Idee e viaggi per una Pasqua alternativa

Cercate ispirazione per festeggiare in maniera originale la Pasqua 2016? Ecco alcune idee per voi selezionate da UnaDonna.

Qualche idea per una Pasqua alternativa e fuori dagli schemi. Pronte a partire?
Qualche idea per una Pasqua alternativa e fuori dagli schemi. Pronte a partire?

Non temete, quest’anno il week end di Pasqua non sarà la solita abbuffata di cioccolato e tradizione se non lo desiderate. Basta sbirciare online per scoprire modi divertenti e non convenzionali di celebrare la seconda festa comandata più importante del calendario. Ecco un elenco di manifestazioni e idee per una Pasqua originale!

La guerra delle uova come in Romania

Fate un biglietto per Bucarest e tenete a mente che in Romania il menù tradizionale di Pasqua prevede, oltre a torte di carne e agnello al forno, la presenza di tante uova dipinte. Queste non sono solo decorative ma diventano oggetto di un campionato a cui tutta la tavolata prende parte. La battaglia delle uova consiste nel colpire due uova sode l’una contro l’altra, l’uovo dal guscio più duro vince e al possessore dell’uovo perdente tocca mangiarsi tutte quelle che vengono rotte… roba da mal di pancia. Ricordatevi di lavarvi la faccia il mattino di Pasqua con dell’acqua in cui sono stati messi a mollo di notte un uovo dipinto di rosso e una moneta d’argento: il primo è simbolo di salute e l’altro di purezza. Un buon augurio internazionale.

Scansate le frustate dei diavoli di Salvador

Se invece potete permettervi qualcosa di più di un semplice week end e quello che avete in mente è una vera e propria vacanza oltre oceano, prima di scegliere la destinazione sappiate che in Brasile la Pasqua viene festeggiata in modo molto originale nella località di Texistepeque. Un’interpretazione di rigorosi riti cattolici rivisitati con influenze pagane vede gli uomini travestiti da diavoli percorrere le vie della città, frustrando simbolicamente tutti i passanti che trovano sul loro cammino. Questo a simboleggiare la lotta intrapresa da Gesù contro la tentazione. Alla fine della manifestazione questi diavoli si buttano a terra, capitolando di fronte a Dio e restano molte ore sotto il sole cocente per penitenza… addirittura le famiglie si preoccupano di passare a bagnarli regolarmente per evitare malori.

Appendete le uova agli alberi come in Germania

La tradizione tedesca vuole che le uova decorate a mano vengano inserite dentro il coniglio pasquale, detto Osterhase, che viene poi nascosto e fatto trovare la domenica di Pasqua, come fosse un tesoro, dai bambini di casa. Alcune delle uova vengono poi appese ai rami degli alberi del giardino, sulle piante in vaso e nell’ambiente domestico. Se volete riprodurre a casa vostra l’atmosfera tedesca ricordate anche che il Giovedì santo si mangiano solo alimenti verdi. Il piatto più rappresentativo è una zuppa alle sette erbe (più verde di così!). Non si mangiano uova di cioccolato ma una torta tipica a forma di agnello spolverata di zucchero a velo.

Seguite gli uomini incappucciati a Siviglia

Come in Italia, soprattutto in Spagna è diffusa la tradizione delle processioni e delle rappresentazioni per la celebrazione della via Crucis. In Andalusia però i partecipanti indossano cappucci a punta e maschere scure del tipico vestiario del nazareno. La più magnifica processione è la Settimana Santa di Siviglia.

Leggi di più in merito qui.

Festeggiate Halloween come in Svezia

Amate le storie sulle streghe e le tradizioni di Halloween? Se avete bambini organizzate un party con i genitori più simpatici, meglio ancora se abitano nello stesso condominio, e festeggiate come in Svezia, dove i più piccoli si vestono da streghe di Pasqua con abiti tradizionali chiari e si dipingono il viso (potete farvi un’idea guardando qualche foto online), portano in giro una scopa e vanno a chiedere ai vicini di casa di riempire il loro sacchettino con caramelle e cioccolato. Decorate le case con rami di betulla e salice se li trovate, così sarete adeguati alla tradizione nordica.

credits Superbass.


Vedi altri articoli su: Pasqua |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *