Amori da chat: finzione o realtà?

Quando la fantasia prende il sopravvento

chat

Nonostante in Italia sia ancora un tabù ammetterlo, sempre più persone fanno ricorso alla chat non solo per conoscere gente, ma soprattutto per trovare l’amore.

Eh si, perché dopo mille delusioni provate nel mondo reale ecco che le donne (e non solo loro) fuggono nel virtuale alla ricerca di un principe azzurro capace di farle innamorare.

Il finto principe

Uomo che chatta
Il bello è che solitamente lo trovano, anche se questo poi ha una breve scadenza. Infatti quando si è protetti da uno schermo è molto più semplice risultare quelle persone perfette che, in realtà poi, nella maggior parte dei casi non si è. Infatti gli uomini che in chat appaiono senza macchia e senza paura sono spesso quelli dai quali bisogna diffidare di più, perché dietro a quell’apparenza da angioletto si celano dei veri e propri  maestri della truffa esperti in ‘circuizione di donna in cerca d’amore’.

Il problema è riuscire a smascherarli ed è proprio per questo motivo che via internet si prendono le peggiori cantonate. Perché quando conosci un ragazzo dal vivo riesci a capire subito se a pelle ti piace o meno, se ti da l’idea di una persona affidabile, sincera e (soprattutto) con tutte le rotelle al posto giusto. Certo, questo non ci rende immuni dalle cantonate, però per lo meno possiamo essere un pochino un po’ più tutelate.

L’uomo idealizzato

Donna che chatta
Come ci si può allora innamorare di una persona che, la maggior parte delle volte, è stata idealizzata in base ai nostri desideri e alle nostre speranze? Chi ci dice che quello che millanta di essere un giovane e rampante avvocato che passa le serate a studiare o a leggere libri di filosofia non sia i realtà uno sbandato con poca voglia di fare che passa le sue nottate davanti alla pc, in cerca di qualche fanciulla da conquistare e, magari, spogliare via chat? Eh già, perché capita anche questo. Lui ti intorta inviandoti la foto di un tipo fighissimo che ha trovato via internet (facendoti così perdere completamente la ragione), mandandoti per settimane messaggi dolci in cui ti dice che gli piaci e che aspettava da sempre di incontrare una come te. Una volta che il rapporto si sarà fatto più intimo ecco che il furbastro cercherà di farti sbottonare un po’ di più con lui…in tutti i sensi.

ragazzi in chat room
In effetti pensandoci bene, un tipo così perfetto, bello, dolce e simpatico, come mai ha bisogno di andare su una chat a conoscere una  ragazza? Come mai queste non gli cadono ai piedi come pere mature nel periodo estivo?

Certo, esistono poi anche persone sincere realmente alla ricerca della compagna della propria vita, ma sono casi talmente rari da essere degni di una puntata speciale di Quark. Gli amori nascono in chat e questo è un dato di fatto, ma si tratta di storie virtuali, perché se non c’è la quotidianità di una vita insieme non si può andare da nessuna parte, nemmeno con la connessione veloce e la fibra ottica.


Vedi altri articoli su: Single e Dating |

Commenti

  • rosa

    Non sono d’accordo per niente. Ci si conosce un po’ in chat, poi ci si incontra… se sono rose, fioriscono come si suol dire. E’ un mezzo di comunicazione come qualsiasi altro, anzi forse è meglio. Se poi uno si accontenta di un ‘amore’ totalmente virtuale, questa è un’altra storia.

  • lucia trivellini

    si sa dall’inizio con quale tipo di gente si viene in contatto….

  • sammer

    In effetti pensandoci bene, un tipo così perfetto, bello, dolce e simpatico, come mai ha bisogno di andare su una chat a conoscere una ragazza? Come mai queste non gli cadono ai piedi come pere mature nel periodo estivo?….

    ve lo dico io perchè…

    perchè ormai una moltitudine di ragazze soprattutto le più giovani, sono attratte dai cosiddetti stronzi o ragazzi che si conformano allo stile di tendenza..che non è sinonimo di eleganza o raffinatezza ma si tratta di tutt’altro…L’ambizione femminile sui generis (che sempre più spesso è in cerca di apparenze e sempre meno spesso di qualità intellettuali o romantiche)non tende ormai da qualche decennio alla figura del “bravo ragazzo” .. ma del “monellaccio” e del “prepotente da domare”..

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *