Come smettere di mangiarsi le unghie

Come smettere di mangiarsi le unghie

Vi capita spesso di mangiarvi le unghie senza nemmeno accorgervene? Siete diventate delle vere e proprie mangiatrici di unghie? Vediamo insieme cosa comporta e come smettere di mangiarsi le unghie.

L’onicofagia è proprio quella cattiva abitudine di mangiarsi le unghie che è difficilissima da sconfiggere. Questo “tic” nervoso può derivare da stress, ansia oppure si manifesta semplicemente come un riflesso incondizionato di cui non ci accorgiamo. Mangiarsi le unghie è un disturbo che può comportare delle conseguenze sulla nostra salute. Per questo motivo è bene capire come mai lo facciamo e come possiamo fermarci.

Esistono diversi rimedi per sconfiggere questa cattiva abitudine. Pensiamo a quanti germi si nascondono sotto le nostre unghie e anche all’aspetto un po’ malcurato che danno alle nostre mani. Scopriamo qualche consiglio e i trucchetti per smettere di mangiarsi le unghie!

Perché smettere di mangiarsi le unghie?

Innanzitutto, dobbiamo trovare delle buone ragioni per cui smettere con questa cattiva abitudine. Ricordiamoci che l’onicofagia non porta solamente a conseguenze estetiche ma anche a problemi di salute alla bocca e la dentatura. Mangiarsi le unghie in maniera ossessiva per lungo tempo può comportare danni ai denti che vengono rovinati dal contatto e può portare ad avere anche un alito cattivo e problemi di alitosi.

Inoltre, sotto le unghie si nascondono batteri e germi dello sporco che spesso non possiamo vedere. Queste particelle, se ingerite, possono portare alla creazione di bolle o eritemi sulla bocca ed all’interno delle gengive. Mangiarsi le unghie aumenta anche il rischio di contrarre gli herpes, tanto odiati da ogni donna.

Anche le dita ovviamente risentono dell’onicofagia, continuando a mangiarvi le unghie potreste incorrere in infezioni oppure al fatidico giradito. Questo fenomeno è molto doloroso, sicuramente chi di voi lo ha già avuto lo saprà. Ci sono quindi moltissimi motivi per cui facciamo bene a smettere di mangiarci le unghie, dobbiamo solo trovare un po’ di forza di volontà!

Consigli per smettere

Abbiamo visto i motivi per cui è meglio smettere con questa abitudine, vediamo quindi come farlo. Innanzitutto farsi sempre la manicure e tenere le unghie curate è un primo consiglio che vi diamo. Vedere le vostre unghie appena fatte e perfette, vi farà venire meno voglia di rovinarle mangiandole. Tenere le nostre mani curate il più possibile e costantemente è un ottimo deterrente contro l’onicofagia.

Se la manicure non basta, potrete provare uno di quei famosi smalti dal sapore amaro, quelli che vi faranno perdere la voglia di toccarvi le unghie. I più accaniti con il mangiarsi le unghie, però, tendono ad abituarsi a questo sapore sgradevole e a continuare con le cattive abitudini.

Un altro consiglio è quello di tenere le unghie corte, cercate di limarle spesso così da avere meno tentazione e meno “materiale” da mangiucchiare. Inoltre proviamo a smettere con un’unghia alla volta. Molto spesso abbiamo una “vittima” preferita e tendiamo a sfogare il nostro stress più su un’unghia in particolare. Proviamo a smettere poco alla volta, un po’ come con le sigarette e vedrete che lo troverete più semplice.

I rimedi naturali

Utilizzare smalti amari non porta sempre a dei risultati e delle volte può addirittura essere nocivo. Per questo motivo, se siete delle mangiatrici di unghie accanite, vi consigliamo di provare con dei rimedi naturali. Ricordatevi che questo tipo di soluzione va applicata costantemente e per un periodo più lungo rispetto agli smalti a base di sostanze chimiche.

Uno dei classici ingredienti naturali da utilizzare è l’olio d’oliva. Immergete le unghie per una decina di minuti nell’olio d’oliva e, se potete, aggiungete anche un ingrediente dall’odore o sapore sgradevole, come la cipolla o il peperoncino. L’olio d’oliva ha un’azione ammorbidente e fa molto bene anche alle cuticole ma, soprattutto, vi toglierà la voglia di morderle in quanto saranno più molli e meno appetibili.

Un altro rimedio naturale contro l’onicofagia è il gel dell’aloe vera. Potete unirlo con una goccia di aceto di vino per rendere il sapore meno allettante. Cospargete le unghie con il composto che le renderà più morbide e allo stesso tempo non vi verrà voglia di mangiarle. Oppure, ecco un vero rimedio della nonna: l’aglio. So che può sembrare disgustoso, ma se vi sfregate uno spicchio d’aglio sulle unghie l’odore ed il sapore rimarranno a lungo e faranno il loro effetto.

Tenete le mani occupate!

Spesso l’onicofagia deriva dalla noia e dall’incapacità di stare fermi. Se sentite che vi mangiate le unghie perché siete annoiati, potete cercare di tenerle occupate con qualsiasi altra attività. Esistono molte forme di antistress meno nocive e deleterie per le vostre mani. Pensiamo ad esempio alle famose palline antistress, fanno bene per rilassare la frustrazione e per evitare i tic nervosi.

Esistono in commercio anche dei gioielli chiamati “chewelery” un misto tra “chew”: masticare e “jewelery” cioè gioielleria. Questi ciondoli sono fatti di gomma masticabile che può essere usata al posto di distruggere le vostre unghie. Un’ottima idea e sono pure alla moda!

Esistono anche diversi esercizi per le mani e le dita che vengono usati per scacciare la tensione e per contrastare l’onicofagia. Se siete delle mangiatrici compulsive potete sempre rivolgervi al vostro medico per richiedere un consulto professionale, soprattutto se tendete a farvi male e siete soggette ad infezioni.

Insomma, mangiarsi le unghie è proprio una cattiva abitudine! Che sia grazie alla manicure o allo smalto amaro, cercate di smettere prima che potete. Vi ricordiamo che l’onicofagia può avere degli effetti molto negativi sulla salute, oltre che a livello estetico. Un po’ come per smettere di fumare, anche questa può diventare un’ossessione e può essere molto difficile smettere.

Speriamo che i nostri consigli su come smettere di mangiarsi le unghie vi siano stati utili e che riuscirete a togliervi questa brutta abitudine!



Body balance cos'è e quali esercizi fare
Vivere bene

Body balance: cos’è e quali esercizi fare per yoga e pilates

Carboidrati sani
Vivere bene

Carboidrati sani: quali sono quelli da mangiare e quali da eliminare

Uova di pidocchi
Vivere bene

Uova di pidocchi: riconoscerli ed eliminarli

ashtanga yoga
Vivere bene

Ashtanga yoga: sequenza corretta delle serie

Oli da cucina
Vivere bene

Oli da cucina: quali sono i 5 migliori per cucinare e come usarli

Tisana rilassante quali sono le erbe rilassanti da infuso
Vivere bene

Tisana rilassante: quali sono le erbe rilassanti da infuso

Cristalloterapia
Vivere bene

Cristalloterapia: elenco di alcune pietre utilizzate

Miso
Vivere bene

Miso: proprietà e benefici del miso