Vaticano

Papa Francesco, Peres, Abu Mazen: incontro storico per la pace

In Vaticano Shimon Peres e Abu Mazen hanno pregato ciascuno il proprio Dio fianco a fianco: il coraggio di Francesco e di chi ha accettato il suo invito per la pace

Spesso l’aggettivo “storico” è usato ed abusato, e per questo richiede che chi lo utilizza lo faccia con circospezione, quasi in punta di piedi. Difficile dire ora se quanto successo domenica 8 giugno 2014 in una Città del Vaticano sempre più intrisa della personalità di Papa Francesco, si rivelerà veramente un avvenimento capace di meritarsi l’appellativo di “storico”. Una cosa però è certa: quello che non era riuscito in anni di negoziati, tentativi, interventi diplomatici e minacce, è riuscito in un assolato pomeriggio di giugno grazie al coraggio di Francesco e a quello, non meno rilevante, di chi ha accettato il suo anticonvenzionale invito.

E così, dopo un periodo di buio assoluto sia a livello di rapporti diplomatici sia di passi avanti verso la pace di Israele e Palestina – un periodo che il pontefice aveva già interrotto con la sua visita apostolica in Terra Santa lo scorso mese di maggio – il presidente dello Stato ebraico d’Israele Shimon Perez e quello dell’Autorità nazionale palestinese Abu Mazen si sono ritrovati insieme per chiedere ed invocare, ciascuno secondo la propria religione, il dono della pace e della fratellanza per la Terra delle Grandi Religioni, da anni martoriata da divisioni e guerre. Alla presenza non solo del Papa, ma anche del patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I e del Custode di Terra Santa Padre Pizzaballa.

I due presidenti hanno pregato ognuno di fianco all’altro: certo, non è stato né un incontro formale, né tanto meno un negoziato politico. Ma forse proprio per questo è stato qualcosa di più. Probabilmente sono le parole di Francesco quelle che fissano con più lucidità e chiarezza il significato di questo gesto: il papa afferma che il mondo non è solamente l’eredità dei nostri antenati e padri, ma anche un prestito dei nostri figli, i quali sono provati e sfiniti per le guerre e le lotte, e desiderano vedere sorgere l’alba della pace; è per questi stessi figli che dobbiamo intraprendere il dialogo e frantumare i muri dell’odio, per far trionfare l’amore e l’amicizia.
E affidiamo anche noi questo auspicio al futuro: “Per fare la pace ci vuole coraggio, molto di più che per fare la guerra“.



Diritti delle donne in Italia
Attualità

Diritti delle donne in Italia: le leggi che hanno migliorato la vita delle donne

Cosa possiamo fare concretamente per aiutare il popolo Afghano
Attualità

Cosa possiamo fare concretamente per aiutare il popolo afghano

Perché la data di inizio autunno cambia
Attualità

Equinozio d’autunno: perché cambia la data di inizio?

Vendemmia quando si raccoglie l’uva
Attualità

Vendemmia: quando si raccoglie l’uva

Quarzo bianco
Attualità

Quarzo bianco: proprietà, significato e valore

Rosa dei venti
Attualità

Rosa dei venti: significato e nomi della bussola

Ritorno in ufficio: quali sono i lunch box più belli da avere
Attualità

Ritorno in ufficio: quali sono i lunch box più belli da avere

Perché i temporali estivi sono più forti?
Attualità

Perché i temporali estivi sono più forti?