano l’auto regolamentazione del bambino: la mamma non ha bisogno di controllare il numero delle poppate poiché sarà il piccolo stesso a staccarsi nel momento in cui sarà sazio. Inoltre la produzione di latte materno deve essere stimolata nei primi due mesi di vita del neonato prima di arrivare a pieno regime: sono necessarie infatti 6-8 settimane per calibrare la produzione sulle esigenze del piccolo. Considerando esclusivamente questi aspetti l’allattamento a richiesta è sicuramente la metodologia ottimale.

Allattamento a tempo

 

Quali sono invece i vantaggi dell’allattamento a tempo? L’ autrice Tracy Hogg nel suo libro Il Linguaggio segreto dei neonati, analizza con particolare attenzione gli orari delle poppate suggerendo alle mamme di tenere un diario ad hoc per regolarsi sui tempi, sui bisogni fisiologici e soprattutto capire l’origine del pianto di un neonato. Non è detto infatti che un bimbo di un mese pianga solo perché ha fame, le esigenze possono essere varie e l’allattamento a tempo consente di capire le reali necessità del proprio piccolo.



Consulente professionale in allattamento
Allattamento

Consulente professionale in allattamento: costo, cos’è e quando contattarla

Svezzamento, idee ricette
Allattamento

Svezzamento, idee ricette

Autosvezzamento cos'è, come funziona e consigli
Allattamento

Autosvezzamento: cos’è, come funziona e consigli    

Allattamento prolungato, pro e contro
Allattamento

Allattamento prolungato, pro e contro

Bambino piange durante l'allattamento che fare
Allattamento

Bambino piange durante l’allattamento: che fare?   

Capezzolo introflesso dopo l'allattamento
Allattamento

Capezzolo introflesso dopo l’allattamento      

Latte artificiale come calcolare la dose giusta
Allattamento

Latte artificiale: come calcolare la dose giusta?

Cosa non si può mangiare durante l'allattamento
Allattamento

Cosa non si può mangiare durante l’allattamento

Consulente professionale in allattamento
Allattamento

Consulente professionale in allattamento: costo, cos’è e quando contattarla

L’allattamento rappresenta un tema molto delicato. Ecco perché esiste il consulente professionale in allattamento.

Leggi di più