Consigli verdi: per creare un angolo di paradiso in casa

Verde (Orto, giardino, balcone). Dall'Almanacco Barbanera 1762 – Gli Almanacchi del Buon vivere

barbanera 2

Una casa “verde” ricca di piante e con un giardino ben curato trasmette serenità ed è anche più bella ed accogliente. Ecco allora alcuni consigli per avere balconi e giardini rigogliosi, ricchi di colori e profumi.

Balconi rigogliosi

Le succulente, ad esempio, più note come piante grasse, sono per gli amanti del giardinaggio una vera passione. Oltre alla gran varietà di forme e fioriture, infatti, queste piante non richiedono molte cure, così come l’accrescimento ridotto ne facilita la coltivazione in vaso. Saranno quindi un piacevole e poco esigente punto verde in giardino, in casa o sul balcone, magari disposte in modo scenografico su tre gradini. Ci vorranno tre vasi di 40×20 cm. Sul gradino più alto si collocheranno due piante di Aptenia cordifolia, specie tappezzante dai fusti sottili, foglioline a cuore allungato e numerosi fiorellini a margherita rosa acceso. Nel secondo andranno due piante di Lithops otzeniana, simili a pietre, alte 2 cm, davvero insolite con i suoi gruppi di due foglie saldate all’apice, divise da una fenditura da cui spuntano fiori gialli. A queste si alterneranno due piante di Fenestraria aurantiaca dai fiori rosso-arancio. Sul gradino più basso andranno invece due piante di Stapelia variegata, alta 10-20 cm, con spettacolari fiori a stella, gialli striati.

Un giardino da sogno

E per chi ha un giardino o un grande spazio verde, ricordiamo che è anche la stagione delle zinnie! Immancabili in orti e giardini fino a qualche decennio fa, questi fiori dell’estate, sobri e resistenti, hanno poi ceduto il passo a più nobili fioriture. Oggi, grazie ad una “salutare” inversione di tendenza le zinnie svettano tra pomodori, zucchine e melanzane. Infatti essendo capaci di attirare coccinelle, farfalle e insetti, sono utilissime all’agricoltura biologica. Piante annuali e rustiche, resistono bene ai periodi di siccità e si adattano perfettamente alla coltivazione in vaso. Vanno annaffiate quando il terriccio si mostra asciutto e ogni 15 giorni è bene concimarle con il macerato d’ortica.


Vedi altri articoli su: Barbanera - Almanacco del Buon Vivere |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *