Le pulizie di primavera

Le pulizie di primavera

Con la primavera arriva la voglia di nuova freschezza in casa, è tempo di pulizie: vediamo come organizzarle senza stress

-
10/04/2013

Anche se con un po’ di ritardo la primavera sta arrivando sul serio, e con lei arriva anche il desiderio di vivere in un luogo fresco, pulito ed arieggiato in cui si respira aria di nuovo,  le finestre si aprono e la luce comincia a filtrare illuminando ogni ambiente della nostra casa ed ogni singola macchia di grasso, particella di polvere e goccia di unto che si è depositata su mobili e piastrelle. Insomma con la primavera arriva anche il momento di pulire a fondo la nostra casa e, diciamolo pure, non tutte siamo felici di questo, anzi; ma con un po’ di impegno, di organizzazione e qualche trucco si può affrontare questa incombenza con entusiasmo e tranquillità.

Come organizzare le pulizie

Innanzitutto è meglio organizzare le pulizie in uno o più momenti in cui ci si trova a casa da sole, in questo modo vi muoverete tra gli ambienti senza disturbare e potrete aprire tutte le finestre senza infastidire nessuno. Si può decidere di procedere una stanza alla volta oppure per tipologia di lavoro ad esempio affrontando prima tutti gli infissi e poi la polvere dappertutto. Conviene  sempre cominciare dall’alto per poi scendere, in questo modo si eviterà che la polvere eliminata dalla libreria si depositi sul comodino che è stato pulito poco prima.


Leggi anche: Pulizie post vacanze, 10 cose che dovete assolutamente pulire

Finestre trasparenti, finalmente[dup_immagine align=”alignright” id=”10275″]

In primo luogo occupiamoci delle finestre. Per prima cosa bisogna staccare le tende e lavarle in lavatrice, non sarà nemmeno necessario stenderle e stirarle, una volta eseguita la storgitura si possono riappendere al proprio posto dove asciugheranno belle distese. I vetri possono essere lavati con una soluzione di acqua e aceto bianco al 50% che deve essere inserita in un vaporizzatore, spruzzata e asciugata con carta di quotidiano che per la sua composizione chimica è ottima anche come sgrassante. Insieme ai vetri pulirete anche gli infissi, se sono di legno potrete prendere una spugna e passarla molto bene nel sapone di Marsiglia, poi immergerla in un catino pieno d’acqua e strizzarla in modo che perda tutto il sapone, a questo punto intingete in quest’acqua saponata un panno, strizzatelo in modo che risulti solo umido e con questa pulite gli infissi di legno. Pulite bene anche le persiane o le tapparelle, ma se non volete rischiare il salto nel vuoto non fate le equilibriste sul davanzale: per pulire la parte esterna della tapparella è sufficiente smontare il cassone e farlo dall’interno man mano che la srotolate.

Guerra aperta contro la polvere

Dopo i mesi invernali in cui il riscaldamento è stato acceso per parecchie ore, la polvere si è accumulata almeno in quei luoghi che non vengono puliti settimanalmente e possono essersi formate delle ragnatele, armatevi quindi di aspirapolvere per eliminare questi scomodi residui; pulite anche i termosifoni con uno spolverino che vi permetta di entrare comodamente tra un elemento e l’altro. È ora il momento di pulire le librerie: conviene accatastare i libri su un tavolo, tutti insieme o un ripiano alla volta, pulire i ripiani con i prodotti idonei e poi reinserire i libri spolverandoli uno alla volta. Per pulire i quadri senza sporcare i muri toglieteli dal loro gancio e spolverateli tenendoli in mano o appoggiati per terra; se volete evitare quegli antiestetici aloni grigi intorno alle vostre cornici prima di riattaccare il quadro fissate quattro puntine da disegno in corrispondenza degli spigoli: avranno il compito di mantenere un millimetro di stacco tra quadro e parete garantendo la pulizia di quest’ultima.


Potrebbe interessarti: Le 15 cose che dimentichiamo di pulire

Divani e materassi

La polvere – con i suoi fastidiosissimi acari –  deve essere eliminata anche da divani e cuscini, se avete un divano sfoderabile lavate federe e copertura e battete tutti i cuscini con un battipanni. In camera sollevate il materasso e appoggiatelo ad un muro o all’armadio e battete anche questo con il battipanni da entrambe i lati; approfittatene per rimuovere anche le doghe o la rete del letto (se si può) e passare l’aspirapolvere accuratamente in tutte le parti, poi pulite il pavimento  sottostantee ricomponete il letto facendo in modo di lasciare il lato estivo del materasso nella parte superiore.

[dup_immagine align=”alignleft” id=”10277″]Il tocco finale

Pulite a questo punto i mobili, svuotateli e approfittatene per fare una cernita del contenuto individuando, soprattutto in cucina, quello che non serve più o che è scaduto; i mobili vanno puliti dentro e fuori da polvere e grasso, ma bisogna passare anche sopra prima di iniziare tutti gli altri lavori. Ricordatevi di pulire anche le porte interne e le maniglie, passatele con una spugna umida e vi stupirete della differenza.  Non tralasciate infine frigorifero e freezer, spegneteli per lavarli all’interno e, anche in questo caso, smaltite quanto non è più utilizzabile.

Non dimentichiamo di gratificarci

Per alleviare il peso delle pulizie potrete organizzarvi con musica o audiolibri che vi tengano compagnia, procedete per settori e ad ogni obiettivo raggiunto gratificatevi con qualche cosa che vi fa piacere, un giretto su facebook o una telefonata breve ad esempio. Provate a fare delle foto del prima e del dopo: il modo migliore di ricompensarci è quello di prendere coscienza dei risultati ottenuti per ripartire di slancio verso la prossima meta. Infine concedetevi un po’ di shopping: un nuovo aroma naturale per l’ambiente, un cuscino di colore diverso o un vaso con fiori freschi possono stimolarvi ad ottenere il massimo dal vostro lavoro.

  • Scrittore e Blogger