Copenhagen, la capitale culinaria del Nord Europa

La capitale della Danimarca è una delle mete più interessanti per monumenti, ristoranti e street food, da girare in bicicletta tra un piatto e l'altro

Il Noma di Copenhagen domina la classifica dei 50 migliori ristoranti al mondo 2014
Il Noma di Copenhagen domina la classifica dei 50 migliori ristoranti al mondo 2014
  • Il Noma di Copenhagen domina la classifica dei 50 migliori ristoranti al mondo 2014
  • La filosofia del Geranium è quella di creare ricette in grado di coinvolgere tutti i sensi
  • Il sommelier del Relæ Kim Rossen con Anders Frederik Steen Hansen. Lo chef è Christian Puglisi , siciliano di origine
  • Victor Wågman e Sam Nutter, dopo esperienze all'estero, sono approdati al Noma per poi creare un proprio ristorante che utilizza solo materie prime scandinave
  • Un piatto del ristorante Bror dove il menu si caratterizza per gli ingredienti di stagione provenienti dal nord Europa
  • Amass si trova a Refshaleøen, quartiere industriale di Copenhagen, un luogo particolarmente suggestivo
  • Al ristorante Höst troverete un menu nordico, con ingredienti provenienti dal Mar Baltico. L'arredamento si ispira agli elementi naturali
  • Il ristorante Kadeau utilizza materie prime dell'isola di Bornholm, a est della Danimarca, mentre i vini vengono in gran parte da cantine sostenibili
  • I famosi Smørrebrød (panini aperti) take-away del ristorante Aamanns
  • Lo street food è molto diffuso anche in Danimarca. Ecco dove trovarlo: Kaffe Rasmus a Papirøen
  • Il mercato Torvehallerne è il posto ideale per mangiare qualcosa di veloce o rilassarsi davanti a un calice di vino
  • Dopo gli assaggi al Torvehallerne merita una visita il castello rinascimentale di Rosenborg
  • Il festival Copenhagen Cooking è amato dai turisti ma anche dai danesi
  • Siete curiose di assaggiare la cucina danese? Approfittate del Copenhagen Cooking Festival, uno degli eventi gastronomici più importanti
  • Tivoli a Copenhagen, un vecchio parco divertimenti, è una delle cose da non perdere in Danimarca oltre al cibo

Copenhagen (o come scrivono molti Copenaghen) è la capitale della Danimarca ma può essere considerata a pieno titolo la capitale culinaria del Nord Europa e non solo. Lo ha confermato l’ultima edizione de The best 50 Restaurant, l’evento che premia i migliori 50 ristoranti al mondo, e che ha visto salire sul podio per la quarta volta il Noma (Strandgade 93, Copenhagen). In classifica anche un altro locale della capitale, il Geranium (Per Henrik Lings Allé 4), al 42esimo posto, mentre poco fuori, al 53esimo, si è posizionato il Relæ (Jægersborggade 41) sempre di Copenhagen.

Guida culinaria

Volete visitare Copenhagen in modo diverso, scoprendo i piatti, gli chef e i locali più interessanti del momento? Curioso è iniziare questo tour dagli ex alunni del Noma, locale che ha formato una nuova generazione danese di grandi talenti culinari.

  • Tra questi, meritano una visita Victor Wågman e Samuel Nutty del Restaurant Bror (Sankt Peders Stræde 24A) dove viene data grande importanza ai prodotti di stagione.
  • Lo chef Matteo Orlando invece si è da poco trasferito al ristorante Amass (Refshalevej 153), interessante anche dal punto di vista turistico perché si trova nella vecchia parte industriale del porto della capitale, con vista sull’antica fortezza, una delle migliori per conservazione di tutto il Nord Europa.
  • Da non perdere poi Höst (Abel Cathrines Gade 7), un locale nato nel 2012 grazie alla collaborazione di Cofoco (Copenhagen Food Consulting diretto da Jonas Christensen), dei designers di Menu e del Norm Architects. Qui si possono assaggiare piatti della nuova cucina nordica immersi in un ambiente studiato fin nei minimi particolari.
  • Prodotti locali e rivisitazione delle tradizioni culinarie danesi sono anche alla base di Kadeau (Wildersgade 10) che, pur trovandosi nel centro di Copenhagen, basa il suo menu su ingredienti provenienti dall’isola di Bornholm, a est della città.
  • Menzione speciale per quanto riguarda i ristoranti a Copenhagen è la trattoria Rub & Stub (Rådhusstræde 13). Perché è così unico? Perché i piatti nascono a seconda degli ingredienti disponibili quel giorno anche grazie al cibo donato dall’industria alimentare, un modo originale per sensibilizzare sul tema dello spreco alimentare, tanto caro a Expo 2015. Se non finite quello che mangiate potete portarlo a casa, mentre se volete il bis potete averlo senza costi aggiuntivi.

Street food

cucina danimarca

Anche a Copenhagen impazza la moda per lo street food. Se volete provare le ricette locali a prezzi contenuti vi consigliamo di fare visita al mercato Torvehallerne (Frederiksborggade 21) sull’isola di Papirøen, poco distante dal giardino botanico, dal suggestivo castello di Rosenborg e dal famoso Noma. Protagonisti dello spazio sono gli smørrebrød (panini aperti) danesi, zuppe, carne alla griglia ma anche proposte internazionali dal fish & chips alle tortillas messicane. Per chi vuole esistono anche tour guidati (anche in bicicletta), creati appositamente, il Copenhagen Food Tours (a partire da 54 euro) o il Gastro Tour (a partire da 34 euro), entrambi prenotabili anche online, e dal 22 al 31 agosto 2014 non perdetevi il Copenhagen Cooking Festival, uno dei più importanti festival gastronomici del Nord Europa.
L’offerta culinaria danese non finisce qui. Ci sono agenzie (come ad esempio Dine with Danes) che organizzano cene a casa di famiglie danesi per assaporare i sapori autentici del Nord Europa e conoscere a fondo tradizioni, usi e costumi. La cena prevede due piatti unici, tè o caffè e la possibilità di pernottare la notte al costo di 54 euro a persona (bevande incluse).

Voli

L’aeroporto di Copenhagen è uno dei principali d’Europa e dista solo 15 minuti dal centro della capitale che può essere raggiunto in metropolitana, in treno o in autobus. Le principali compagnie aree (anche quelle low cost) collegano regolarmente gli aeroporti italiani (Milano, Roma, Bologna, Cagliari, Olbia, Venezia, Palermo, Pisa, Alghero, Brindisi, Trapani, Firenze) a Copenhagen.


Vedi altri articoli su: Viaggi |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *