Riscaldamento: i consigli per risparmiare

Pochi ma utili consigli per non sprecare soldi ed energia riscaldando la nostra casa.

Bastano alcuni semplici accorgimenti per restare al caldo e risparmiare soldi ed energia,
Bastano alcuni semplici accorgimenti per restare al caldo e risparmiare soldi ed energia,

Imparare a consumare in maniera corretta e responsabile l’energia che quotidianamente utilizziamo tra le pareti domestiche ci permetterà di centrare contemporaneamente due obiettivi importanti: avremo una bolletta meno salata ma soprattutto acquisteremo una consapevolezza sempre maggiore su come investire al meglio una risorsa tanto preziosa come l’energia. Effettivamente esistono parecchi ‘trucchetti’ per risparmiare energia tra le pareti domestiche e ce ne sono anche per quanto riguarda il riscaldamento.

Una casa ‘isolata’ e una manutenzione costante

Sicuramente uno dei modi migliori e sicuri per risparmiare con il riscaldamento di casa è quello di puntare a un buon isolamento termico degli ambienti, e qui le possibilità sono molte: bisogna scegliere una più che buona coibentazione dell’edificio, installare finestre con i doppi vetri e montare infissi con telai ad alta prestazione (legno, alluminio a taglio termico, pvc) in modo da ridurre le infiltrazioni di correnti d’aria fredda dall’esterno. Il tetto va isolato con pannelli oppure materassini di materiale isolante all’esterno, installati sotto i coppi o le tegole, oppure all’interno, messi nel sottotetto. Anche le pareti di casa possono essere isolate dall’interno con pannelli di materiale isolante, o dall’esterno. Altra regola da seguire è la corretta manutenzione dell’impianto di riscaldamento della propria casa, che va fatto controllare nel periodo settembre/ottobre e non due giorni prima che arrivi il freddo vero.

foto_pannelli solari
I pannelli solari sono certamente un valido sistema per risparmiare denaro ed energia.

Risparmiare con il riscaldamento autonomo

Andando nello specifico del riscaldamento domestico, se il nostro è di tipo autonomo ci sono alcune semplici regole da rispettare: la temperatura in casa non deve mai superare i 20° (anche un solo grado in più di  temperatura aumenta i consumi in bolletta del 7-8%); meglio evitare il riscaldamento notturno;  i termosifoni non devono essere coperti con tessuti, tende o mobiletti a incasso; per cambiare l’aria in casa basta tenere le finestre aperte per una decina di minuti la mattina; la distribuzione dell’acqua calda deve avvenire a una temperatura più alta di 45°; sono da preferire le caldaie a condensazione (scegliendole di una potenza adeguata all’ambiente da riscaldare è possibile abbattere fino al 20 % dei consumi); i radiatori devono essere liberati dall’aria mediante l’apposita valvola di sfogo.

Risparmiare con il riscaldamento centralizzato

Anche chi ha il riscaldamento centralizzato può comunque intervenire in qualche modo per risparmiare sia soldi sia energia. Per esempio, anche in questo caso, i termosifoni non devono essere mai coperti per evitare inutili dispersioni di calore e, quindi, anche di denaro. Più in generale, l’arredamento non deve soffocare il calore impedendone la diffusione e i radiatori vanno mantenuti sempre liberi dall’aria.


Vedi altri articoli su: Consigli per la casa | Risparmiare in casa |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *