Pulizie post vacanza
Pulizie di Casa

Pulizie post vacanze, 10 cose che dovete assolutamente pulire

Consigli pratici e rimedi fai da te per pulire velocemente e a fondo la propria casa quando si torna dalle vacanze estive.

Tornati dalle vacanze, anche se la casa è stata chiusa per poco tempo, bisognerebbe pensare di organizzare una sessione di pulizie e lavori di manutenzione che preparano la casa (e noi) ad affrontare al meglio la nuova stagione che ci aspetta.

I buoni propositi ci sono tutti ma da dove cominciare? Come ogni missione che si rispetti, anche le pulizie di casa hanno bisogno di un piano d’azione. Per Desivero, piattaforma di servizi e prodotti nell’ambito della termoidraulica e dell’arredo bagno, il primo passo è scrivere una lista delle priorità da calendarizzare giorno per giorno.

Che sia digitale o cartacea, che ci si affidi a detergenti professionali o ai consigli della nonna, c’è un piccolo trucco da adottare nello stilare la to do list: mettere in cima le incombenze meno piacevoli o quelle più pesanti, magari partendo dagli angoli trascurati della casa (tipo sgabuzzini o balconi). In questo modo, una volta arrivati alla fine, rimarranno solo i lavori semplici.

Parola d’ordine: fare squadra

Nell’organizzazione dei lavori, bisognerebbe poi adottare la regola delle scatole. Dotarsi di alcuni scatoloni vuoti in cui suddividere oggetti da lavare, buttare, regalare o mettere in vendita renderà più facile l’organizzazione e la scelta tra le cose utili e quelle inutili.

Altra regola da tenere a mente nelle grandi pulizie è procedere sempre dall’alto verso il basso, perché è sui ripiani e negli angoli in alto che si nascondono polvere e ragnatele. Seguire questo semplice consiglio può risparmiare di sporcare laddove si era già pulito. 

La parola d’ordine è: fare squadra. Per chi vive in famiglia o condivide l’appartamento, è giusto che ognuno dia il proprio contributo. Basta che la divisione dei compiti sia chiara fin dall’inizio. Non solo per rendere la missione più semplice e possibile ma anche per responsabilizzare e creare coesione. E, perché no, scambio di idee su cambiamenti, rinnovamenti e migliorie dello spazio che si condivide. Insomma, insieme è meglio. 

Vetri e finestre, tessuti vari (come tende, tappeti, copridivano, materassi), il temuto cambio degli armadi, gli elettrodomestici che ci aiutano ogni giorno (come frigorifero, lavastoviglie e lavatrice): è vero, le pulizie hanno come obiettivo principale il riordino e la pulizia ma non solo questo.

Le attività domestiche in vista dell’autunno includono anche i piccoli lavori di manutenzione. A cominciare dalla rubinetteria fino alla caldaia e caloriferi che, se performanti e in buona salute, sono pronti a migliorare le condizioni degli ambienti in cui si vive.

Ma tornando al tema pulizie vere e proprie, cosa proprio non potete trascurare al rientro dalle vacanze? Sicuramente almeno queste 10 cose.

Disfare e rifrescare le valigie

Le valigie usate per le vacanze dovranno essere pulite al rientro: tra la sabbia che troverete dentro e tutte le macchie che hanno raccolto durante i vari spostamenti, meritano decisamente un lavaggio prima di essere riposte. 

Usate l’aspirapolvere per rimuovere la sabbia o la polvere che si è nascosta negli angoli più irraggiungibili delle borse. Lasciate quindi le valigie all’aria aperta così eventuali cattivi odori spariranno. 

In una bacinella di acqua tiepida versate del detersivo per tessuti e usatelo per pulire le valigie: aiutatevi con una spazzola per rimuovere ogni macchia.

Passate quindi un panno umido di sola acqua per togliere gli eccessi di sapone e lasciate asciugare all’aria aperta.

Per dare un tocco ancora più profumato, spruzzate l’interno con un deodorante per tessuti e la prossima volta che userete le vostre valigie sarà come se fossero nuove.

©Pixabay

Pulire la lavatrice

Sicuramente appena tornate a casa farete moltissime lavatrici, ma da quanto tempo è che non lavate questo elettrodomestico? Per avere un bucato perfetto, dovrete avere una lavatrice davvero pulita.

Iniziate dal cestello che contiene molti più batteri e sporcizia di quanto immaginate. Non serve acquistare additivi specifici ma basta inserire direttamente nel cestello (senza il bucato dentro) un bicchiere di aceto di vino bianco e attivare un lavaggio a vuoto a 95 gradi.

Bisogna pulire poi la vaschetta dove si mettono detersivo e ammorbidente che, dopo diversi lavaggi, può mostrare accumuli di detersivo e calcare che possono rovinare il bucato. Mettete a bagno il cassetto in acqua calda e bicarbonato di sodio per un’ora. Poi armatevi di spazzolino e concludete l’operazione di pulizia eliminando tutte le tracce rimaste. Passate poi alle guarnizioni che sono le componenti più soggette all’accumulo di sporco.

©Pixabay

La regola d’oro è asciugarle con uno strofinaccio al temine di ogni ciclo di lavaggio per evitare i ristagni. Nel caso in cui si sia formata della muffa vi suggeriamo un’alternativa alla candeggina, uno dei metodi più utilizzati in questi casi, ma che se non ben impiegato rischia di rovinare i capi del primo lavaggio.

Create un’ottima miscela con 2 litri d’acqua, il succo di due limoni e mezza tazza di acqua ossigenata a 30 volumi. Mescolate il tutto e inserite in uno spruzzino. Utilizzate la soluzione sulla muffa ma anche sulla parte esterna della guarnizione e lasciate agire 5 minuti. Passate poi un panno per asciugare e impostate un ciclo a vuoto ad almeno 60 gradi. Infine passate al filtro. Quando lo pulite, la lavatrice deve essere spenta ed è importante avere una bacinella da collocare proprio sotto lo sportello, in caso di fuoriuscita di acqua e sporco.
A questo punto estraete il filtro e pulitelo sotto il rubinetto con acqua corrente. Utilizzate poi uno spazzolino e passateci sopra un pasta fatta con acqua e bicarbonato. Lasciate agire per 10 minuti e tenete il filtro in ammollo in acqua calda e aceto per un’ora.

Cambiare il letto

Appena rientrati in casa cambiate le lenzuola e date una passata con l’aspirapolvere ai materassi, da ambo i lati.

La sensazione delle lenzuola fresche vi rigenererà dal viaggio del rientro. In più eviterete di dormire in un giaciglio su cui si sono sicuramente adagiati acari e polvere durante la vostra assenza.

Controllare la dispensa

Vi sarete probabilmente dimenticate qualche pacco di pasta aperto o un limone nel cassetto del frigo. Fate una ricognizione attenta di ogni angolo e se al rientro avete trovate la spiacevole presenza delle farfalline, per prima cosa liberatevi di tutte le confezioni di cibo già aperte e per essere certi di averle davvero eliminate procuratevi dell’olio essenziale di lavanda. Imbevete un fazzoletto di stoffa con l’olio e posizionatelo tra gli scaffali: le farfalline se ne guarderanno bene dall’avventurarsi ancora nella vostra dispensa.

Imparate però a conservare pasta, farina e riso con più attenzione: accertatevi di chiudere bene le confezioni o riversate tutto in contenitori e barattoli ben sigillati.

Pulire il balcone

Mentre eravate in vacanza la pioggia, il vento e – purtroppo – l’inquinamento avranno trasportato sul vostro balcone di tutto.

Iniziate dalle balaustre: in ferro, in marmo o in acciaio, sono sicuramente piene di polvere e smog. Per quelle in ferro battuto procedete lavandole con acqua e ammoniaca, ricordandovi di passare un panno inumidito di olio per evitare che si arrugginiscano. Se invece avete una balaustra in marmo, basta acqua e sapone per pulirla, ma alla fine meglio passare della cera per renderla come nuova.

Passate poi al pavimento. Armatevi di spazzolone e, aiutandovi con dell’acqua, togliete il primo grosso strato di sporco. Proseguite quindi con una seconda pulizia aggiungendo all’acqua il detergente per i pavimenti o dell’ammoniaca e spazzolando energicamente: sciacquate e lasciate asciugare.

Vetri e finestre

Al vostro rientro troverete probabilmente anche le finestre sporche e, anche se si tratta di uno dei lavori di casa più noiosi, se lo farete subito avrete vetri e infissi puliti per tutto l’autunno e vi toglierete il pensiero.

