Telo copriauto: come lavare in base al tessuto
Pulizie di Casa

Telo copriauto: come lavare in base al tessuto

Il telo copriauto è uno strumento fondamentale per proteggere la macchina da meteo, graffi e uccelli. Scopri come lavarlo in pochi step senza rovinarlo.

Proteggere la carrozzeria della propria automobile, dalle intemperie e da altri agenti esterni, è importante. Rappresenta non solo un gesto d’amore verso il proprio veicolo, ma anche un investimento che consente di risparmiare discrete somme legate alla manutenzione. L’acquisto, l’utilizzo costante e il lavaggio periodico di un buon telo copriauto ti aiuterà a prevenire molte seccature.

A cosa serve il telo copriauto

Il telo copriauto serve a proteggere l’automobile da “minacce” di vario genere, soprattutto se non hai un garage. Basti pensare a neve, gelo e grandine, d’inverno, e al sole d’estate (soprattutto quando le temperature sono molto elevate).

Il forte vento, poi, può trasportare sulla tua auto polvere, polline, terreno – specie se vivi in un’area verde o nelle vicinanze di un cantiere foglie e sabbia. Altri pericoli di cui tener conto, infine, sono la caduta accidentale di piccoli oggetti dall’alto (ad esempio frutti, ramoscelli o mollette per il bucato) e gli escrementi d’uccello.

Tutti gli elementi appena elencati, a lungo andare, possono mettere a rischio sia l’estetica che la meccanica dell’automobile o, nel migliore dei casi, costringerti a farla lavare più spesso del necessario. Il telo copriauto può essere molto utile anche se metti l’auto in garage, per proteggerla da polvere e umidità.

Come scegliere un buon telo copriauto

Se ti spaventano i passaggi legati all’applicazione del telo copriauto, perché li immagini simili al montaggio di una tenda, non preoccuparti. Buona parte dei teli attualmente in commercio sono più leggeri e più semplici da applicare di quanto tu possa immaginare.

Quali caratteristiche deve avere un buon copriauto? Innanzitutto, dipende dalle esigenze specifiche. Un telo da interni (garage o altro luogo coperto) si limiterà a proteggere l’auto dalla polvere. Per una protezione totale dagli agenti atmosferici (pioggia, neve, gelo), il copriauto – in questo caso è definito telo da esterno – dovrà essere totalmente impermeabile. Caratteristica, quest’ultima, ben diversa dalla semplice resistenza all’acqua.

Se desideri anche la protezione dai raggi UV, verifica che la parte esterna abbia un rivestimento ad alta densità. I copriauto di ultima generazione hanno uno strato antigraffio molto resistente e/o sono felpati all’interno. L’imbottitura interna si rivela utile soprattutto come protezione dalla grandine. I modelli di buona qualità, inoltre, aiutano a ridurre il caldo in estate e il freddo in inverno all’interno dell’abitacolo.

Non trascurare gli optional

La maggior parte dei teli si adatta ai modelli più venduti per ogni categoria di auto (citycar, berlina, monovolume, Suv, ecc.). Se decidi di acquistare online, prima di procedere con l’ordine, ricorda comunque di verificare che le dimensioni della tua vettura siano compatibili con quelle del copriauto che ti interessa.

Un buon telo, oltre ad essere realizzato con materiali resistenti e di buona qualità, ha anche degli optional. Ad esempio le cerniere laterali, che consentono di accedere all’abitacolo senza dover rimuovere tutto il copriauto, e delle strisce catarifrangenti, che rendono la vettura più visibile durante la notte.

Come fissare il telo alla macchina? Buona parte dei modelli in commercio ha il bordo elasticizzato e, in caso di forte vento, delle fibbie di sicurezza da agganciare agli pneumatici o sotto la macchina. Altri modelli, invece, aderiscono al veicolo grazie ai magneti. Se possiedi una citycar o se il telo è leggero, riuscirai probabilmente a sistemarlo da sola sull’auto.

Se invece possiedi un’auto lunga o voluminosa e se il telo è pesante (perché imbottito), potresti dover chiedere a qualcuno di aiutarti. Ricorda: il telo copriauto non va mai montato quando l’auto è bagnata o eccessivamente calda.

