Perché partecipare al Gay Pride

Perché partecipare al Gay Pride

Un’occasione per manifestare il proprio supporto e prendere una posizione netta contro l’omofobia.

Esiste ancora chi, con saccente retorica definisce il Gay Pride una “carnevalata” per i suoi eccessi, i suoi colori e il gran chiasso per le strade. Senza comprendere che dietro le parrucche, i glitter e le piume si nasconde un significato ben più profondo: la necessità per l’intera comunità LGBTQ di essere finalmente visibile dopo secoli di oscurità e di lotte contro la discriminazione e l’omofobia. Se siete indecisi o dubbiosi sul perché è importante partecipare al Pride, ecco 4 motivi più che validi. O meglio, 5. Il primo è che non esiste un motivo valido per non andarci.

Per mostrare il proprio sostegno alla comunità LGBTQ

Un’amica, un amico, una sorella, un figlio. Sfilare accanto ad una persona cara è certamente un ottimo modo di manifestare pubblicamente il proprio supporto alla comunità LGBTQ e per prendere una posizione netta contro l’omofobia e la transfobia. Qualunque sia il nostro orientamento sessuale, bisogna partire con la consapevolezza che il Gay Pride non è “una festa degli omosessuali” ma un’occasione per chiedere a gran voce la parità dei diritti in un paese in cui non sono ancora completamente garantiti.

Per mantenere viva la memoria

Partecipare al Pride è importante anche per dare un senso all’impegno di chi, molti anni fa lottò per difendere il diritto ad esistere, ma soprattutto di chi è stato bersaglio dell’odio e dell’omofobia. Per ricordare i 50 anni dai moti di Stonewall, quando la comunità gay di New York si ribellò ad una feroce retata della polizia. Per ricordare Andrea, deriso dai suoi compagni perché indossava i pantaloni rosa, morto suicida a 15 anni. O per Marco, che ne aveva appena 16 quando si è gettato dal balcone perché non poteva più sopportare gli insulti e l’omofobia.

Per quelli che non hanno ancora fatto coming out o non hanno il coraggio di farlo

Non è sempre facile per tutti accettare sé stessi. Si ha paura del pregiudizio degli altri o peggio la certezza di non essere accettati in famiglia o sul luogo di lavoro. Essere presenti al Pride è importante anche per sostenere le persone che combattono quotidianamente contro dubbi, paure e incertezze.

Semplicemente per divertirsi!

Il clima di festa e di gioia che si respira durante il Pride è travolgente. L’atmosfera rilassata, la musica, i carri, l’ironia dissacrante dei cartelloni, ma soprattutto la consapevolezza di non essere mai fuori luogo, in qualsiasi abito, con qualsiasi trucco o nessuno, in qualsiasi colore. Capiterà di fare nuove amicizie chiacchierando con chi cammina vicino a voi e perché no, magari anche di trovare l’amore.



Le sfide del futuro passano per i diritti umani: parola di Eni
Attualità

Le sfide del futuro passano per i diritti umani: parola di Eni

I 10 ristoranti migliori di Milano per la festa della donna
Attualità

I 10 ristoranti migliori di Milano per la festa della donna

Giorni della merla 2020 quali sono
Attualità

Giorni della merla 2020 quali sono

Attualità

Steve Jobs, com’è cambiata la Apple dopo la sua morte

coming-out
Attualità

Coming Out, significato e differenza con outing

Attualità

Cisessuale: significato e differenze con gli altri orientamenti

La banana di Cattelan scatena i brand sui social
Attualità

La banana di Cattelan scatena i brand sui social

Guida Michelin 2020: ristoranti e stelle regione per regione
Attualità

Guida Michelin 2020: ristoranti e stelle regione per regione

#Lamusicaunisce, il format live di Eman per comporre una canzone
Cultura

#Lamusicaunisce, il format live di Eman

Le relazioni sociali ai tempi del Coronavirus si mantengono vive con aperitivi in videochiamata, flash mob dai balconi e – ovviamente – le numerose dirette che popolano i nostri social. Anche la musica partecipa e sono moltissime le iniziative, come il format live di Eman.

Leggi di più