Iniziate dai serramenti spolverando accuratamente la struttura della finestra o passando un panno umido. Solo in un secondo momento procedete al lavaggio, considerando il materiale di cui sono composti. Ad esempio se sono in PVC potete utilizzare uno sgrassatore leggero o un po’ di detersivo per piatti diluito in acqua tiepida.

Se sono in legno, e quindi più delicate, meglio pulirli con un panno ben strizzato e acqua calda a cui potete aggiungere qualche goccia di sapone di marsiglia.

Passando poi ai vetri delle finestre ci sono varie possibilità, anche economiche e a costo quasi zero. Ottimo il mix composto da acqua e aceto (sgrassatore naturale) da spruzzare poi su un un panno.

Per l’asciugatura dei vetri potete optare per i giornali di carta: accartocciateli a palla e passateli sui vetri appena lavati. La carta dei giornali contiene un inchiostro particolare che aiuta a rimuovere gli aloni. E se siete perfezioniste, potete utilizzare un lavavetri aspiragocce. Ce ne sono di varie tipologie in commercio, elettrici o a batterie: tutti all’insegna della praticità e della comodità.

Pulire il bagno

Il bagno richiederà una pulizia davvero veloce se lo avete pulito a fondo prima di partire. Limitatevi a passare una spugna umida sui sanitari per eliminare la polvere.

Non dimenticate i libri

La profondità delle pulizie è direttamente proporzionale alla durata delle vostre vacanze. Se siete state via meno di una settimana non sarà necessario, ma se invece siete stati via oltre le due settimane al rientro troverete i libri sicuramente impolverati.

Per pulirli, senza rovinarli, usate un panno elettrostatico, con cui strofinare leggermente la copertina in modo da asportare il grosso della sporcizia. Per le pagine usate invece uno spazzolino a setole morbide o anche un pennello, facendo movimenti che seguono la direzione dalla rilegatura verso l’esterno.

Il libro, quando eseguiamo questa operazione, deve essere chiuso e tenuto in modo che non si possa aprire. Al contrario si corre il rischio che le setole possano piegare le pagine, creando antiestetiche orecchie alla carta.

Un altro buon modo per eliminare le tracce di polvere, allergeni e depositi solidi dai libri è di usare l’aspirapolvere con una bocchetta adeguata.

Trattamenti di bellezza per le piante

Le piante al rientro non solo dovranno essere pulite, ma richiederanno qualche cura particolare. Per farle riprendere dalla vostra assenza e farle tornare più verdi di quando siete partiti riservate loro un vero e proprio trattamento di bellezza.

Spolverate le foglie – la polvere e lo sporco accumulato soffocano le piante – con un panno umido, tagliate i fili o i rametti lunghi e sottili che si sono formati se le piante sono rimaste al buio, togliete tutte le foglie secche, nebulizzate usando dell’acqua distillata, per rinfrescarle e annaffiate.

Per la prima annaffiatura, ricordate di non usare acqua troppo fredda, che potrebbe causare uno shock termico alla pianta lasciata al caldo a lungo.

©Pixabay

Pulire i pavimenti

Passate aspirapolvere e straccio per raccogliere la polvere che si è accumulata durante la vostra assenza.

Il consiglio? Puliteli dopo aver svuotato le valigie… Troverete sicuramente della sabbia anche sul pavimento di casa vostra!



Come pulire l'estrattore e la centrifuga
Pulizie di Casa

Come pulire l’estrattore e la centrifuga

Come pulire l'ardesia con prodotti naturali
Pulizie di Casa

Come pulire l’ardesia con prodotti naturali

Lavare a mano, come farlo nel modo corretto
Pulizie di Casa

Lavare a mano, come farlo nel modo corretto

Come lavare le mascherine di stoffa
Pulizie di Casa

Come lavare le mascherine di stoffa

Igienizzare i nuovi must have per una casa a prova di covid-19
Pulizie di Casa

Igienizzare: i nuovi must have per una casa a prova di covid-19

Come pulire il congelatore
Pulizie di Casa

Come pulire il congelatore

Come pulire il condizionatore con prodotti naturali
Pulizie di Casa

Come pulire il condizionatore con prodotti naturali

Prodotti naturali per la lavastoviglie
Pulizie di Casa

Prodotti naturali per la lavastoviglie

Consigli e suggerimenti per adottare un cane
Animali domestici

Consigli e suggerimenti per adottare un cane

Voglia di prendere un amico a quattro zampe? Ecco tutti i consigli e i suggerimenti per adottare un cane.

Leggi di più