Vacanze a Carnevale: gli 8 alberghi più colorati del mondo

Alcuni degli alberghi e hotel che, in tutta Europa, incarnano meglio il caleidoscopico mondo del Carnevale

Semiramis Hotel: il bar
Semiramis Hotel: il bar
  • Semiramis Hotel: il bar
  • Semiramis Hotel: la piscina
  • Semiramis Hotel: esterno
  • Semiramis Hotel: il ristorante
  • Semiramis Hotel: una stanza
  • Nhow Berlin: una camera
  • Nhow Berlin: ristorante
  • Nhow Berlin: lobby
  • Nhow Berlin: esterno
  • Pantone Hotel: stanza
  • Pantone Hotel: stanza
  • Pantone Hotel: stanza
  • Pantone Hotel: stanza
  • Pantone Hotel: esterno
  • Byblos: la hall
  • Byblos: sala lounge
  • Byblos: stanza
  • Byblos: stanza
  • Byblos: esterno
  • Hi Matic: stanza
  • Hi Matic: stanza
  • Hi Matic: la reception
  • Hi Matic: lobby
  • Hi Matic
  • The G Hotel: luxury suite
  • The G Hotel: ristorante
  • The G Hotel: la piscina
  • The G Hotel: Pink Salon
  • The G Hotel: la sala grande
  • Le Bellechasse: camera
  • Le Bellechasse: camera
  • Le Bellechasse: camera
  • Le Bellechasse: camera
  • Le Bellechasse: ristorante
  • Boscolo Hotel Milano: la spa
  • Boscolo Hotel Milano: la spa
  • Boscolo Hotel Milano: la piscina
  • Boscolo Hotel Milano
Carnevale è sinonimo di colori, stravaganza, ironia. Insomma, di tutto ciò che è insolito. Ecco perché nel caso in cui abbite la possibilità di fare un po’ di vacanza nel periodo di Carnevale, per celebrare degnamente la festa potreste orientarvi verso un soggiorno in uno degli hotel più colorati del mondo scelti per voi da Trivago.it, il popolare portale su cui scegliere la propria destinazione ideale al prezzo ideale. Vediamo in una rapida ed eccentrica carrellata questi alberghi veramente fuori dal comune…

Dalla Grecia a Berlino…

Karim Rashid è uno dei designer più ricercati al mondo e le sue due “creazioni” alberghiere non deludono certamente quanto ad originalità. L’Hotel Semiramis di Kafissa, in Grecia, è una specie di caleidoscopio dove la tecnologia e la modernità incontrano l’arte attraverso le numerose opere esposte nelle zone comuni, tutte coloratissime e dal design estremo. Lo stesso Rashid, invece, per il Nhow Berlin, che si trova nel cuore della capitale culturale della Germania, ha dato sfogo a tutta la sua creatività per plasmare uno spazio assolutamente unico che sembra sfidare la forza di gravità attraverso il tentativo sistematico di “rovesciare” i canoni degli ambienti interni. Ne deriva un effetto scenico assolutamente non ripetibile che rende la struttura berlinese, senza dubbio, una delle più eccentriche del mondo.

Da Bruxelles a Verona…

Parli di colori e non puoi non pensare a Pantone, l’azienda americana che ha inventato lo standard della scala delle tonalità e che sul colore nella sua essenza fonda tutta la propria filosofia. Su questa si basa il Pantone Hotel di Bruxelles: in esso Michel Penneman e Olivier Hannaert hanno usato le pareti delle stanze come una vera e propria tavolozza creativa dove i colori si combinano in tutte le loro sfumature, esaltando gli scatti del fotografo belga Victor Levy che spiccano sulle pareti.
Tornando in Italia, a Corrubbio nella Valpolicella, zona veneta dove si producono pregiati vini, il Babylos Art Hotel propone un divertente connubio fra il gusto barocco e la modernità, dove l’uso audace del colore esalta diverse opere d’arte moderna che ornano gli spazi comuni.

Da Parigi all’Irlanda…

Il colore, gli spazi minimal e le linee ultra-moderne sono anche la caratteristica principale dell’Hi-Matic Hotel di Parigi, a due passi dalla cattedrale di Notre-Dame, concepito dalla nota industrial designer Matali Crasset.
È invece il modista inglese Philip Tracey ad aver ideato il concept degli spazi del G Hotel di Galaway, in Iralanda. In esso, ogni stanza comune è ispirata ad un colore specifico ed ogni particolare, sia costruttivo che di arredo, segue questa originale linea-guida: ad esempio la sala “blu” è quella per le conferenze ed il lavoro, mentre quella “rosa” è dedicata alle signore e al the pomeridiano.

…per arrivare a Milano

A Parigi si trova anche l’Hotel Le Bellechasse, i cui interni sono stati curati dallo stilista Christian Lacroix che ha scelto un avanguardista e surreale accostamento fra grandi affreschi raffiguranti personaggi della mitologia classica ed elementi ultra-moderni, dove il colore è combinato con giochi molto sofisticati.
Ed infine, eccoci al Boscolo Hotel di Milano, “vestito” dall’architetto Simone Micheli che, grazie all’uso sapiente di elementi di design e di colori, immagini e suoni rilassanti, ha saputo creare per gli ospiti un ambiente sognante e surreale, dove realtà e fantasia sembrano mischiarsi fino a confondersi. Ovvero, esattamente quello che accade in una festa di carnevale che si rispetti.


Vedi altri articoli su: Carnevale nel Mondo | Viaggi |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *