Vendita a domicilio

La vendita a domicilio: guadagnare senza trascurare la famiglia

Una studio di Univendita come già decine di migliaia di donne fanno quadrare i conti di casa con la vendita a domicilio: flessibile e remunerativa, permette di coniugare lavoro e famiglia.

Esiste un mestiere più complesso di quello della casalinga? Probabilmente no. Sembra un paradosso, eppure l’organizzazione della vita familiare, delle attività dei figli, dell'”approvvigionamento dei beni necessari”, il far quadrare i conti e tutto svolto contemporaneamente, è una faccenda tutt’altro che banale. Un po’ manager ed un po’ operaria – e poi cuoca, educatrice, psicologa, insegnante, colf, artista – quello della casalinga è un servizio che un recente studio promosso da un sito specializzato americano ha quantificato in un “valore aggiunto” virtuale di almeno dieci euro all’ora, il che porterebbe ad uno stipendio – calcolato in base alle ore medie “lavorate” e agli onorari medi dei professionisti che sostituirebbero la donna multitasking in ognuna delle sue faccende – di quasi 7.000 euro al mese. La realtà è però diversa e spesso le circa cinque milioni di casalinghe italiane devono cercare di sbarcare il lunario con mezzi molto meno remunerativi.

Vendita a domicilio: prodotti per la casa, intimo, alimenti.

Vendita a domicilio
Esiste però un soluzione che già molte donne hanno scelto: la vendita a domicilio che, secondo i dati forniti da Univendita, l’Associazione che comprende le aziende italiane che hanno scelto il canale di vendita diretto e a domicilio, coinvolge già oltre 60.000 donne, ovvero l’88% dei circa 71 mila operatori del settore. In un periodo in cui si sentono proposte di legge che appaiono di difficile applicazione come quella dello stipendio “minimo” per le casalinghe, la vendita a domicilio sembra invece una strada concreta di sostegno al reddito. Che pare avere pure successo, se è vero che il comparto, in controtendenza rispetto alla crisi, ha registrato nel 2013 un incremento dei ricavi del 3,5% rispetto all’anno precedente. Una attività scelta dalle donne per due motivi: la flessibilità elevata che permette di organizzare il lavoro senza trascurare la famiglia e l’oggetto della vendita, in genere particolarmente ad esse congeniale, visto che si tratta per la maggior parte dei casi di prodotti per la casa, cosmetici, abbigliamento, anche intimo, o prodotti alimentari. Delle donne impegnate in questo particolare settore, il 68% lavora part-time per meno di quattro ore al giorno ed inoltre, a testimonianza della soddisfazione anche economica che la vendita diretta può riservare, il 55% di esse collabora con l’azienda venditrice da oltre tre anni ed il 33% addirittura da oltre dieci. Un segnale importante.

Vendita a domicilio

Vendita a domicilio: la normativa fiscale e civile

La normativa definisce la “vendita a domicilio” come una forma speciale di commercio al dettaglio dove l’offerta di beni o servizi viene effettuata raccogliendo gli ordinativi presso il domicilio del cliente finale o presso il luogo in cui questi si trova, anche temporaneamente, per motivi di studio, lavoro o svago. Sono esclusi per legge da tale categoria i prodotti finanziari, assicurativi o la compravendita di immobile che sono regolati da apposite leggi dedicate. L’addetto alla vendita deve sempre portare un tesserino di riconoscimento con foto e, in generale, non ha la possibilità di ritirare direttamente denaro dal compratore il quale, trattandosi di vendita “atipica” effettuata al di fuori dei normali spazi commerciali, gode del diritto di recesso dall’acquisto entro il termine di dieci giorni. Da segnalare, infine, che la normativa vieta espressamente la “vendita piramidale“, ovvero quelle attività commerciali in cui la remunerazione non è tanto nella vendita dei prodotti, ma nel reclutamento di nuovi venditori.



Ccnl commercio livelli e retribuzione netta
Lavoro

Ccnl commercio: livelli e retribuzione netta

siti per ricercare lavoro in Svizzera
Lavoro

I migliori siti per ricercare lavoro in Svizzera

Lavoro online da casa i migliori tool per meeting
Lavoro

Lavoro online da casa, i migliori tool per meeting

Tredicesima: spetta anche a colf e badante?
Lavoro

Tredicesima: spetta anche a colf e badante?

Ferie non godute: verranno pagate dopo la pensione?
Lavoro

Ferie non godute: verranno pagate dopo la pensione?

4-novembre-festa-unita-forze-armate
Lavoro

Festività non goduta a novembre: cosa si festeggia il 4 novembre?

Come diventare bagnino e cosa fare per prendere il brevetto
Lavoro

Come diventare bagnino e cosa fare per prendere il brevetto

Lavori estivi: quelli più remunerativi per studenti
Lavoro

Lavori estivi: quelli più remunerativi per studenti

Philippe Petit chi è il funambolo delle torri gemelle
Cultura

Philippe Petit: chi è il funambolo delle torri gemelle

La storia di Philippe Petit, il funambolo francese che negli anni Settanta diventò famoso per aver compiuto la traversata delle Torri Gemelle su un cavo sospeso.

Leggi di più