Museo del Profumo Venezia

A Venezia apre il primo Museo del profumo

Dopo una sapiente opera di restauro lo storico Palazzo Mocenigo, già Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume, racconta l’evoluzione delle fragranze tra boccette antiche e video multimediali

«Così disposte ai due lati del canale, le abitazioni facevano pensare a luoghi naturali, ma di una natura che avesse creato le proprie opere con un’immagine umana». È con queste parole che Marcel Proust a cavallo tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento descriveva Venezia città dell’amore per eccellenza, storica Repubblica Marinara, nota in tutto il mondo per la sua conformazione naturale, per il carnevale, le maschere colorate, il Ballo del Doge e gli abiti sontuosi indossati nel XVIII secolo, epoca che proprio nella Laguna diede i natali al grande filosofo, scrittore e amatore Giacomo Casanova.

Museo del Profumo Venezia
La stessa Venezia che nonostante i recenti problemi di acqua alta e restauro del Ponte di Rialto riesce comunque a splendere e ad attirare migliaia di turisti 365 giorni all’anno. Turisti che oggi avranno un motivo in più per visitare la città. Lo storico Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume, noto per ospitare più di sei mila volumi riguardanti la storia della moda e del costume, oltre a custodire antichissimi tessuti e abiti del secolo d’oro veneziano (il Settecento), ha deciso di rinnovarsi trasformandosi in un nuovo sorprendente percorso museale. È infatti proprio qui a Palazzo Mocenigo, nel sestiere di Santa Croce, lungo la Salizada di San Stae, che prende vita il Museo del Profumo.

Un progetto di riallestimento possibile grazie al lavoro portato avanti dalla Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna, al Comune della città, all’architetto, costumista, regista e scenografo il Maestro Pier Luigi Pizzi, al direttore Fondazione Musei Civici di Venezia Gabriella Belli e alla responsabile del Museo Chiara Squarcina. Dopo un intervento conservativo partito a gennaio 2013, finalmente Palazzo Mocenigo è potuto tornare ai fasti di un tempo con i suoi arredi antichi, tra stucchi e marmi, per non parlare degli affreschi…

Museo del Profumo Venezia
E con un nuovo restyling è arrivata una nuova mission per il Museo: un percorso circolare che attraversa 20 sale del palazzo (dalla scala monumentale al portego, si passa al salone centrale dove prendevano vita feste e balli) tra manichini vestiti con abiti dell’epoca, come i gilet di seta sontuosamente ricamati. Il tutto allestito per catapultare il visitatore nella Venezia settecentesca, tra amori e intrighi politici, quasi fossimo ospiti della nobile famiglia Mocenigo. Ed è proprio in questa cornice di lusso ed eleganza che prende vita il primo percorso espositivo italiano dedicato al profumo, tra materiale multimediale, esperienze sensoriali, antiche boccette e ricettari risalenti a epoche ormai lontane ma vivissime nell’immaginario collettivo.

Nuovi percorsi a Palazzo Mocenigo.
 Tra moda e profumo

Palazzo Mocenigo 
- Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume, Venezia

Da Novembre 2013 al calle di San Stae (fermata San Stae della linea 1 del vaporetto)
Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 16.00 (in inverno). Fino alle 17.00 (in estate). Chiuso il lunedì.



Tell me more Olivia
Cultura

Estratto del libro “Tell me more Olivia” di Francesca Lualdi

Libri da leggere nel 2020
Cultura

Libri da leggere nel 2020

20 cose che non sapevi su Beyoncé: le curiosità
Cultura

20 cose che non sapevi su Beyoncé: le curiosità

Pasqua e Pasquetta in America: come si festeggia
Cultura

Pasqua e Pasquetta in America: come si festeggia

#Lamusicaunisce, il format live di Eman per comporre una canzone
Cultura

#Lamusicaunisce, il format live di Eman

San Patrizio perché si festeggia
Cultura

San Patrizio, perché si festeggia

Mazurka Klandestina
Cultura

La Mazurka Klandestina in un videoclip

L'alienista: serie tv, libro e cast
Cultura

L’alienista: serie tv, libro e cast

#Lamusicaunisce, il format live di Eman per comporre una canzone
Cultura

#Lamusicaunisce, il format live di Eman

Le relazioni sociali ai tempi del Coronavirus si mantengono vive con aperitivi in videochiamata, flash mob dai balconi e – ovviamente – le numerose dirette che popolano i nostri social. Anche la musica partecipa e sono moltissime le iniziative, come il format live di Eman.

Leggi di più