Come lavare il telo copriauto

I teli copriauto sono realizzati con vari materiali: polietilene, PVC, etilene, taffetà di poliestere (anti-UV), tessuto idrorepellente Sofytech a più strati, cotone (per lo strato interno), ecc. Sulla confezione di un buon telo copriauto sono riportate le istruzioni per il lavaggio. Leggile con attenzione.

Sia che tu proceda con la pulizia a mano o in lavatrice, ricorda di indossare dei guanti (come quelli che usi per lavare i piatti) prima di rimuovere il telo dalla macchina, soprattutto se è sporco di escrementi di uccello. Se è consentito il lavaggio in lavatrice, inoltre, verifica che il peso del telo non superi la capacità massima di carico della tua lavatrice.

Non c’è una regola standard per quanto riguarda la frequenza del lavaggio. Lavalo quando è molto sporco, ai cambi di stagione e di ritorno dalle vacanze estive.

In lavatrice

Per il lavaggio in lavatrice, la temperatura non deve superare i 30 gradi. Le alte temperature, infatti, potrebbero rovinare il telo e comprometterne l’efficacia. Ricorda di selezionare il ciclo per capi delicati e di utilizzare un detersivo non aggressivo. Se il telo è molto sporco, sarà opportuno fare più di un risciacquo.

Una volta lavato, stendilo all’aria aperta su un tubo, una ringhiera o un cavo abbastanza resistente da sostenere il peso del telo bagnato per diverse ore. Non farlo asciugare nell’asciugatrice: il telo potrebbe restringersi o rovinarsi. Rimetti il copriauto a posto solo quando è totalmente asciutto.

Lavare il telo copriauto a mano

Per lavare il telo copriauto a mano, le opzioni principali sono due. La prima andrà bene soprattutto se hai un giardino o se disponi di un’area condominiale dove poter bagnare a terra senza creare troppi problemi. Indossa i guanti e – se possibile – un paio di occhiali protettivi (per evitare che detersivo e sporcizia finiscano negli occhi) e rimuovi il telo dall’auto.

Scuotilo energicamente per eliminare foglie, polline, frutti, ecc. Mettilo a bagno in una bacinella molto grande con acqua tiepida e sapone liquido neutro (o comunque con un detergente delicato). Tienilo a bagno per qualche minuto, sciacqualo accuratamente e poi stendilo.

Se vuoi lavare il telo lasciandolo sull’auto, all’aria aperta, spazzolalo prima delicatamente con una scopa per rimuovere foglie, polline, ecc. Dopo, versa con delicatezza dell’acqua tiepida pulita (puoi usare un secchio riempito da casa o una pompa da giardino) sul telo.

Prendi una spugna o un panno in microfibra, bagnalo in un’altra bacinella, in cui avrai versato acqua e sapone liquido neutro, e strofina delicatamente con movimenti circolari sull’intera superficie del telo, insistendo sulle macchie più ostinate. Risciacqua accuratamente l’intera superficie del telo con acqua fredda pulita e infine lascia asciugare all’aperto.



Simboli lavaggio come riconoscerli
Pulizie di Casa

Simboli lavaggio: come riconoscerli

Temperatura frigo e freezer ideale, come regolarla
Pulizie di Casa

Temperatura frigo e freezer ideale, come regolarla

Piccioni, come allontanarli con metodi naturali
Pulizie di Casa

Piccioni, come allontanarli con metodi naturali

Come pulire l'estrattore e la centrifuga
Pulizie di Casa

Come pulire l’estrattore e la centrifuga

Come pulire l'ardesia con prodotti naturali
Pulizie di Casa

Come pulire l’ardesia con prodotti naturali

Pulizie post vacanza
Pulizie di Casa

Pulizie post vacanze, 10 cose che dovete assolutamente pulire

Lavare a mano, come farlo nel modo corretto
Pulizie di Casa

Lavare a mano, come farlo nel modo corretto

Come lavare le mascherine di stoffa
Pulizie di Casa

Come lavare le mascherine di stoffa

Tende doccia lusso, ecco quali scegliere
Arredamento

Tende doccia lusso, ecco quali scegliere

Le tende doccia diventano di lusso ecco quali scegliere per arredare con gusto il tuo bagno e creare una zona relax all’insegna del benessere.

Leggi di più