Il nuovo look “rasato” di Max Allegri

Ieri sera in mondovisione l’allenatore del Milan, impenitente scapolone, ha sfoggiato un nuovo look: sarà stato ispirato da Gloria Patrizi?

Max Allegri

Ieri sera il Milan ha vinto contro gli olandesi del PSV Eindhoven e si è qualificato per la fase a gironi della Champions League, assicurandosi anche un importante introito di 30 milioni di euro conseguente alla partecipazione alla successiva parte della manifestazione. Essendo sulla pagine di UnaDonna probabilmente la maggior parte delle lettrici penserà: E chi se ne frega? Poco o nulla, infatti. Se non fosse che il tecnico dei rossoneri Massimiliano Allegri ha sfoggiato un nuovo look “rasato” che sembra indubbiamente aver incontrato i favori di signore e signorine che più o meno interessate hanno avuto la ventura di assistere alla partita.

Siete d’accordo? Mah, la redazione di UnaDonna si è spaccata in due sul giudizio: a voi l’ardua sentenza. Il nostro Max, che già da giocatore aveva denotato un carattere piuttosto “bizzoso”, non è nuovo ad exploit originali in campo sentimentale. Nel 1992 la sua fidanzata di allora Erika lo attese invano sull’altare per un matrimonio che finì per non celebrarsi mai. Lui aveva cambiato idea all’ultimo minuto. Allora giocava nel Pescara e lo chiamavano “acciughina”, per il suo fisico asciutto e le sue movenze guizzanti. Alle nozze il simpatico Max è convolato diversi anni dopo con Gloria, una hostess romana da cui ha avuto una figlia e da cui ha divorziato nel 1998. Poi voci, legami passeggeri, fiumi di inchiostro spesi da rotocalchi e giornali scandalistici per il suo presunto (o reale?) flirt con Barbara d’Urso. E ancora un altro figlio avuto da un’altra compagna ed infine, quest’anno, l’ultima paparazzatissima liason con Gloria Patrizi, cui sembra abbia regalato 300 rose rosse in occasione dell’anniversario del  loro primo “mese” di unione. Sarà stata lei ad ispiragli il nuovo look?

Max Allegri


Vedi altri articoli su: Celebrity |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *