Fa’ la cosa giusta! edizione 2015: la gallery

Torna la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, che giunge alla sua dodicesima edizione ospitata dai padiglioni di Fieramilanocity.

Dal 13 al 15 marzo 2015 Milano ospiterà Fa’ la cosa giusta, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, che giunge alla sua dodicesima edizione e si terrà, come di consueto, negli storici padiglioni di Fieramilanocity. La scorsa edizione si è chiusa con 70mila visitatori, oltre 700 espositori, 3.800 studenti, 600 giornalisti, 29mila metri quadrati di padiglioni espositivi, confermandosi uno dei principali punti di riferimento per il settore dell’economia solidale e sostenibile.

Fa’ la cosa giusta! 2015 sarà luogo di incontro, scambio e condivisione e ospiterà stand, botteghe artigiane, laboratori, spazi verdi, ristoranti, spettacoli e incontri. Il pubblico ritroverà prodotti e iniziative divisi in 13 sezioni tematiche: Mangia come parli, Vegan, Pianeta dei piccoli, Mobilità sostenibile, Turismo consapevole e percorsi, Critical fashion, Abitare green, Editoria e prodotti culturali, Pace e partecipazione, Commercio equo e solidale, Cosmesi naturale e biologica, Economia carceraria, Servizi per la sostenibilità.

A queste si aggiungeranno 8 spazi speciali: Green maker propone idee, progetti, prototipi, servizi di innovazione sostenibile; La via dei teatri presenta realtà teatrali milanesi piccole ma molto attive; Volevamo la pace sarà focalizzato sull’incensante ricerca della pace con un occhio di riguardo per la situazione internazionale contemporanea e uno alla Storia, ricordando gli eventi che portarono alla prima guerra mondiale; Territori resistenti omaggia quei luoghi in cui, nonostante le difficoltà, la produzione mantiene standard qualitativi eleganti; Scuole in fiera è uno spazio dedicato alle giovani generazioni; Street food è incentrato sul cibo da strada, Pulci pettinate è il mercatino del vintage più fantasioso di Milano, Fa’ la cosa giusta! Umbria è lo spazio dedicato alla scoperta della cucina regionale. Inoltre diverse iniziative saranno dedicate all’autoproduzione, una pratica sempre più diffusa. Nel weekend sarà possibile imparare a produrre detersivi e detergenti per la pulizia della casa all’interno di appositi laboratori. Previsti, inoltre, lezioni di cucina che permettono di sperimentare la cucina crudista oppure imparare a cucinare al buio.

Non mancheranno workshop dedicati al giardinaggio o ancora laboratori per imparare a trasformare gli abiti che non utilizziamo più. Ai bimbi e alle loro famiglie saranno dedicati come ogni anno molti incontri, tra cui, ad esempio, quello per genitori alle prese con i nativi digitali, o dedicato all’educazione all’ottimismo. Bambini e ragazzi potranno sperimentare nuove attività anche all’interno dei laboratori creativi, in cui, ad esempio, imparare a trasformare il latte in formaggio e a impastare e stendere la pasta fresca.

Immagini @Alessia Gatta e Luana Monte



Giorni della merla 2020 quali sono
Attualità

Giorni della merla 2020 quali sono

Attualità

Steve Jobs, com’è cambiata la Apple dopo la sua morte

coming-out
Attualità

Coming Out, significato e differenza con outing

Attualità

Cisessuale: significato e differenze con gli altri orientamenti

La banana di Cattelan scatena i brand sui social
Attualità

La banana di Cattelan scatena i brand sui social

Guida Michelin 2020: ristoranti e stelle regione per regione
Attualità

Guida Michelin 2020: ristoranti e stelle regione per regione

Attualità

Riscaldamento 2020: date avvio e spegnimento regione per regione

Attualità

Seggiolini antiabbandono, obbligo dal 7 novembre

Attualità

Cisessuale: significato e differenze con gli altri orientamenti

Cosa indica l’aggettivo cisessuale e quando viene usato: facciamo chiarezza

Leggi di più