cover catalogo impressions dior

Impressions Dior, una mostra tra couture e impressionismo

Da Monsieur Dior a Raf Simons: passato e presente della maison Dior in una mostra in Francia accanto ai grandi pittori impressionisti.

Il rapporto tra Monsieur Dior e la natura, sia reale che riprodotta dai pittori impressionisti, è stato alla base delle creazioni della maison, e oggi la Francia lo celebra con una mostra e un catalogo: Impressions Dior. La mostra inaugurerà il 4 maggio a Granville, in quella che un tempo fu la casa del grande couturier e trasformata oggi nel Musée Christian Dior.

Il tema delle forme della natura, dei fiori, e della pittura en plein air, tanto cara ai pittori impressionisti, è probabilmente diventato così importante per Christian Dior proprio per la sua infanzia, passata in questa casa immersa nella natura. Si può dire quindi che Granville è stato il punto di partenza della sua visione artistica.

Christian Dior: Haut Couture e Impressionisti

Nel 1947 Monsieur Dior creò la collezione Corolle, da cui nacque il concetto di New Look, dove l’idea della donna-fiore veniva declinato e tradotto  in abiti: questo rivoluzionario design vestiva le donne con gonne ampie e avvitate, ispirate alle corolle e ai gambi dei fiori, per esaltare il corpo e le forme delle donne, e dove si voleva in qualche modo dare un taglio netto con gli anni della seconda guerra mondiale. Partendo da questo concetto e da queste linee, Christian Dior, ma anche i suoi successori, ha saputo arricchirle con dettagli presi direttamente dalla moda di fine Ottocento, come i volumi e le balze degli abiti in crinolina del famose Le déjeuner sur l’herbe del maestro Claude Monet.


Impressions Dior

La mostra Impressions Dior ripercorre così i grandi successi della carriera artistica del couturier francese, raccogliendo più di settanta dei più famosi abiti firmati Christian Dior e ispirati dal tema della natura, accompagnati da alcune delle opere d’arte più note di Degas, Renoir, Seurat, Bracquemond e molti altri artisti del movimento Impressionista.

Come per Monsieur Dior, anche per gli altri direttori artistici (Bohan, Galliano e Simons) che dopo di lui hanno portato avanti maison Dior, questa ispirazione è stata illuminate, creando ad un legame inscindibile tra Haute Couture e la pittura di fine ‘800, che ha dato vita ad abiti incredibilmente romantici ed eleganti.

La mostra sarà visitabile fino al 22 settembre, e per chi non ne avesse la possibilità Rizzoli ha pubblicato il catalogo, che analizza il periodo in cui vissero i grandi impressionisti, attravero i testi di Farid Chenoune, Philippe Thiébaut, Brigitte Richart e Vincent Leret, accompagnati dall’importante contributo di Florence Muller, curatrice della mostra.

 

Ti potrebbe interessare anche

Asteroide a settembre 2019: la traettoria del QV89 verso la Terra
Eventi

Asteroide a settembre 2019: la traiettoria del QV89 verso la Terra

Notte Europea dei Ricercatori 2019: date, città e programma
Eventi

Notte Europea dei Ricercatori 2019: date, città e programma

Eventi

I concerti più belli dell’estate

Festa della repubblica a Roma
Eventi

2 giugno: eventi, parate e concerti da non perdere

A Milano parte MILOVE, il fashion weekend solidale
Eventi

A Milano parte MILOVE, il fashion weekend solidale

1 maggio: idee per chi resta in città
Eventi

1 maggio: idee per chi resta in città

primo maggio
Eventi

1 maggio: cosa si festeggia e perché

Milano vista dall'alto
Eventi

Salone del Mobile 2019, la Design Week che piace a tutti

Celebrity

Kim Kardashian è positiva al Lupus: in cosa consiste questa malattia

Kim Kardashian è positiva al Lupus e come lei tante altre celebrità, ma non tutti sanno in cosa consiste questa malattia, visto che solo negli ultimi anni si sta diffondendo una certa consapevolezza sull’argomento.

Leggi di più