Curcuma: cosa cura e come si può utilizzare

Curcuma: cosa cura e come si può utilizzare

Benefica per le articolazioni, il cervello e l’apparato digerente, la curcuma è una super spezia dalle mille proprietà. Scopriamo come usarla in cucina.

-
04/04/2021

La curcuma si è ritagliata, negli ultimi anni, un posto d’onore tra i cosiddetti superfood (come alga spirulina, zenzero, semi di chia, moringa, ecc.) grazie alle sue numerose proprietà benefiche per la salute umana. Impiegata fin dall’antichità nella medicina ayurvedica e nella cucina dei Paesi orientali, questa spezia è ora largamente conosciuta anche nei Paesi occidentali.

Le caratteristiche della pianta

La Curcuma longa è una pianta erbacea perenne che cresce spontaneamente nei Paesi dell’Asia meridionale (dall’India alla Malesia), in Africa e nelle aree tropicali caratterizzate da temperature alte ed elevata piovosità. Se hai il pollice verde, puoi coltivare la Curcuma longa in casa, piantandola in primavera e con alcune accortezze.

Questa pianta – conosciuta anche come “zafferano delle Indie” – va tenuta all’esterno solo in estate, in quanto soffre molto il freddo e preferisce il clima caldo-umido. La parte della pianta che viene utilizzata per uso alimentare e cosmetico è la radice, costituita da un grande rizoma cilindrico di colore giallo oro o arancione intenso. La forma della radice ricorda lo zenzero. Il colore al suo interno, invece, lo zafferano. Il sapore è delicato ma pungente.


Leggi anche: Curcuma per curare l’acne

Dove comprare la radice di curcuma

La curcuma può essere consumata in vari modi. Puoi comprare la radice fresca e grattugiarla, dopo averla lavata accuratamente, direttamente sulle pietanze (ad esempio sulle insalate). Puoi acquistarla online, nei negozietti di prodotti etnici, biologici oppure ordinandola dal fruttivendolo di fiducia. Cinquanta grammi di radice fresca di curcuma costano all’incirca 2 euro.

Per rendere questa spezia più assimilabile dall’organismo, mangiala insieme ad alcune categorie di alimenti:

  1. cibi ricchi di grassi “buoni” (tra cui gli Omega 3), come olio extra vergine d’oliva, avocado, olio di semi di lino, salmone, noci, semi di Chia, ecc.;
  2. pepe nero (la piperina in esso contenuta migliora l’assorbimento della curcuma fino al 2000%);
  3. ananas (grazie ad un enzima contenuto nel frutto e nel gambo dell’ananas, la bromelina);
  4. alimenti che contengono quercetina (un importante flavonoide), tra cui cipolle rosse, radicchio, tè verde, capperi, uva rossa, mele, agrumi, ecc.

La radice fresca tende a perdere rapidamente il suo aroma, quindi è meglio se la acquisti in piccole quantità. Puoi conservare la radice fresca in un contenitore ermetico, in frigorifero.

La curcuma in polvere

La curcuma in polvere, invece, ha valori nutrizionali leggermente inferiori rispetto alla radice fresca, ma si conserva più a lungo ed è molto versatile per l’uso in cucina. Il consiglio, se la scegli in polvere, è di utilizzarla a fine cottura per evitare la dispersione dei principi nutritivi.

Puoi acquistarla (meglio se biologica) al supermercato e nei negozi di prodotti etnici o biologici. Una confezione da cento grammi di curcuma in polvere di buona qualità costa all’incirca 4 euro. In commercio puoi trovare, poi, l’olio essenziale commestibile di curcuma. Come suggerisce il nome, è indicato sia per uso esterno che per uso alimentare.


Potrebbe interessarti: Curcuma, proprietà e ricette di una spezia unica

Puoi acquistarlo online, in erboristeria e nelle farmacie più fornite. Una boccetta con contagocce di olio essenziale biologico di curcuma da 10 ml costa all’incirca 20 euro. Infine, puoi acquistare uno dei numerosi integratori a base di curcuma, in capsule o compresse, presenti sul mercato, in base alle tue specifiche esigenze di salute.

I benefici della curcuma

Curcuma sì, dunque, ma sempre rispettando la dose consigliata, che oscilla tra i 2 e i 4 grammi (in polvere) al giorno, che corrispondono a due cucchiaini rasi da tè. Le proprietà benefiche di questa spezia sono davvero numerose, grazie soprattutto al suo principio attivo più importante: la curcumina. La curcuma esercita più azioni: antitumorale, antiossidante, digestiva, cicatrizzante, antibatterica, antinfiammatoria, antidolorifica ed antidepressiva.

Nel dettaglio:

  1. contribuisce alla salute di stomaco, fegato e intestino;
  2. contrasta la formazione del colesterolo “cattivo”;
  3. allevia i dolori articolari;
  4. rafforza il sistema immunitario e aiuta l’organismo a disintossicarsi;
  5. aiuta a prevenire l’invecchiamento precoce;
  6. contribuisce ad alleviare dolori mestruali, colite, cefalea ed emicrania, fibromialgia;
  7. aiuta a prevenire il diabete di tipo 2;
  8. accelera la cicatrizzazione delle ferite;
  9. facilita l’eliminazione del grasso addominale;
  10. risulta indicata per la cura di scottature e punture d’insetto;
  11. è un toccasana per la memoria;
  12. è un antidepressivo e un antistress naturale;
  13. contribuisce a ritardare e contrastare alcune malattie cerebrali, tra cui Alzheimer e demenza;
  14. è efficace contro cistiti e candida;
  15. viene utilizzata per curare alcune malattie della pelle, tra cui la psoriasi.

Controindicazioni

In alcuni casi, tuttavia, è sconsigliata l’assunzione di questa spezia. La curcuma è innanzitutto controindicata durante la gravidanza e l’allattamento. Più in generale, se superi la dose quotidiana consigliata, potresti incorrere in disturbi gastrointestinali, nausea o diarrea.

Se soffri di questi disturbi, infine, dovresti consultare il tuo medico di fiducia prima di assumere la curcuma:

  1. problemi di coagulazione del sangue;
  2. calcoli, occlusioni o altre patologie che riguardano le vie biliari;
  3. problemi alla cistifellea.

Come utilizzare la curcuma in cucina

La curcuma è tra gli ingredienti fondamentali del curry e di numerose ricette della cucina orientale. Puoi usarla come colorante e insaporitore nella preparazione della maionese vegana e in altre salse per accompagnare carne e pesce.

Lo “zafferano delle Indie” è ottimo anche per la preparazione di creme dolci, gelati, budini e negli impasti di pane, focacce, torte, biscotti e altri prodotti da forno. In molti alimenti che acquisti al supermercato (zuppe, sughi, formaggi, ecc.), la curcuma viene utilizzata tra gli ingredienti come colorante naturale (la sigla è E100).

Tra le bevande benefiche di cui avrai sicuramente sentito parlare c’è poi il golden milk (“latte d’oro”). Si prepara con acqua, latte (vaccino o vegetale), curcuma in polvere, miele o sciroppo d’agave, un pizzico di pepe nero. Il golden milk ha un gusto avvolgente e un’azione antiossidante, immunostimolante e digestiva.

Se preferisci la classica tisana, ti sarà utile soprattutto in caso di raffreddore. Per prepararla occorrono 500 ml di acqua bollente, in cui sciogliere e mescolare due cucchiaini di curcuma in polvere, il succo di una fettina di limone, un cucchiaino di miele e un pizzico di pepe nero. Puoi berne una o due tazze al giorno.

In estate, infine, puoi sostituire la tisana con dei frullati freschi da insaporire con un pizzico di curcuma (da versare nel frullatore insieme agli altri ingredienti).

Maura Corrado
  • Scrittore e Blogger